MotoGP: Test Qatar Day 2, Andrea Dovizioso “Abbiamo lavorato bene usando sempre la gomma dura”

Miglior tempo per il forlivese della Ducati che porta in vetta la GP15

MotoGP: Test Qatar Day 2, Andrea Dovizioso “Abbiamo lavorato bene usando sempre la gomma dura”MotoGP: Test Qatar Day 2, Andrea Dovizioso “Abbiamo lavorato bene usando sempre la gomma dura”

Ducati MotoGP Test Qatar – Grande Ducati anche nel secondo giorno di test a Losail. Andrea Dovizioso ha infatti ottenuto il miglior tempo (1’54″907) con tanto di record della pista. Il pilota forlivese ha lavorato così come ieri utilizzando sempre la gomma dura, riuscendo ad essere veloce sia con la gomma nuova che con quella usata. Rimane da migliorare la stabilità in frenata, ma rimane la grande performance.

“Sono molto contento del mio tempo di oggi: abbiamo lavorato bene e usato sempre la gomma dura, come ieri. Sono contento anche della nostra velocità perché riusciamo ad essere molto competitivi sia con la gomma usata che con quella nuova. Dobbiamo ancora migliorare in certi aspetti, come la stabilità in frenata e nella prima parte dell’accelerazione la moto si muove ancora un po’ troppo, però come velocità sul giro siamo a un buon punto. Adesso stiamo lavorando sulle rifiniture e sulla distanza di gara, perché su questa pista il calo della gomma è molto significativo.”

Foto: Alex Farinelli

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

5 commenti
  1. Avatar

    testoner

    16 marzo 2015 at 13:13

    passi avanti se ne vedono. e buona parte del merito va dato a dovizioso che come collaudatore e’ super. (insieme a dall’igna)
    ma secondo me ancora nn potranno lottare costantemente per il podio.
    spero di sbagliarmi

  2. Avatar

    Ronnie

    16 marzo 2015 at 20:58

    Credo che il merito sia di Dall’Igna più che di Dovizioso. I piloti hanno fatto il loro lavoro come l’aveva fatto Stoner e come l’aveva fatto anche Rossi, e persino Hayden.

    Non sono i piloti che hanno fatto cambiare da soli la moto, senza Dall’Igna senza dare una grossa scrollata alla struttura di Ducati, nella parte di progettazzione e senza buttar via certe soluzioni, e senza il cambio di regolamento passando al Open con più motori e sviluppo durante la stagione tutto questo non sarebbe stato possibile.

    Dando la possibilità di usare tanti motori e di svilupparli, ora hanno riconquistato il vantaggio motoristico perlomeno, come nel 2007.
    Spero che lavorino tanto e sodo per tutto l’anno e che arrivino a fine stagione con delle condizioni simili a quelle di Mercedes in F1 per potersi giocare il mondiale e vincerlo con facilità l’anno prossimo, in quel caso potrebbero anche ottenere un Top Rider, ma la vedo dura.
    Devono mettere a posto questioni di tealio e di elettronica ed è ora che si fa dura, e che serviranno indicazioni precise e precise soluzioni che non facciano perdere competitività alla moto.

    Per ora hanno risolto il grande problema del fare le curve, ma questo lo diceva Stoner, l’ha detto Rossi, lo diceva Hayden e l’hanno detto poi i 2 Andrea.
    Le soluzioni sono arrivate grazie al regolmento che gli ha fatto cambiare il motore durante la stagione e all’esperienza di Dall’Igna e del team di sviluppo che è finalmente intervenuto in modo cospiquo li dove non era ancora stato fatto.

    Vedremo come andrà in gara, spero che mantengano la competitività, di sicuro le Pole le possono fare, bisognerà vedere quanto reggono in gara, soprattutto perché se gli fanno fare la lepre, Marquez non può che trarne vantaggio stando in scia, risparmiando carburante pneuamtici e stancandosi meno e lasciando li tutti sul posto appena gli altri hanno un calo :)

  3. Avatar

    Ronnie

    16 marzo 2015 at 21:07

    Comunque se fanno record della pista con la media, e hanno problemi in frenata che fanno se per sbaglio li mettono a posto? :)

    • Avatar

      Doug

      17 marzo 2015 at 08:35

      Che fanno? Rifanno il 2007 :)

    • Avatar

      Ronnie

      17 marzo 2015 at 22:32

      Bhé diciamo che gli manca Stoner, però i vantaggi di cui dispongono potrebbero chiudere quel gap di esperienza che hanno i 2 Andrea nei confronti dei primi 4, quindi potrebbero anche farcela se migliorasserlo la stabilità della moto soprattutto per quel che riguarda l’usura del pneumatico posteriore.

      La frenata al momento mi sembra un non problema, bisogna vedere in gara se effettivamente non riescono ad attaccare ma mi suona molto strano che abbiano grossi probelmi in frenata ma riescano a fare record della pista senza la mescola morbida.
      Secondo me la frenata non ha nulla da invidiare a quella di Yamaha e forse persino di Honda ma bisognerà vedere in gara se effettivamnte è così, ma se hanno fatto quei tempi secondo me non hanno grossi probelmi in frenata.

      Quello che invece mi preoccupa di più è l’elettronica che gestisce gli pneumatici sulla distanza gara.
      E’ vero che in molte gare avranno la possibilità di usare la media e come le MotoGP e che la mescola dura forse l’anno scorso è stata usata in 2-4 occasioni al massimo, quindi non ci perdono molto o nulla, e forse in altre 2 o 3 gare anno la soft al posto che la media, quindi anche quello rappresenta un handicap alla lunga se vogliono puntare al mondiale, ma di certo è tutto compensato dallo sviluppo e dai motori in più alla fine non è che possono avere proprio tutti i favoritismi.

      Diciamo che se gli va bene e piovesse dove loro non hanno la dura e serve la dura sarebbero in gioco per il mondiale. Bisogna capire se sono realmente in grado di vincere gare e impensierire Marquez. Secondo me hanno il potenziale come moto e piloti solo per impensierire fino a fine gara Lorenzo Rossi e Pedrosa, credo che Marquez resti su un altro pianeta.

      Servirebe uno Stoner sulla Ducati, mantenendo i vantaggi Open, in quel caso impensierirebbe Marquez ma ora come ora, forse solo un Lorenzo su una Ducati con i vantaggi potrebbe impensierire Marquez e nemmeno tanto spesso.

      Marquez e Honda ora sono il pilota migliore sulla moto migliore, c’è poco da fare se gli altri non hanno vantaggi…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati