Alex Marquez e Jack Miller commentano il “contatto” di Aragon

La caduta dell'australiano ha permesso allo spagnolo di raggiungere la vetta del mondiale Moto3

Alex Marquez e Jack Miller commentano il “contatto” di AragonAlex Marquez e Jack Miller commentano il “contatto” di Aragon

Jack Miller  e Alex Marquez (nella foto in prima e quarta posizione) domenica ad Aragon si sono “toccati” e ad avere la peggio è stato l’australiano della KTM, caduto e sorpassato in vetta alla classifica proprio dallo spagnolo. I due hanno parlato dell’accaduto, classificandolo come incidente di gara, anche se ovviamente il prossimo pilota LCR Honda MotoGP era il più “seccato.”

“La gara è stata difficile. All’inizio avevamo un pò di paura, perchè era facile cadere visto che c’erano parti del circuito che erano più umide – ha detto Alex Marquez – Ho provato a rimanere concentrato, ma ho fatto qualche errore e sono andato un po’ largo in alcune curve. All’ultima curva Fenati era molto veloce, mentre io ho perso un po’ di aderenza al posteriore e non sono riuscito a resistere. Penso che i venti punti di oggi sono molto importanti. Per quanto riguarda quello che è successo con Miller: l’ho passato all’intenro, ha mantenuto la mia linea sulla traiettoria asciutta e ho sentito il contatto. Non sapevo cosa fosse successo perché ero concentrato nel mantenere alla mia linea. Penso che quello che è successo è stato un incidente di gara.”

“Nella caduta, Marquez aveva cercato di superarmi in rettilineo, ma non aveva il passo per farlo – ha detto Jack Miller – All’entrata della curva ero sulla linea asciutta sono entrato normalmente. Sapevo che Marquez avrebbe dovuto rallentare ,a non ha tolto il gas e mi ha fatto cadere. Sono cose che possono succedere in gara. Ringrazio la squadra per aver riparato la moto e per avermi permesso di tornare in pista per qualche giro. Ora andiamo in un circuito che mi piace e vedremo cosa succederà.”

Leggi altri articoli in Moto3

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati