MotoGP Phillip Island: Valentino Rossi “Questa vittoria mi mancava dal 2005, bello farlo davanti a questo pubblico”

Secondo successo dell'anno per il sette volte campione del mondo della Top Class

MotoGP Phillip Island: Valentino Rossi “Questa vittoria mi mancava dal 2005, bello farlo davanti a questo pubblico”MotoGP Phillip Island: Valentino Rossi “Questa vittoria mi mancava dal 2005, bello farlo davanti a questo pubblico”

Valentino Rossi ha ottenuto una fantastica vittoria oggi a Phillip Island, teatro del Gran Premio d’Australia, sedicesimo appuntamento del motomondiale 2014. Il centauro della Yamaha è tornato al successo sulla pista australiana a distanza di 10 anni dall’ultimo successo nella terra dei canguri, nel giorno del suo 250° Gran Premio nella Top Class. Per lui è anche il sesto successo a Phillip Island, pista dove ha anche ottenuto due campionati del mondo. Ecco cosa ha raccontato alla stampa italiana al termine della gara.

Non vincevi qui da 10 anni, che sensazioni hai avuto?

“C’era la possibilità che non vincessi più a Phillip Island, una pista dove ho fatto molti podi. Dal 2005 mi mancava la vittoria, ma è anche una questione tecnica, è una pista che gira molto a sinistra, mentre io giro meglio a destra ed è anche una pista che poco si addice al mio stile di guida. Sono forte in alcune curve, ma in altre non avevo la velocità per riuscire a vincere. Lo scorso anno avevo fatto terzo, poi c’era stata l’era Stoner. Ci sono andato vicino nel 2009, poi sono andato in Ducati e così Lorenzo era l’unico che riusciva a stare insieme a Stoner, quindi averlo “fregato” con la stessa moto è bello e salire di nuovo la sopra sul podio con tutta quella gente è stato bello.”

L’hai visto in difficoltà?

“L’ho visto che rallentava di qualche decimo, sia in pista quando era davanti che poi sulla tabella una volta passato. Abbiamo fatto una bella battaglia, però andavo un pochino più forte io e sapevo di poterlo battere. E’ stato bello, perchè di solito va più forte lui.”

Ad inizio anno avresti scommesso sulle due vittorie e su 11 podi?

“Ci speravo. Sapevo di poter essere ancora molto forte, semplicemente perchè con Lorenzo e Pedrosa ci corro da tanto tempo, 2006 con Pedrosa e 2008 con Jorge. A volte li ho battuti, quindi sapevo di poterlo fare ancora. Marquez è la novità, ma sapevo che lavorando bene si poteva fare. Certo, vincerne due e fare 11 podi è molto buono.”

Hai vinto tanto, ma un pubblico qui a Phillip Island che entra come a Misano che effetto fa?

“E’ stato bello, perchè ho tanti tifosi anche qua. Sotto al podio c’e sempre una bella atmosfera. C’è stato un momento a tre giri dalla fine in cui all’ultimo curvone ero piegato, con il gomito a terra, a 200 Km/h con un pò di sole, ed era bello. Vedere poi i 7 secondi di vantaggio sulla tabella da anche gusto.”

Come giudichi la caduta di Marquez che era al comando con margine quando era al comando?

“Con quella gomma (l’anteriore asimmetrica) è così. Secondo me qui più che un errore suo è stata una questione tecnica. Quella gomma lì dava qualche vantaggio, ma a me non piace. Ha vinto 11 gare e quindi prima di parlare di lui bisogna vincerne otto. Poi è normale che quando fai una prima parte di campionato come la sua (dieci vittorie a fila, ndr) quando poi finisce può capitare.”

Hai sette punti di vantaggio su Lorenzo per la seconda posizione in campionato. Sepang dovrebbe essere più favorevole a te, mentre Valencia a lui. Cosa ne pensi?

“Sulla carta bisognerebbe arrivargli davanti a Sepang, perchè poi lui a Valencia è forte. Oggi sarebbe stato meglio che Cal (Crutchlow, ndr) non fosse caduto, avrei avuto quattro punti di vantaggio in più. Il mio obiettivo è cercare di far bene a Sepang, ma anche a Valencia.”

Qualche tempo fa avevi detto che avresti preferito una vittoria rispetto al secondo posto in campionato, ora ne hai vinte due.

“Il secondo posto in campionato è una questione d’onore rispetto a Pedrosa e Lorenzo, però vincere le gare è più bello.”

Nel corso di queste ultime gare dove è cresciuta la Yamaha?

“Sono 4 gare che la M1 vince e non è un caso. Ad inizio campionato la Honda era più competitiva e aveva un vantaggio. Secondo me la mia squadra e quella di Lorenzo hanno lavorato benissimo. Sia Galbusera (suo capotecnico) che Forcada (quello di Lorenzo) insieme ai giapponesi hanno lavorato benissimo durante l’anno e siamo riusciti a migliorare la moto di più rispetto alla Honda. Soprattutto abbiamo trovato un bilanciamento migliore e riusciamo a far lavorare meglio le gomme.”

Hai visto Jeremy (Burgess, suo ex capotecnico) oggi sotto al podio?

“No, ma ci sono stato a cena ieri sera e mi è venuto a vedere in pista dicendomi dove secondo lui perdevo o andavo meglio. E’ una grande soddisfazione che il mio rapporto con lui sia rimasto molto buono, merito di tutti e due, perchè anche lui è stato un signore. Sarebbe stato facile litigare, ma avremmo rovinato quello fatto per 15 anni insieme.”

Mancano ancora due gare, la Yamaha è cresciuta, cosa pensi in ottica 2015?

“L’obiettivo è migliorare ed essere più forti. Silvano (Galbusera, ndr) avrà un anno in più di esperienza e avremo i dati di quest’anno. Teoricamente potremmo andare più forte. ma da qui a “fregare” Marquez non sarà facile. Ci proveremo.”

Foto: Alex Farinelli

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

23 commenti
  1. Avatar

    Durim

    19 ottobre 2014 at 12:18

    Complimenti per la gara ma soprattutto complimenti per la passione. Un valore aggiunto a questo sport

    • Avatar

      Mike58

      19 ottobre 2014 at 19:50

      Bravo Durim
      Scusa l’intromissiione, scrivo qua perchè deve essere ben visibile

      TONICART

      QUESTA VITTORIA È DEDICATA A TE!!

      LUI SI RISVEGLIA.. MA SOGNARE NOI!

      HAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHHAHAHHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHA

      • Avatar

        Micbatt

        19 ottobre 2014 at 20:56

        Vale è stato magnifico. Ha vinto. Marquez è caduto. ..ok… ma se non fosse caduto sarebbe arrivato a battagliare con Marquez. Purtroppo Lorenzo l’ha frenato nella bagarre …. ma ci sta … I tempi parlano da soli e Rossi aveva un passo gara migliore di Marquez. Bella gara comunque … dedicata a tutti i tifosi di Rossi e agli altri …. mangiate il fegato alla pesarese!!!

      • Avatar

        Durim

        19 ottobre 2014 at 23:15

        Fosse partito in prima fila magari avrebbe potuto battagliare con marc..ma dopo la battaglia con lore Rossi non ne aveva più per prendere marc e non dimentichiamoci che marc non stava spingendo al 100% perchè aveva 2-4 secondi di vantaggio..
        Rossi però, per ora, ha dimostrato di essere il secondo pilota più forte, ha dimostrato che nel 2010 senza incidente poteva giocarsi il mondiale, che in ducati ha fallito(io però do la colpa in parte anche a ducati) e che aveva ragione Graziano, il 2013 è stato una wild card. Ha licenziato burgess e ha fatto bene.

        Ci fosse stato dall’igna, galbusera e un Rossi più motivato e più umile di quest’anno, credo avrebbe potuto fare bene anche in ducati. Rossi in ducati ha fallito perchè arrivava da 9 mondiali con aria di superiorità, e poche volte si è messo in discussione lui, dando sempre la colpa solo a ducati. Ma dagli errori si impara!

        Grande, grande e grande!

  2. Avatar

    Ronnie

    19 ottobre 2014 at 12:18

    A quanto pare Rossi ha recuperato tutto lo svantaggio di vittorie che aveva da Lorenzo, cos’è che avevano scritto gli antirossi di professione?

    Lorenzo ha già il doppio di vittorie di Rossi, sembra che Rossi abbia già chiuso il divario ihih

    Vittoria tutto sommato meritata, visto anche la posizione in cui partiva e il recupero non facile fatto su Lorenzo, che aveva la sua stessa identica scelta di pneuamtici e che fino a metà gara hanno resistito, quindi secondo me più che un pneuamtico difettato, che ti costerebbe decimi e secondi su tutto l’arco di gara, mi sembra più un errore di set-up e di guida di Lorenzo e del suo team, dato che per metà gara ha girato anche lui sul suo passo normale da gara già fatto vedere nelle FP4 e nel warm-up.

    PS prima Ducati a 14.9 secondi: DI NUOVO stavolta con penuamtici MEDI settimana scorsa con SOFT per tutti quanti…

    Questo è il reale distacco in gara, anche se Crutchlow era molto più vicino, ma prendiamo Dovizioso come riferimento dato che è sempre lui che ha la moto più evoluta e che sarà in Ducati nel team ufficiale anche l’anno prossimo.
    Bisogna ancora lavorare, ultimamente mi semrba che siano in stallo, probabilmente la GP14.2 è arrivata al limite dello sviluppo e bisognerà attendere quella nuova per scendere sotto i 10 secondi a parità di pneumatici in gara.

    • Avatar

      Durim

      19 ottobre 2014 at 12:33

      Ti accanisci troppo sulla ducati..la moto è migliorata ma non puoi pretendere si giochi per la vittoria in un anno. Secondo me il prossimo anno potranno giocarsi il podio molto più frequentemente. La moto è migliorata, è un dato di fatto

    • Avatar

      Ronnie

      19 ottobre 2014 at 12:56

      Io cerco di essere realista, non eccessivamente duro, io dicevo che quei grandi risultati in condizioni perticolari non erano la realtà ma delle condizioni particolari.

      Nelle ultime gare si è visto il vero distacco, non è 30 o 40 secondi ma non è nemmno 5 o 8 o 9 secondi è un po’ di più.

      Non nego che sia migliorata lo è, e so che questo già un grande risultato, ma non sto li a pomparla oltremodo come era stato fatto nelle ultime gare, per 2 risultati fortuiti.

      Oggi sarebbe stato un vero grande risultato se Crutchlow finiva la gara, ma anche qui, condizioni particolari, scelte particolari, tante cadute e un pilota che l’anno prossimo non ci sarà più.

      E se diciamo che Crutchlow è caduto a poco dalla fine e il suo distacco da Rossi era di circa 6 secondi a fine gara, bisogna dire che stava intorno ai 10 secondi da Marc quando Marquez è caduto, e mancavano circa 10 giri e perdeva dai 3 ai 7 decimi al giro, quindi anche in quelle condizioni il risultato dalla vetta non sarebbe cambiato molto tra Crutclow e Dovizioso.

  3. Avatar

    enea

    19 ottobre 2014 at 13:31

    “Cosa ci insegna Valentino Rossi”

    http://blog.quotidiano.net/turrini/2014/10/19/cosa-ci-insegna-valentino-rossi/

    Grande Turrini, come sempre…

    EneA

  4. Avatar

    multicom

    19 ottobre 2014 at 14:43

    Secondo il mio modestissimo parere,a situazione completamente invertita con rossi che cade mentre sta dominando ed è praticamente imprendibile…nessuno si sarebbe permesso di dire che marquez avrebbe vinto con merito…

    • Avatar

      enea

      19 ottobre 2014 at 15:09

      Multi mo non ti accanire co sta storia… dai retta a me, vatti a rivedere i tempi su motogp.c0m, e fattene una ragione… ;)

      Merita di vincere chi arriva primo, se cadi, da solo per giunta, non sei stato abbastanza bravo(visto che sulla bontà della moto non avevamo dubbi).

      Marc avrebbe dovuto mollare un pò già da qualche giro… ha scelto di rischiare e gli è andata male.

      Rossi ha strameritato la vittoria, altrimenti cosa dovremmo dire dell’ultima vittoria di lore… ;)

      EneA

  5. Avatar

    multicom

    19 ottobre 2014 at 15:25

    enea nessun accanimeto ci mancherebbe.. e una ragione me la faccio per cose più importanti.I tempi?marc il più veloce…la vittoria di lorenzo a aragon?un regalo di marquez…come è un regalo di marquez la vittoria di vale oggi.Cosa vuoi che ti dica,sto ragazzo ha un animo da babbo natale.

    • Avatar

      Durim

      19 ottobre 2014 at 16:13

      Sono d’accordo con te. Non fosse caduto Rossi non avrebbe mai potuto recuperare marc(tranne per problemi di gomme e cose simili).
      Il risultate eclatante non è quello però..è più l’aver battuto pedrosa e un Lorenzo in forma. L’anno scorso Rossi non riusciva a stare davanti a lorenzo nemmeno in FP..neanche per sbaglio. Quest’anno gli è stato più avanti che dietro. Oggi è partito 8..e non so se hai visto con quanta grinta ha aggredito fin dai primi giri?Va fortissimo fin dal primo giro, cosa che non riusciva a fare l’anno scorso.
      Rossi va applaudito perchè si è rimesso in gioco dopo aver vinto tanto e dopo essere stato messo in discussione da tutti nel periodo 2010-2013..E’ il pilota più longevo di sempre, l’unico ad essere competitivo a quest’età. Rossi la sua storia e carriera l’ha già avuto ma nonostante tutto sta dimostrando al mondo che la passione supera quelli che sono i limiti d’età e fisici.
      Rossi sta rivoluzionando la moto gp per una seconda volta.
      Dopo aver dato visibilità a questo sport, ad aver fatto appassionare milioni di persone(oggi in Australia erano li tutti per luii), dopo essere diventato l’idolo di piloti con cui corre attualmente(tipo marc), Rossi sta dimostrando al mondo che puoi correre a 36 anni suonati ed essere competitivo. Capisci??
      Rossi sarà l’esempio da seguire per i piloti ad avvenire che a 33 anni magari non si ritireranno come in passato ma saranno più “coraggiosi” a continuare.

      QUESTO E’ OGGI LA VITTORIA DI ROSSI..la vittoria di ideali, coraggio e passione.

      PS: E c’è gente che ogni fine settimana dice che Rossi non si merita la M1 e dovrebbe lasciarla ad altri haha altri chi?

  6. Avatar

    enea

    19 ottobre 2014 at 16:03

    Mi prenderò il fastidio di elencarti i tempi… spero ne valga la pena… ;)

    Questi i tempi di rossi a pista libera all’inseguimento di lore.

    4 1’29.839
    5 1’29.836
    6 1’29.809
    7 1’29.857
    8 1’29.779
    9 1’29.605

    Questi quelli di marc nello stesso arco di tempo.

    4 1’29.708
    5 1’30.125
    6 1’29.769
    7 1’30.011
    8 1’29.634
    9 1’29.782

    Quando Rossi inizia a girare a pista libera, ha da marc 2.215 secondi, quando raggiunge lorenzo, ed inizia la bagarre, Rossi ha diminuito il distacco da marc che ora è a 1.780.

    Questi i tempi di vale quando inizia la competizione con lorenzo:

    10 1’30.066
    11 1’30.202
    12 1’29.906
    13 1’30.266
    14 1’30.645
    15 1’30.186
    16 1’30.533
    17 1’30.335

    Questi quelli di Marc mentre vale e lore si sorpassavano.

    10 1’29.923
    11 1’29.920
    12 1’29.831
    13 1’29.892
    14 1’29.915
    15 1’30.082
    16 1’30.050
    17 1’30.195

    Quando vale supera definitivamente Lorenzo, e termina la battaglia per il posto siamo ormai al 17° giro, ed il distacco è salito a 4.1 secondi dai 1.780 del 9° giro.

    Al 18° giro Marc si stende.

    Marc è stato più veloce di vale solo quando vale era nel traffico o a scarammuciare con lore.

    Ti ripeto, dai uno sguardo ai dettagli su motogp.c0m.

    Enea ;)

  7. Avatar

    multicom

    19 ottobre 2014 at 16:37

    enea…te lo dico in tutta franchezza….i giri fatti insieme a lorenzo non sono stati la causa primaria della crescita del distacco da marquez…non ci sono state perdite di tempo nel loro scaramucciare o meglio non sono state perdite di tempo cosí stratosferiche come vuoi far credere tu.La realtà è che vale/jorge certi tempi non erano più in grado di sostenerli.Apro una parentesi…è un piacere leggerti,a te ronnie nando durim e non ricordo chi altro.Sei una persona a modo educata e competente.Non sono un antirossi…anzi la maggior parte delle volte lo esalto alla grande pur non tifandolo.. simpatizzo x marc che ha l’età di mio figlio…w la gioventù e chi vince con merito.Sono uno a cui piace la moto gp non un fanatico.Buona serata enea

    • Avatar

      Bestlap

      19 ottobre 2014 at 17:03

      Enea non vuole farti credere a una sua opinione, che sarebbe appunto opinabile, ti sta invitando a guardare i tempi, che non sono opinabili, guardandoli si evince che finchè Rossi ha potuto girare indisturbato ha girato più veloce di Marc quando invece si è ingarellato con Lorenzo ha dovuto giocoforza alzare i tempi di qualche decimo e Marc si è involato. Quando Rossi è stato di nuovo libero di fare il suo ritmo Marc è caduto e non abbiamo la controprova. Secondo me non ce l’avrebbe fatta a riprenderlo ma è anche vero che Marc sarebbe stato costretto a rallentare, se rimaneva in piedi, xkè teneva un ritmo insostenibile e la caduta lo dimostra.

  8. Avatar

    multicom

    19 ottobre 2014 at 17:03

    Durim totalmente d’accordo con te.Ma puoi dirlo forte…valentino non è solo mito del motociclismo,ma un vero e proprio fenomeno sportivo…dotato di un carisma esagerato e una voglia di vincere senza limiti…lunga a vita a valentino.Solo marc può avvicinarsi ai suoi trionfi sportivi,ma non al suo carisma…rossi ha quel qualcosa in più che è maturata negli anni,tanto da farlo amare in ogni angolo del mondo.Non lo tifo ma mai scriverei cattiverie gratuite su di lui.Ciao durim

  9. Avatar

    Bestlap

    19 ottobre 2014 at 17:15

    Subito dopo la gara con le tre moto vincenti schierate al parco chiuso, ho notato che le moto di Rossi e quella di Smith avevano le ruote scoperte come al solito mentre quella di Lorenzo aveva la ruota anteriore celata da una termocoperta buttata sopra come a non voler far vedere la ruota stessa, è la prima volta che vedo un comportamento del genere e non mi spiego il motivo…

    • Avatar

      nandop6

      19 ottobre 2014 at 17:58

      Spero che Bridgestone dia una spiegazione a quanto detto da Lorenzo.

  10. Avatar

    enea

    19 ottobre 2014 at 17:56

    Ragazza fermi tutti !!! :D

    So bene che vale non avrebbe ripreso Marc, ma neanche ci avrebbe provato, il distacco ormai era troppo, ed a lui interessava soprattutto stare davanti a Lorenzo per il campionato.
    Sono comunque convinto che un vale partito un pò più avanti, senza traffico ne bagarre con Lorenzo, se la sarebbe giocata alla grande con Marc.
    Multi anche per me è un piacere… ! :)

    EneA

  11. Avatar

    nandop6

    19 ottobre 2014 at 18:10

    Eccola quà:
    Mi è capitato lo stesso problema di Valentino ad Austin, sono solo stato solo più fortunato e al posto di fare ottavo sono arrivato secondo”.
    Avevo già avvertito un comportamento strano a inizio gara, poi la situazione ha continuato a peggiorare. È un peccato, si lavora tanto tutto il fine settimana e poi succedono questi disastri”.
    Questa la versione del maiorchino, ma Bridgestone ha respinto tutte le accuse al mittente. “Quella gomma non aveva alcun difetto – la versione ufficiale del gommista – Se così fosse, Jorge non avrebbe potuto girare per venti giri con il ritmo che ha mostrato. E’ una questione di setting e di stile di guida, non di qualità dello pneumatico”.
    Quale sia la verità, “non mi aspettavo una versione differente da parte loro, dicono sempre così”, tutto sommato a Lorenzo è andata bene.

  12. Avatar

    multicom

    19 ottobre 2014 at 18:17

    ciao bestlap!secondo te opinabile l’interpretazione del confronto dei tempi?perchè se ne hai di più bagarre o non bagarre(in questo caso ininfluente bagarre),2 secondi abbondanti da marc in 7 giri non li becchi.Marquez in quel determinato momento della gara ne aveva di più.

  13. Avatar

    multicom

    19 ottobre 2014 at 18:55

    nando la spiegazione è semplice…rossi è un pilota più forte spavaldo e determinato di cicciobello lorenzo.La gomma difettosa
    è una balla cosmica

  14. Avatar

    zukki

    20 ottobre 2014 at 09:13

    ottimo Vale!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati