La Superbike torna nel Vecchio Continente

C'è grande attesa per il terzo appuntamento della stagione al Motorrad di Aragon, in Spagna

La Superbike torna nel Vecchio ContinenteLa Superbike torna nel Vecchio Continente

Dopo i primi due round disputati dall’altra parte del Mondo, il Campionato Mondiale eni FIM Superbike è pronto all’esordio in terra europea, con il terzo round della stagione che si terrà questo weekend al MotorLand di Aragon.

Il circuito spagnolo, che ha fatto il suo debutto nella competizione nel 2011, verrà per la prima volta utilizzato in WorldSBK nella configurazione FIM di 5.078Km, con due curve a sinistra ad immettere sul rettilineo dei box.

Tanti i campioni attesi, chi per confermare quanto di buono ha fatto vedere in queste prime due gare della stagione, chi per riscattare un esordio non molto fortunato.
Partendo dal leader, proprio su questo tracciato, nel novembre scorso, Jonathan Rea fece il suo debutto assoluto in sella alla ZX-10R del Kawasaki Racing Team, la stessa con cui sta comandando la classifica quasi a punteggio pieno.

Lo scorso anno, su quella che è può essere considerata la pista di casa del team di Akashi in WorldSBK, fu Tom Sykes a conquistare la doppietta di gara, oltre alla Tissot-Superpole, in entrambi i casi davanti all’allora compagno di box, Loris Baz.
A differenza di Rea, l’ex iridato 2013 non ha avuto un felice inizio di campionato, con solo un piazzamento a podio all’attivo.

Altro protagonista di questo avvio di stagione è Leon Haslam, che sta attraversando un splendido momento di forma e, insieme a Jordi Torres sta dimostrando la competitività della nuova RSV4 RF, nonostante i cambi regolamentari entrati in vigore quest’anno e l’abbandono, almeno in forma “ufficiale” della Superbike da parte di Aprila.

Atteso ad una prova di alto livello sulla pista “di casa” non è solo Torres ma anche gli altri piloti iberici Nico Terol (Althea Racing Ducati), David Salom (Team Pedercini Kawasaki), Santiago Barragan (Grillini SBK Team) e Roman Ramos (Team Go Eleven Kawasaki).

A rinfoltire ulteriormente l’armata spagnola, per i prossimi due round, ci sarà anche Xavi Fores, chiamato a sostituire l’infortunato Davide Giugliano dopo il “nuovo” ritiro dalle corse di Troy Bayliss.

Completando la panoramica dei protagonisti che vedremo in piadta a partire dalle libere di venerdì 10 aprile, Alex Lowes è deciso a continuare sulla scia del primo podio della stagione, conquistato tre weekend fa in Thailandia, mentre gli alfieri Pata Honda Sylvain Guintoli e Michael van der Mark proveranno a fare quel passo in avanti che consentirebbe loro, finalmente, di inserirsi nella lotta per la top-3, in attesa del round di casa della squadra olandese, in programma la settimana successiva ad Assen.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati