Superbike: E’ di Jonathan Rea la prima Tissot Superpole della stagione

Completano la prima fila uno strepitoso Chaz Davies e Leon Haslam, davanti a Michael Van der Mark, Alex Lowes e un sorprendente Nico Terol.

Superbike: E’ di Jonathan Rea la prima Tissot Superpole della stagioneSuperbike: E’ di Jonathan Rea la prima Tissot Superpole della stagione

A Phillip Island in un pomeriggio davvero torrido, Jonathan Rea conquista la prima Tissot Superpole dell’anno facendo segnare un 1’31.212, più alto rispetto ad esempio al tempo di 1’30.7 fato registrare da Haslam nel corso della terza sessione di libere della mattinata, segno che le moto evidentemente soffrono le alte temperature.

Per il pilota britannico si tratta della quinta partenza al palo della carriera, nonostante il crono di 1’31.212 non sia stato il più veloce fatto segnare nella seconda sessione: Chaz Davies stava facendo segnare un tempo di 1’30.8, quando le bandiere rosse gli hanno impedito di completare il giro e hanno decretato la chiusura anticipata della sessione.
Il motivo è stato una brutta caduta di David Salom che è stato disarcionato dalla sua ZX-10R mentre si trovava tra la curva 11 e 12 e, dopo varie capriole, ha terminato la sua corsa nella ghiaia: immediatamente trasportato al centro medico del circuito, si sta sottoponendo a dei controlli, ma è sempre stato cosciente.

Chaz Davies ha comunque concluso al secondo posto, con la prima fila che viene completata da Leon Haslam, terzo a precedere Michael van der Mark, Alex Lowes (Voltcom Crescent Suzuki), Nico Terol e Jordi Torres.

I Campioni del Mondo delle due passate edizioni, Tom Sykes e Sylvain Guintoli, partiranno invece dall’ottavo e nono posto della griglia di partenza.

Matteo Baiocco e Leandro Mercado hanno chiuso al decimo e dodicesimo posto, dopo aver conquistato accesso al secondo turno attraverso la prima sessione.

Troy Bayliss è sceso regolarmente i pista dopo l’incidente nella quarta sessione di libere, che ricordiamo non sono valide ai fini delle qualifiche, chiudendo al 14esimo posto sulla griglia di partenza di domani: un risultato davver incredibile considerando che non corre più in gare ufficiali dal 2008.

Di seguito la classifica dopo la Tissot Superpole, seconda manche:

1 65 J. REA GBR Kawasaki Racing Team Kawasaki ZX-10R 1’31.212
2 7 C. DAVIES GBR Aruba.it Racing-Ducati SBK Team Ducati Panigale R 1’31.238
3 91 L. HASLAM GBR Aprilia Racing Team – Red Devils Aprilia RSV4 RF 1’31.507
4 60 M. VD MARK NED PATA Honda World Superbike Team Honda CBR1000RR SP 1’31.613
5 22 A. LOWES GBR VOLTCOM Crescent Suzuki Suzuki GSX-R1000 1’32.042
6 18 N. TEROL ESP Althea Racing Ducati Panigale R 1’32.081
7 81 J. TORRES ESP Aprilia Racing Team – Red Devils Aprilia RSV4 RF 1’32.243
8 66 T. SYKES GBR Kawasaki Racing Team Kawasaki ZX-10R 1’32.265
9 1 S. GUINTOLI FRA PATA Honda World Superbike Team Honda CBR1000RR SP 1’32.446
10 15 M. BAIOCCO ITA Althea Racing Ducati Panigale R 1’32.841
11 44 D. SALOM ESP Team Pedercini Kawasaki ZX-10R 3 303,4
12 36 L. MERCADO ARG BARNI Racing Team Ducati Panigale R

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

3 commenti
  1. Avatar

    Rob

    21 febbraio 2015 at 08:32

    J.Rea non è una sorpresa,è un bravo pilota,ed anche un gran bravo ragazzo,che merita finalmente una moto competitiva.
    Faccio il tifo per lui ma…occhio alle Aprilia domani,su questa pista l’Aprilia va notoriamente sempre bene.

  2. Avatar

    ueueue

    21 febbraio 2015 at 12:09

    .. Comunque questa Panigale ne sta mandando diversi in ospedale..rispetto alle altre o è solo una mia impressione?…
    Non è x gufare nessuno ovvio…

    Forza Troy ..x me finisce tranquillamente nei primi 10..

  3. Avatar

    bcs

    21 febbraio 2015 at 15:53

    Scrivo qua, perchè è l’articolo in Primo Piano.
    Non c’entra niente con le qualifiche e il risultato della Sbk, ma secondo me è una cosa ben più importante di “semplici” qualifiche.

    Leggete questo articolo:

    “Nascar: Kurt Bush sospeso a tempo indeterminato”

    Perchè Dorna non ha fatto la stessa cosa che quella persona di merd* (opinione personale, sia chiaro, uno che si comporta in quel modo merita a mio avviso trattamenti parecchio pesanti) di Barberà?

    Perchè a lui è permesso correre nella massima serie del motociclismo?

    Anche i bambini guardano le corse ed un elemento del genere merita di essere preso come “punto di riferimento”?

    Io credo di no….

    Grandissimi quelli della Nascr, hanno dimostrato di avere un gran bel paio di pall… Cosa che manca in chi gestisce il Motomondiale….

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati