Superbike: Il Campionato che verrà

Prima presentazione della prossima stagione

Superbike: Il Campionato che verràSuperbike: Il Campionato che verrà

Archiviata in fretta il campionato appena concluso, le squadre si sono concentrate sin da subito sul campionato 2015, che sarà caratterizzato come sempre da molte novità.

Sylvain Guintoli da neo Campione del Mondo proverà a difendere in ogni modo il titolo conquistato in Aprilia, in sella alla sua nuova Honda del team Pata World Superbike Team, in coppia con l’altro Campione del Mondo (Supersport) Michael van der Mark.

Jonathan Rea, storico pilota Pata Honda, è passato al team Kawasaki Racing al fianco del britannico Tom Sykes.
Senza un team ufficiale Aprilia per la prima volta dal 2009 a oggi, il team Red Devils avrà la responsabilità di mantenere alto il nomedella casa di Noale: per questo la squadra italiana si affiderà all’esperienza dell’ex Honda Leon Haslam e alla voglia di fare del rookie Jordi Torres.
L’unica squadra confermata in blocco sarà quella del Ducati Superbike Team: sia Davide Giugliano che Chaz Davies sono ansiosi di testare il potenziale della versione 2015r della 1199 Panigale R, modificata per i nuovi regolamenti tecnici che entrano in vigore il prossimo anno.
Il Voltcom Crescent Suzuki team è un’altra delle squadre che hanno subito grandi modifiche: l’ex MotoGP Randy De Puniet si unirà ad Alex Lowes, e sarà supportato da un team quasi completamente nuovo, tra cui anche Pete Jennings (Capo del team di Lowes).
Toni Elias e Ayrton Badovini divideranno il box del neonato JR Racing Team, mentre l’ex campione del mondo 125 Nico Terol e l’italiano Matteo Baiocco correranno in sella alla 1199 Panigale R del team Althea.
Non mancherà all’appello nemmeno il team Hero EBR, ai blocchi di partenza con Niccolò Canepa e Larry Pegram. L’esperto americano sarà anche incaricato di gestire la squadra che rimarrà di base europea nel nord Italia.
BMW Motorrad Italia ha confermato Sylvain Barrier come pilota unico per la prossima stagione, con la speranza che il 2015 porti maggiori fortune al francese.
Manca invece ancora l’ufficialità in casa MV Agusta per l’unica guida, anche se a Jerez de la Frontera è stato Leon Camier a salire in sella alla moto italiana.

Il 2015 sarà anche l’occasione per vedere David Salom, recente vincitore della classe EVO, in sella ad una Kawasaki Factory sotto l’insegna del team Pedercini, e per riabbracciare nella massima categoria Leandro Mercado che ha conquistato il titolo in STK1000 e che correrà con una Ducati del team Barni Racing.
Tra i rookies anche Christophe Ponsson (Grillini Racing).

Quasi tutto pronto insomma per la stagione 2015, che inizierà prestissimo già in gennaio con una fitta serie di test, prima dell’approdo a Phillip Island.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

2 commenti
  1. Avatar

    Raphael

    8 gennaio 2015 at 14:49

    La SBK che verrà? Mah, ormai la SBK come categoria sportiva è finita da un pezzo, resta la bella vetrina per moto.
    A dire il vero con le sole EVO si torna a una categoria derivata dalla serie ma il cambio non modificabile svilisce un po’ l’aspetto sportivo della categoria, nulla di grave ma è un peccato, anche perché il regolamento resta quello che è, una cozzagli a di norme per pareggiare i motori con differente numero di cilindri (ammesso che ci riesca).
    L’unico vero campionato veramente SBK e veramente equilibrato resta quello originale, 4 cilindri 750 cc, 3 cilindri 900 cc, 2 cilindri 1000 cc (con stesso peso).
    Oggi dovrebbero portare il bicilindrico a 1400 cc per equipararsi ai 4 cilindri 1000 cc, una cubatura che al momento parrebbe buona per una custom o una turistica, non proprio ideale per una supersportiva, ma il vero problema non è questo, il vero problema è la politica dei costruttori e l’ignoranza che imperversa in fatto di motori, sia tra la gente che tra i giornalisti.

  2. Avatar

    Redbike

    21 settembre 2016 at 09:49

    V.D.S
    a.i.c
    i…..i
    ……o
    ……l
    ……t
    ……a

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Superbike

Superbike: Ancora un grande round per Niccolò Canepa

Il rider Althea Racing è stato autore di due ottime gare ad Assen, riuscendo ad entrare nella top ten dei piloti e confermandosi prima EVO: a lui anche la leadership di categoria.
Condividi su WhatsApp Niccolò Canepa lascia l’Olanda da leader di classifica del campionato EVO dopo due ottime gare, disputate in
Superbike

Superbike: Buone prestazioni per la Ducati

Giugliano sembra a suo agio sulla pista di Assen, in ripresa Davies nelle FP2 dopo le difficoltà della mattinata
Condividi su WhatsApp Il TT Circuit di Assen era annunciato come favorevole per le caratteristiche della 1199 Panigale R e