MotoGP Sepang, Prove Libere 2: Lorenzo il più veloce con le rain, caso Iannone Honda Repsol?

Il pilota della Ducati è caduto e ha "accusato" il duo della Honda

MotoGP Sepang, Prove Libere 2:  Lorenzo il più veloce con le rain, caso Iannone Honda Repsol?MotoGP Sepang, Prove Libere 2:  Lorenzo il più veloce con le rain, caso Iannone Honda Repsol?

La seconda sessione di prove libere della classe MotoGP a Sepang è stata caratterizzata da una forte pioggia scesa prima dell’inizio del turno, che ha fatto esporre la bandiera rossa alla direzione gara.

Una volta ripresa il turno i piloti sono scesi in pista con pneumatici rain e in queste condizioni il migliore in pista è stato Jorge Lorenzo, in sella alla Yamaha Factory.

Il due volte campione del mondo della MotoGP ha fermato il cronometro sul tempo di 2:14.503, crono che gli ha permesso di battere per oltre due decimi il due volte campione del mondo Marc Marquez e Dani Pedrosa, entrambi in sella alle Honda del Team Repsol.

Quarto tempo per la Ducati di Andrea Dovizioso, quinto per la Yamaha Open di Aleix Espargarò e sesto per la Ducati dello spagnolo Hector Barberà.

Seguono il tedesco Stefan Bradl su Honda del Team LCR e il nostro Andrea Iannone, caduto alla fine del turno e che sembra sia stato colpito da una delle due Honda Repsol (dovrebbe trattarsi di quella di Marc Marquez) e anche, così come riportato dalle parole del suo manager Carlo Pernat, da un tentativo precedente di Dani Pedrosa. Ricordiamo che a Phillip Island Iannone tamponò Pedrosa con l’italiano a terra e lo spagnolo ritirato.

Un episodio quello di oggi che sarà vagliato dalla direzione gara, anche per chiarire la dinamica della caduta del pilota della Ducati, che ha riportato una forte contusione al braccio.

MotoGp Prove Libere 2 Phillip Island - GP Australia - I tempi


Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap
1 12 Maverick Vinales Yamaha Monster Energy Yamaha Motogp 1:28.824
2 4 Andrea Dovizioso Ducati Ducati Team 1:29.320 0.496
3 35 Cal Crutchlow Honda Lcr Honda Castrol 1:29.325 0.501
4 9 Danilo Petrucci Ducati Ducati Team 1:29.327 0.503
5 43 Jack Miller Ducati Pramac Racing 1:29.344 0.520
6 93 Marc Marquez Honda Repsol Honda Team 1:29.421 0.597
7 46 Valentino Rossi Yamaha Monster Energy Yamaha Motogp 1:29.436 0.612
8 42 Alex Rins Suzuki Team Suzuki Ecstar 1:29.472 0.648
9 21 Franco Morbidelli Yamaha Petronas Yamaha Srt 1:29.718 0.894
10 41 Aleix Espargaro Aprilia Aprilia Racing Team Gresini 1:29.791 0.967
11 36 Joan Mir Suzuki Team Suzuki Ecstar 1:29.875 1.051
12 17 Karel Abraham Ducati Reale Avintia Racing 1:29.997 1.173
13 29 Andrea Iannone Aprilia Aprilia Racing Team Gresini 1:30.170 1.346
14 63 Francesco Bagnaia Ducati Pramac Racing 1:30.426 1.602
15 5 Johann Zarco Honda Lcr Honda Idemitsu 1:30.441 1.617
16 99 Jorge Lorenzo Honda Repsol Honda Team 1:30.706 1.882
17 44 Pol Espargaro Ktm Red Bull Ktm Factory Racing 1:30.859 2.035
18 82 Mika Kallio Ktm Red Bull Ktm Factory Racing 1:30.865 2.041
19 55 Hafizh Syahrin Ktm Red Bull Ktm Tech 3 1:30.940 2.116
20 88 Miguel Oliveira Ktm Red Bull Ktm Tech 3 1:31.404 2.580
21 53 Tito Rabat Ducati Reale Avintia Racing 1:31.459 2.635

Phillip Island - GP Australia - Risultati Prove Libere 2

Clicca qui per entrare nella sezione Risultati e vedere tutte le statistiche

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

2 commenti
  1. Avatar

    Ronnie

    24 ottobre 2014 at 12:39

    Il contatto tra Marquez e Iannone c’è stato ma involontario.

  2. Avatar

    Ronnie

    24 ottobre 2014 at 12:42

    Per ora si può solo dire che Lorenzo va forte sia sull’asciutto che sul bagnato è quello che per ora probabilmente ha la moto piû a posto in ogni condizione.

    Pedrsoa va molto forte sull’asciutto per ora, Lorenzo non è distante e nemmeno Marquez.

    Gli latri devono migliorare se vogliono essere li il giorno della gara, anche perché sarà un’altra di quelle qualifiche difficili se fatta in condizioni di asciutto, qui la Soft è un vantaggio sul giro secco, bisogna vedere se da 2 giri di autonomia a chi la monta perché Sepang è una pista molto lunga.

    Se le Open avranno 2 giri a disposizione saranno messe bene se ne hanno uno solo, devono essere molto bravi a sfruttare a pieno il loro giro secco, e sfruttare tutto quello che la gomma gli da. Piovendo la pista si lava, le condizioni erano più che buone sull’asciutto, bisogna vedere ora che ha piovuto, come sarà il grip. Se ce ne sarà meno chi ha la soft potrà fare davvero una buona qualifica dato che quel penuamtico da più trazione rispetto alla media delle factory.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati