Superbike: Jonathan Rea vince in solitudine Gara 1

Completano il podio ancora Leon Haslam e Tom Sykes. Scivolate per Chaz Davies e Alex Lowes. Ancora crisi per le due Honda.

Superbike: Jonathan Rea vince in solitudine Gara 1Superbike: Jonathan Rea vince in solitudine Gara 1

Jonathan Rea, dopo la Superpole di ieri, si prende anche la vittoria in Gara 1 e diventa il primo pilota a scrivere il suo nome nell’albo d’oro del round thailandese.

In una manche in cui lo spauracchio era rappresentato dall’usura delle gomme, anche per il fatto che le temperature sono tornate quelle di venerdì, alla fine le Pirelli sembrano poter reggere alla grande l’urto dell’asfalto del Chang International Circuit, come si è potuto vedere alla fine.

La Kawasaki quest’oggi ha un doppio motivo per festeggiare: Tom Sykes, autore finalmente di una gara consistente, riesce a salire sul gradino più basso del podio, anche se l’umore dell’ex Campione non può dei migliori vista la prestazione del compagno di team.
Nelle interviste di rito, l’inglese ha lamentato inoltre alcuni limiti della Ninja che a suo dire lo penalizzerebbero, in particolare quella di non tenere la frenata e di non essere stabile come quella dello scorso anno, dato l’albero motore più pesante.

Problemi tecnici lamentati anche da Leon Haslam che chiude ancora secondo ma che, nonostante gli sforzi, non riesce ad impensierire più di tanto Jonathan Rea: problemi all’anteriore che in Aprilia cercheranno di risolvere per Gara 2.
Dopo la partenza, e due giri “interlocutori”, Jonathan Rea riesce dunque a scappare via e a dettare il ritmo fino a pochi giri dalla fine, seguito anche se da lontano da Leon Haslam e da un gruppo di piloti all’inizio composto da Chaz Davies, Tom Sykes, Alex Lowes e Jordi Torres che, purtroppo per lo spettacolo, a metà gara perde i piloti Ducati e Suzuki.

La grande bagarre negli ultimi giri la regalano, contrariamente alle attese, sempre una Aprilia e una Kawasaki ma quelle di Tom Sykes e Jordi Torres: il rookie ce la mette tutta a salire sul podio senza però, nonostante gli sforzi, ad avere la meglio sull’ex Campione del Mondo.
Sykes che da parte sua mette tutta la sua esperienza per contenere la foga del giovane pilota, dopo che a metà gara aveva dovuto subire il sorpasso deciso di Alex Lowes, poi vittima di una scivolata nello stesso identico punto di Chaz Davies.
Entrambi i piloti riescono a non far spegnere le loro moto, chiudendo alla fine rispettivamente sesto e undicesimo.

Torres che è stato autore ancora di una gara consistente facendo vedere ottime cose in pista nonostante sia evidente il lavoro che sta facendo, e deve ancora fare, sul suo stile di guida, soprattutto in staccata, abituato fino a pochi mese fa alla Moto 2.

Ancora male le due Honda, con Michael Van der Mark ritiratosi nel corso delle prime fasi di gara per un problema tecnico e Sylvain Guintoli mai protagonista della corsa: il Campione del Mondo alla fine chiude quinto ma a oltre 20 secondi dalla vetta.
La top ten è completata da Alex Lowes, sesto, un ottimo Matteo Baiocco, settimo e autore del giro veloce, Troy Bayliss che recupera alla grande nel finale, David Salom e Leandro Marcado.

Di seguito l’ordine di arrivo di Gara 1:

1. Jonathan Rea GBR Kawasaki Racing ZX-10R 20 laps
2. Leon Haslam GBR Red Devils Roma Aprilia RSV4 +6.329s
3. Tom Sykes GBR Kawasaki Racing ZX-10R +8.163s
4. Jordi Torres ESP Red Devils Roma Aprilia RSV4 +8.513s
5. Sylvain Guintoli FRA PATA Honda CBR1000RR +20.502s
6. Alex Lowes GBR Voltcom Crescent Suzuki GSX-R1000 +22.249s
7. Matteo Baiocco ITA Althea Ducati 1199R +26.118s
8. Troy Bayliss AUS Aruba.it Racing Ducati 1199R +27.174s
9. David Salom ESP Pedercini Kawasaki ZX-10R +27.925s
10. Leandro Mercado ARG Barni Ducati 1199R +32.610s
11. Chaz Davies GBR Aruba.it Racing Ducati 1199R +37.330s
12. Nico Terol ESP Althea Ducati 1199R +37.902s
13. Randy de Puniet FRA Voltcom Crescent Suzuki GSX-R1000 +41.722s
14. Sylvain Barrier FRA BMW Italia S1000RR +50.099s
15. Roman Ramos ESP GO Eleven Kawasaki ZX-10R +59.457s

16. Greg Gildenhuys RSA Pedercini Kawasaki ZX-10R +1m 20.519s
17. Santiago Barragan ESP Grillini Kawasaki ZX-10R +1m 20.931
18. Imre Toth HUN Team Toth BMW S1000RR +1 lap
19. Ireneusz Sikora POL Team Toth BMW S1000RR +1 lap

Non classificati:

20. Larry Pegram USA Team Hero EBR 1190RX 16 laps completed
21. Anucha Nakcharoensri THA YSS TS Honda CBR1000RR 14 laps completed
22. Michael van der Mark NED PATA Honda CBR1000RR 6 laps completed
23. Christophe Ponsson LUX Grillini Kawasaki ZX-10R 4 laps completed
24. Niccolo Canepa ITA Team Hero EBR 1190RX 3 laps completed
25. Leon Camier GBR MV Agusta F4 RR 1 lap completed
26. Chanon Chumjai THA RAC Oil BMW S1000RR 0 laps completed

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati