Moto3: Niccolò Antonelli, “Quest’anno non mi pongo obiettivi, cercherò sempre di raccogliere il massimo”

Intervista esclusiva a Niccolò Antonelli rider Honda Ongetta Rivacold

Moto3: Niccolò Antonelli, “Quest’anno non mi pongo obiettivi, cercherò sempre di raccogliere il massimo”Moto3: Niccolò Antonelli, “Quest’anno non mi pongo obiettivi, cercherò sempre di raccogliere il massimo”

Presentazione Ongetta Rivacold – E’ stato presentato ieri sera il Team Ongetta Rivacold che prenderà parte al motomondiale classe Moto3 2015. I due nuovi piloti, Niccolò Antonelli e Jules Danilo saranno in sella alle nuove Honda RS250RW, che come potete vedere nella foto hanno una livrea che ricorda la Honda 500 di Freddie Spencer. Durante la serata abbiamo intervistato in esclusiva il pilota di Cattolica, ex Team Gresini, che nei test in sella Honda si è trovato molto bene, facendo segnare ottimi riscontri cronometrici.

Siamo con Niccolò Antonelli, che quest’anno ha cambiato moto e team. Quali sono le tue prime impressioni dopo i primi test?

“Le prime impressioni sono molto buone. Abbiamo girato a Valencia e Jerez e siamo sempre stati lì davanti, un aspetto molto importante. Mi trovo molto bene con la squadra, abbiamo grande feeling, sono molto contento e credo lo siano anche loro. Sta andando tutto bene, speriamo di continuare così.”

La nuova Honda pur pesando un pò meno di quella dello scorso anno è comunque sempre più pesante della KTM. Un punto a tuo favore visto che sei “costretto” dal tuo peso a correre con la zavorra, che però quest’anno sarà presente in modo minore. (Ricordiamo che c’è un peso minimo dato dalla somma moto più pilota).

“Il fatto che pesi meno dello scorso anno è comunque importante (dice riferendosi alla Honda), ma pesa comunque di più della KTM di circa 3/4 Kg, quindi avrò meno zavorra. Lo scorso anno ne avevo 5/6, quest’anno dovrebbe essere invece intorno ad 1,5 Kg. Questo direi che è molto molto positivo.”

Nei test avete sempre girato con la zavorra? E avete già trovato la giusta collocazione?

“Abbiamo sempre girato con la zavorra perchè non aveva senso fare diversamente. Per quanto riguarda la sua collocazione la Honda ha dato direttive in merito e quindi sono state rispettate, anche se sinceramente non so dove sia stata messa.”

Quali sono le differenze principali tra la KTM che hai guidato lo scorso anno e questa moto?

“Io ho voluto fortemente questa moto. Fortunatamente lo scorso anno ho avuto l’opportunità di scegliere con quale moto correre. A me la Honda mi è sempre piaciuta. Una scelta voluta e sono molto contento, perchè vado più forte dove lo scorso anno avevo più problemi. In percorrenza di curva riesco a guidare meglio e come voglio. In frenata c’è ancora da sistemare qualcosa, ma tutto è “regolare.”

L’obiettivo per il Qatar?

“Intanto speriamo di continuare così nei prossimi test. Poi in Qatar non voglio pormi degli obiettivi, perchè lo scorso anno l’ho fatto e non è andato come avrei voluto. Quest’anno voglio partire con calma, dare il mio 100% e raccogliere più punti possibile per il campionato, poi quello che verrà lo prenderemo diversamente.”

Non c’è più Miller che è passato direttamente dalla Moto3 alla MotoGP, non c’è più Alex Marquez (iridato 2014 della categoria) che è “salito” in Moto2, quali sono quindi i piloti da battere?

“Credo che almeno dieci piloti potranno lottare costantemente per il podio. Sicuramente Fenati, i piloti del Team Ajo (Oliveira e Kent), Bastianini, il giovane Quartararo e molti altri che magari non mi vengono in mente, come ad esempio Vazquez, Kent.”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Moto3

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati