MotoGP Valencia: Danilo Petrucci “Questa Ducati è divertente da guidare, mi ha colpito la frenata”

Il pilota ternano, ex Iodaracing è salito oggi in sella alla Desmosedici GP14 del Pramac Racing

MotoGP Valencia: Danilo Petrucci “Questa Ducati è divertente da guidare, mi ha colpito la frenata”MotoGP Valencia: Danilo Petrucci “Questa Ducati è divertente da guidare, mi ha colpito la frenata”

Danilo Petrucci ha debuttato oggi a Valencia in sella alla Ducati del Team Pramac. Il pilota ternano, ex Iodaracing, ha subito trovato un buon feeling con la Desmosedici GP14, trovando molti lati positivi e altri da scoprire. La cosa che più lo ha impressionato è stata la frenata, ecco cosa ci ha raccontato.

“Oggi è servito a rompere il ghiaccio. Dovevo “scoprire” la moto, conoscere la squadra. Non abbiamo cambiato niente, abbiamo lavorato sempre con le gomme dure e sono contento perchè alla fine avevo un buon passo. E’ mancato il giro veloce per un pò di traffico, ma non era quello che mi interessava. L’unico obiettivo che mi pongo per la fine dei tre giorni è stare bene in moto, divertirmi, fare tanti giri di seguito senza far fatica. E’ una moto divertente, i tempi sono scesi man mano che giravo. C’è ancora tutto un mondo da scoprire, abbiamo ancora tanto da fare, ma non siamo lontanissimi.”

Qual’è la cosa che ti ha colpito di più in sella?

“La frenata, questo nonostante la moto abbia un motore incredibile. E’ però un motore utilizzabile e molto docile. Con la frenata ci si può spingere molto in “là” e devo ancora prendere confidenza su questo aspetto. Ho la fortuna di poter vedere i dati degli altri piloti Ducati e questo è un grande aiuto.”

La posizione in sella è già ok oppure devi ancora lavorarci?

“Sto comodo in sella, uso le stesse regolazioni di Iannone. Forse sono un pò più alto, ma mi trovo bene. Devo ancora mettermi a posto con le leve quando la moto si “muove”, devo prenderci la mano, in scalata, quando sei più piegato, ma la moto è giusta per me e ci sto bene.”

Avevi già provato una Ducati MotoGP (nel 2012), l’hai trovato completamente cambiata?

“Sicuramente si, è un’altra moto. Quella di allora era una moto più difficile da guidare, anche se l’avevo provata in un circuito più “tosto” come il Mugello. Ero molto meno esperto, avevo fatto solo 8 GP, ma già allora fui sorpreso in modo positivo. Però non posso fare un paragone tra le due, ma quella di oggi è una “bella” moto. Sono contento di quella che sto utilizzando.”

Foto: Alex Farinelli

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati