Superbike: Kawasaki punta al podio in Thailandia

Jonathan Rea vuole confermarsi al vertice mentre Tom Sykes è in cerca di riscatto.

Superbike: Kawasaki punta al podio in ThailandiaSuperbike: Kawasaki punta al podio in Thailandia

Il Kawasaki Racing Team è in viaggio verso la Thailandia, in attesa di cimentarsi con un tracciato tutto nuovo qual è il Chang International Circuit.

Jonathan Rea è intenzionato a mostrare nuovamente il suo potenziale in sella alla ZX-10R ufficiale, dopo l’ottima prova di Phillip Island e la leadership in classifica condivisa con l’ex compagno di squadra Leon Haslam.
Dopo i problemi di set-up e l’uscita di pista in gara, che non gli hanno permesso di stare con i primi in Australia, Tom Sykes ha tutta l’intenzione di tornare nelle posizioni che gli competono, su una pista che sulla carta potrebbe adattarsi bene allo stile di guida dell’iridato 2013 Superbike.
Sykes ha già preso parte, in passato, ad un evento promozionale in Thailandia per conto di Kawasaki, dando il suo supporto all’impegno di Kawasaki nell’Asia Road Racing Championship ed incontrando i fan in un grande evento tenutosi nella capital Bangkok.
Il britannico farà inoltre visita ad uno stabilimento Kawasaki del posto, prima dell’inizio del weekend di gara.

“Ad essere onesti non mi sarei mai aspettato un inizio così positivo. So che i nostri obiettivi per la trasferta australiana non erano eccessivamente ambiziosi, visto il rapporto non idilliaco della moto con la pista in passato, ma nel nostro caso devo dire che abbiamo trovato un buon set-up” – ha detto Jonathan Rea – “Il comportamento della moto, grazie al lavoro di tutti, è stato perfetto ed ero soddisfatto delle sue prestazioni, nonostante i problemi incontrati all’inizio. Questo mi dà un po’ di fiducia ulteriore, visto che la Ninja ZX-10R è ancora una moto da scoprire per me. È da tanto che non tornavo in Tailandia ed il piano era quello di arrivare una settimana prima, per ricaricare le batterie e prepararsi al secondo round. Non siamo riusciti lo scorso anno a farci una vacanza, ma con questi due giorni posso sicuramente adattarmi un po’ alle condizioni climatiche.”

“Guardo con attesa alle prime due gare del Mondiale Superbike in Tailandia. Partecipiamo ad un campionato mondiale ed ora le trasferte oltre oceano sono decisamente più numerose” – ha dichiarato Tom Sykes – “Non vedo l’ora di conoscere la pista e so che i fan tailandesi vanno matti per le moto. Il tracciato sembra molto in stile europeo, con tornantini e curve non troppo lunghe. Si tratta di una nuova sfida per tutti e sono sicuro che le condizioni climatiche avranno il loro impatto sul fine settimana”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati