Superbike: Il punto sul mercato piloti

In attesa del round di Magny-Cours, riepiloghiamo gli ultimi movimenti e le voci dai paddock.

Superbike: Il punto sul mercato pilotiSuperbike: Il punto sul mercato piloti

Mai come quest’anno il mercato piloti è in piena attività, complice anche il ritorno in MotoGP di case storiche come Suzuki e Aprilia: in Superbike mancano solo due round alla fine del campionato e i top rider stanno decidendo il loro futuro.

In Aprilia i cambiamenti saranno tanti: Marco Melandri in un primo momento sembrava destinato al ritorno nella classe regina del Motomondiale in sella alla nuova Aprilia, con tanti saluti alla Superbike.
Invece in questi giorni si è appreso che il ravannate resterà probabilmente sì legato alla casa di Noale, non solo come tester della moto ufficiale in MotoGP, ma ancora in Superbike.

Forse non era pesuaso fino in fondo della competitività Aprilia nel prossimo anno e nel 2016, aspetto di cui non si è invece preoccupato Alvaro Bautista, che ha firmato un biennale con il Team Gresini, sta di fatto che Marco sembra sia più orientato a giocare un ruolo da protagonista in Superbike piuttosto che da comparsa in MotoGP.
La certezza al 100% ancora non c’è e il nodo è sopratutto economico.

Con l’uscita di scena del team ufficiale di Aprilia, anche Sylvain Guintoli sta cercando un’altra soluzione, che lo vedrebbe associato al team Honda Ten Kate: il francese quindi potrebbe passare sulla CBR 1000 RR, dove troverebbe il neo campione Supersport Michael Van Der Mark.
Guintoli andrebbe a prendere il posto di Jonathan Rea, che con ogni probabilità vestirà i colori del Kawasaki Racing Team. L’inglese sarà sulla Ninja di Loris Baz, che sta cercando di fare il grande salto in MotoGP: il giovane francese era vicinissimo a firmare con il team Aspar, ma l’accordo è sfumato a causa della sua altezza (192 cm) che richiederebbe troppi lavori di adattamento per la moto.
Scartata questa ipotesi, Baz avrebbe preso contatti con il team Pramac Racing, in cerca del sostituto di Andrea Iannone, che però gli ha preferito Danilo Petrucci: nel paddock sono ormai sicuri della firma.
Di certo c’è che Baz, dopo aver “rotto” con la Kawasaki, cerca una nuova sella in MotoGP per l’anno prossimo.

Nel Team Voltcom Crescent Suzuki, appreso che Eugene Laverty non sarà più in forza nel 2015, in questi giorni è stato invece confermato Alex Lowes: prima dell’ultimo round, in programma a fine ottobre in Qatar, si dovrebbe conoscere il nome del suo compagno di team.
Incerto invece rimane il futuro di Laverty, che vuole a tutti i costi essere sulla griglia di partenza della MotoGP il prossimo anno.
La situazione ad oggi rimane ancora complessa: vedremo come si evolverà dopo Magny-Cours.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati