MotoGP Argentina: Andrea Dovizioso, “Sono soddisfatto, abbiamo un buon ritmo”

Quinto tempo nel Day 1 Argentino per il pilota della Ducati, protagonista di un grande avvio di stagione

MotoGP Argentina: Andrea Dovizioso, “Sono soddisfatto, abbiamo un buon ritmo”MotoGP Argentina: Andrea Dovizioso, “Sono soddisfatto, abbiamo un buon ritmo”

MotoGP 2015 GP Argentina Ducati – Andrea Dovizioso, grande protagonista di questo avvio di stagione, ha ottenuto il quinto tempo nella prima giornata del Gran Premio d’Argentina, che si sta disputando sul tracciato di Termas de Rio Hondo. Il pilota della Ducati è soddisfatto soprattutto ripensando ai tanti problemi avuti lo scorso anno, quando ebbe un weekend davvero difficile. A lui la parola.

“Sono soddisfatto perché in confronto all’anno scorso abbiamo un buon ritmo, ed è molto importante per me visto che nel 2014 ero andato male tutto il weekend – ha detto Andrea Dovizioso – Abbiamo migliorato un po’ la moto nel pomeriggio ma dobbiamo anche cercare un passo di gara che ci consenta di andare forte senza calare dopo qualche giro. Qui è davvero difficile perché in questa pista si scivola tantissimo, ma stiamo lavorando per migliorare questo aspetto.”

Alla domanda sulla competitività della Suzuki (casa che lo aveva corteggiato), oggi in testa con Aleix Espargarò ha così risposto.

“Credo che possa essere competitiva anche in gara, perchè fanno un T3 esagerato. Qui c’è un solo rettilineo, quindi non soffrono molto la mancanza di potenza ed in compenso la pista è molto guidata, evidentemente hanno una buona percorrenza di curva. Bisognerà vedere se in gara potranno ripetersi, ma in questo momento credo di si”

Parlando poi di una staccata avvenuta in fondo al rettilineo d’arrivo e dove la sua moto sembrava oscillare di più rispetto a quella di Andrea Iannone ha affermato: “Quella è una curva particolare, dove a volte “lascio” i freni per poi riprenderli. Non credo ci sia una differenza di setup con la moto di Iannone.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati