Superbike: Anche la Thailandia a rischio per il nuovo Team JR

Il team capitanato da Troy Corser e iscritto al Mondiale 2015 con le BMW S 1000 RR, dopo le difficoltà finanziarie che gli hanno impedito di correre in Australia, rischia di non debuttare nemmeno nel prossimo round.

Superbike: Anche la Thailandia a rischio per il nuovo Team JRSuperbike: Anche la Thailandia a rischio per il nuovo Team JR

Sembra proprio una storia nata male quella del Team JR, di proprietà di Joselyn Robinson e capitanato dal leggendario Troy Corser: difficoltà tecniche per lo sblocco dei fondi hanno infatti impedito ai due piloti, Ayrton Badovini e Toni Elias, pur iscritti al Mondiale con garanzia Dorna, di debuttare insieme ai loro colleghi in Australia, nel primo round di Phillip Island.

Dopo l’arrivederci alla Thailandia, però, del team non se ne è saputo più nulla: nessun comunicato e soprattutto nessuna garanzia di partecipazione al secondo appuntamento del Campionato.
Voci interne alla BMW parlano di contratti non rispettati e di bonifici mai arrivati, e visto che il team JR aveva prenotato quattro moto, preso in affitto parte del reparto corse di Rosenheim e l’hospitality del vecchio team ufficiale della Casa tedesca, si parla di cifre molto importanti.
In aggiunta sembra che la direzione del team sia divenuta irraggiungibile anche per i due piloti “ufficiali”, che allo stato attuale dei fatti sono praticamente a piedi, con poche prospettive di trovare un’altra sella per il proseguo della stagione, a meno che MV Agusta non decida, come si vocifera, di schierare una seconda moto dando un compagno di box a Leon Camier.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati