Superbike: Salom vuole chiudere la stagione da leader

Il pilota maiorchino è il grande favorito per il titolo EVO 2014 ma lui punta anche a stare davanti in Qatar

Superbike: Salom vuole chiudere la stagione da leaderSuperbike: Salom vuole chiudere la stagione da leader

Per David Salom il finale di stagione si sta rivelando più complicato del previsto: è infatti ancora alle prese con l’infortunio alla mano destra che non sembra potersi risolvere facilmente.

Dopo l’operazione a cui si è sottoposto nello scorso mese di luglio, infatti, il pilota maiorchino KRT ha visto le sue condizioni peggiorare nuovamente a causa di una quasi caduta nel corso del round di Magny-Cours.
Salom arriverà in ogni caso a Losail in Qatar, dove la Superbike correrà in notturna per la prima volta nella sua storia, per l’ultimo round della stagione da grande favorito per il titolo della classe EVO, potendo contare su un margine di ben 30 punti nei confronti di Niccolò Canepa.
Il suo obiettivo però è anche quello di fare bene e di condurre la classe da leader, come spesso gli è capitato nel corso di questo campionato.

“In Francia sono stato quasi vittima di un highside, ma nel tentativo di controllare la moto e non cadere mi sono fatto di nuovo male alla mano” – ha detto David Salom in un’intervista al sito www.wsbk.com – “Per questo motivo ho deciso di saltare le due gare, perché un’altra scivolata sarebbe stata devastante per il mio infortunio. Viste le condizioni della pista, ho preferito non rischiare.
Non ho mai corso a Losail in notturna, ma mi è capitato di farlo su altre piste in occasione di gare di Endurance, sia del Mondiale che del campionato spagnolo. Sono fiducioso perché la mano sta reagendo bene e quindi punto a due buoni risultati in Qatar. Sarebbe bello conquistare il titolo con due piazzamenti da miglior pilota EVO, così avevo iniziato la stagione ed allo stesso modo vorrei concluderla. Con il vantaggio che abbiamo accumulato, potrò prendermi qualche rischio per battere Barrier e Canepa, i quali sono sempre molto veloci. Ovviamente non sarà facile”.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati