MotoGP Phillip Island, Prove Libere 4: Andrea Iannone porta la Ducati in vetta davanti a Marquez e Rossi

Il pilota del Pramac Racing molto veloce anche sul passo gara, così come Valentino Rossi

MotoGP Phillip Island, Prove Libere 4: Andrea Iannone porta la Ducati in vetta davanti a Marquez e RossiMotoGP Phillip Island, Prove Libere 4: Andrea Iannone porta la Ducati in vetta davanti a Marquez e Rossi

La quarta sessione di prove libere della classe MotoGP a Phillip Island, utilizzata dai piloti per provare in configurazione gara, ha visto primeggiare Andrea Iannone e la Ducati.

Il pilota del Pramac Racing ha ottenuto la miglior prestazione proprio sotto alla bandiera a scacchi con il crono di 1:29.381, che gli ha permesso di battere di 67 millesimi il due volte campione del mondo Marc Marquez (Honda). Iannone è andato molto forte anche sul passo gara e si prospetta quindi un finale di weekend da protagonista.

Molto bene anche Valentino Rossi, che ha chiuso terzo a 0.368s dal connazionale. Il sette volte campione del mondo della Top Class ha un gran passo e anche lui come l’abruzzese si candida per una gara da protagonista. Sarà importante fare una bella qualifica, ma ci sono tutti i presupposti per fare molto bene.

Dietro a Rossi troviamo due Yamaha, quella Open di Aleix Espargarò e quella del team-mate Jorge Lorenzo, che ha un passo gara molto simile a quello del pesarese e che era stato il più veloce nelle FP3.

Ancora in difficoltà Dani Pedrosa, nono e dietro a Cal Crutchlow (Ducati) e alle due Yamaha del Team Tech 3 di Bradley Smith e Pol Espargarò. Ricordiamo che il #26 della Honda sarà costretto a disputare le Q1 per poter accedere le Q2. Non gli era mai successa una cosa simile e questo fa capire quanto sia in difficoltà.

Foto: Alex Farinelli

MotoGp FP4 Motegi - GP Giappone - I tempi


Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap

Risultati non ancora disponibili.


Motegi - GP Giappone - Risultati FP4

Clicca qui per entrare nella sezione Risultati e vedere tutte le statistiche

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati