MotoGP: Jorge Lorenzo, “In Qatar per lottare per la vittoria”

Il maiorchino della Yamaha è in grande forma, sia fisica che psicologica e punta al Top

MotoGP: Jorge Lorenzo, “In Qatar per lottare per la vittoria”MotoGP: Jorge Lorenzo, “In Qatar per lottare per la vittoria”

MotoGP 2015 GP Qatar Yamaha – Il due volte iridato della Top Class Jorge Lorenzo arriva in Qatar con tutt’altro spirito rispetto allo scorso anno. La prima prova del 2014 fu un vero e proprio disastro, con una caduta avvenuta nel primo giro mentre era in testa alla gara. Anche le gare successive furono da dimenticare, ma quest’anno la forma fisica/psicologica del maiorchino della Yamaha è di tutt’altro spessore. A lui la parola.

“Il pre-season è finito e non vedo l’ora di correre. I test invernali sono stati molto positivi, abbiamo dei vantaggi dati da nuove parti meccaniche e siamo andati bene anche in termini di prestazioni. Abbiamo fatto un ottimo lavoro in entrambi i test di Sepang e abbiamo idee chiare su come migliorare la moto. Poi siamo stati in Qatar un paio di giorni fa, ma purtroppo in una pista che di solito si adatta molto bene alla nostra YZR-M1, abbiamo faticato per trovare il miglior set-up – ha detto Jorge Lorenzo – Abbiamo perso l’ultimo giorno a causa della pioggia, ed è stato un peccato, ma ora arriva la prima sfida del campionato, il gioco vero e proprio e andiamo a Losail desiderosi di lottare per la prima vittoria. Voglio dimenticare quello che è successo un anno fa con la caduta nel primo giro della gara. Fortunatamente quest’anno arriviamo con una forma migliore e possiamo fare ancora meglio nella prima parte della stagione, quindi siamo fiduciosi per la prima gara del mondiale.”

Foto: Alex Farinelli

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    nandop6

    24 marzo 2015 at 16:54

    E’ migliorata ma a Sepang la Honda è stata davanti perchè la pista la avvantaggia, in Qatar che è una pista favorevole a Yamaha la Honda è stata più veloce di nuovo. Mha!!!!!!!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati