MotoGP: Annunciate modifiche al regolamento

Sono state apportate modifiche sia al regolamento sportivo che a quello tecnico

MotoGP: Annunciate modifiche al regolamentoMotoGP: Annunciate modifiche al regolamento

In una riunione tenutasi in data 8 novembre a Valencia, la Grand Prix Commission, composta da Carmelo Ezpeleta (Dorna, Chairman), Ignacio Verneda (FIM CEO), Herve Poncharal (IRTA) e Takanao Tsubouchi (MSMA), in presenza di Javier Alonso (Dorna) e Mike Trimby (IRTA, Secretary of the meeting), ha preso le seguenti decisioni, così come riportate dal sito ufficiale della MotoGP.

Modifiche al Regolamento Sportivo – Effettive dal 2015

I piloti o altre persone che utilizzano gli scooter per la sessione di familiarizzazione con il tracciato sono obbligati ad utilizzare un casco integrale.

L’utilizzo di motocicli appartenenti ad altre discipline (motocross, enduro, supermoto, etc.) al fine di familiarizzare con un tracciato è consentito, senza restrizioni, fuori dai weekend di gara.

I team delle classi Moto3 e Moto2 che desiderano svolgere dei test su uno qualsiasi dei tracciati da loro scelti, non possono farlo con piloti sotto contratto con altre squadre ed impegnati nella medesima categoria.

Nella situazione in cui un pilota anticipa la partenza con un leggero movimento, seppur fermandosi prima dello spegnimento delle luci rosse, la Direzione Gara sarà l’unica a poter giudicare se tale pilota abbia o meno tratto vantaggio da questo e, conseguentemente, l’eventuale applicazione di una penalità.

Nel caso del superamento dei limiti della pista da parte di un pilota, la Direzione Gara deciderà il tipo di penalità che deve essere applicata. (La cessione automatica di una posizione non sarà più l’unica penalità possibile).

Quando un gruppo di piloti sta per essere doppiato e la bandiera blu è esposta, non sono possibili cambi di posizione tra questi fino a completamento del doppiaggio.

Modifiche al Regolamento Tecnico – Effettive dal 2015

Classi Moto3 e Moto2

I motori della classe Moto3 verranno distribuiti in modo casuale, durante la stagione, in tre lotti differenti. Al fine di assicurare l’identicità a livello di specifiche dei motori presenti in ogni lotto, prodotti dal medesimo costruttore, una singola unità verrà selezionata in modo casuale da ogni distribuzione ed utilizzata come riferimento per l’analisi di ulteriori propulsori, sempre scelti in modo casuale, da distribuzioni successive.

I team della categoria Moto3 sono autorizzati ad utilizzare telai 2014 nella stagione 2015, senza obbligo di acquistare un nuovo telaio. Per evitare qualunque tipo di vantaggio attraverso l’uso di componenti superiori che non siano incluse nei pacchetti di telaio 2015, si è deciso che per i team che sceglieranno questa opzione, potranno utilizzare solo sospensione anteriore e posteriore standard, come quelle distribuite con i pacchetti di telaio 2015.

La temperatura del combustibile utilizzato dalle Moto3 e Moto2 non può essere ridotta artificialmente. Il combustibile dovrà essere a temperatura ambiente secondo quanto definisca il Direttore Tecnico.

Dell’Orto è stato il fornitore esclusivo di centralina unica in Moto3 durante i primi tre anni di questa categoria. Sulla base della buona esperienza con l’hardware e delle conoscenze di Dell’Orto sui team e sull’acquisizione di dati, si è deciso di rinnovare il contratto per ulteriori 3 anni. Questo permetterà inoltre l’utilizzo dello stock esistente.

Classe MotoGP

Confermati i dettagli della procedura per realizzare il controllo tecnico dei motori della categoria regina. Il Direttore Tecnico può richiedere che i motori vengano smontati per essere verificati. Ovviamente il team potrà poi ricostruire il motore, utilizzando nuove componenti, e il motore può quindi essere utilizzato per completare la sua normale vita, determinata in 3600 km.

Altre materie

L’Indianapolis Grand Prix è stato premiato come miglior GP 2014.

Una versione attualizzata del regolamento FIM del Campionato del Mondo sarà disponibile in breve qui:

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    Ronnie

    11 Novembre 2014 at 19:11

    Nella situazione in cui un pilota anticipa la partenza con un leggero movimento, seppur fermandosi prima dello spegnimento delle luci rosse, la Direzione Gara sarà l’unica a poter giudicare se tale pilota abbia o meno tratto vantaggio da questo e, conseguentemente, l’eventuale applicazione di una penalità.

    Questa regola a me non piace molto, si possono fare i soliti favoritismi, partire o muovere solo la moto prima degli altri può portare a deconcentrare o far sbagliare qualcun’altro specie quelli che seguono o che sono accanto, chi parte in anticipo va punito punto, anche un drive through può sembrare una grossa penalità, ma se parti prima del tempo te la becchi, se no parti piano e perdi poche posizioni, non è che sono costretti a partire in anticipo…

    ———————————————

    I motori della classe Moto3 verranno distribuiti in modo casuale, durante la stagione, in tre lotti differenti. Al fine di assicurare l’identicità a livello di specifiche dei motori presenti in ogni lotto, prodotti dal medesimo costruttore, una singola unità verrà selezionata in modo casuale da ogni distribuzione ed utilizzata come riferimento per l’analisi di ulteriori propulsori, sempre scelti in modo casuale, da distribuzioni successive.

    La cosa da un punto di vista è positiva, perché a tutti come in Moto2 si assicura il fatto che è tutto casuale, ma come si è visto quest’anno ci sono team che secondo me, specie gli ufficiali sfruttano maggiormente un determinato propulsore, forse hanno anche qualche modo diverso di sfruttarne l’erogazione e l’elettronica, mi chiedo come si fa a garantire a tutti che qualcuno non abusi del motore in una determinata gara e chi se lo prende dopo, non possa incombere in un guasto tecnico.
    Mi chiedo ogni quanto facciano le revisioni, se dopo ogni week-end di gara o non si sa quando.
    ———————————————–

    In MotoGP un motore può durare 3600km ne hanno 5 per una stagione? Cosa intendono, vorrebbe dire 10-12 week-end di gara per un motore? Anche completamente revisionato a dopo 4 week-end di gara non credo possa superarne altri 4, quindi arriverebbe a 8 prima della successiva revisione.

    Un motore dura si e no 4-5 gare se va tutto bene.

    Dicevano che i motori sono contati, non è chiara questa regola, uno ha 5 motori e non li dovrebbe poter toccare in quella statione, anche se gli chiedessero di verificarli, poi dovrebbero rimontarli con gli stessi pezzi, non modificando parti cruciali che ne possono allungare la vita.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

MotoGP

MotoGP | Suzuki in Top Class almeno fino al 2026

Dopo KTM, Ducati, Team LCR, Honda e Yamaha, anche Suzuki rinnova la sua presenza in Top Class
Condividi su WhatsAppSuzuki MotoGP – Dopo KTM, Ducati, Team LCR, Honda e Yamaha, anche la Suzuki ha prolungato l’accordo con