Superbike: Quando è il caso di dire “a bocce ferme”

Il penultimo Round del Campionato Mondiale Superbike inizia con una sfida a bocce sulla griglia di partenza di Magny-Cours.

Superbike: Quando è il caso di dire “a bocce ferme”Superbike: Quando è il caso di dire “a bocce ferme”

I piloti delle derivate di serie nel corso del tradizionale Media Event del giovedì si sono resi protagonisti di una partita a bocce, o meglio di “pétanque”, tradizionale gioco molto popolare in Francia, sulla griglia di partenza del Circuit de Nevers Magny-Cours.

Sylvain Guintoli, Chaz Davies, Eugene Laverty, Leon Haslam, Jeremy Guarnoni, Sylvain Barrier, Fabien Foret, Claudio Corti e Geoff May, insieme ai piloti Supersport Florian Marino, Jules Cluzel e Valentin Debise, si sono dati battaglia su un campo creato ad arte per l’occasione, aiutati da due professionisti di livello nazionale, Emmanuel Lucien e Vincent Demuth.

I protagonisti di questa sfida hanno ricevuto a sorpresa un set di bocce personalizzate, con inciso il proprio nome.
Dopo due turni eliminatori, la finale ha visto vincitore il team composto da Leon Haslam, Chaz Davies, Geoff May e Florian Marino, i quali hanno ricevuto come premio una bottiglia di Prosecco DOC: Haslam, in particolare, si è fatto notare per le sua sua abilità nel gioco delle bocce.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati