Superbike: Baz soprende tutti nelle seconde libere a Jerez

Sul circuito andaluso il giovane francese della Kawasaki precede Marco Melandri e Tom Sykes, inamovibili dalla top three. Bene Giugliano quinto. Tra le EVO il migliore è Alessandro Andreozzi.

Superbike: Baz soprende tutti nelle seconde libere a JerezSuperbike: Baz soprende tutti nelle seconde libere a Jerez

Il meteo non cambia nella seconda sessione di libere, valevoli per l’accesso alla Superpole di domani, sul circuito di Jerez de la Frontera, che ha visto protagonisti i piloti impegnati nel decimo, e terz’ultimo, round del Campionato Mondiale ENI FIM Superbike.

Le prove si sono accese durante gli ultimi 15 minuti, con i primi dieci impegnati a migliorare il loro tempo sul giro: il miglior crono, a sorpresa, è di Loris Baz, davanti a Marco Melandri e al compagno di team Tom Sykes, che confermano quanto visto nella sessione di questa mattina.

In ripresa Leon Haslam che con il quarto tempo, a un due decimi dai primi tre, precede Davide Giugliano e Eugene Laverty; sono parsi in ritardo, almeno rispetto alle prime libere, Chaz Davies, settimo, e Sylvain Guintoli, ottavo.
Il venerdì è comunque un giorno interlocutorio, in cui team e piloti sono impegnati a trovare il giusto assetto alle moto e a sperimentare nuove soluzione piuttosto che a ricercare la performance pura, come accade invece il sabato, per cui fare pronostici è molto difficile.

Chiudono la top ten Toni Elias e la CBR Honda di Jonathan Rea.
A sorpresa prima EVO in classifica è Alessandro Andreozzi del team Pedercini Kawasaki, che fa segnare il 12esimo tempo subito dietro ad Alex Lowes.

I piloti torneranno in pista domani mattina, alle 9:45 per la terza e ultima sessione di libere, valevoli per la Superpole.

Di seguito la classifica al termine delle FP2:

1. Loris Baz FRA Kawasaki Racing ZX-10R1m 42.677s
2. Marco Melandri ITA Aprilia Racing RSV41m 42.768s
3. Tom Sykes GBR Kawasaki Racing ZX-10R1m 42.813s
4. Leon Haslam GBR PATA Honda CBR1000RR 1m 42.881s
5. Davide Giugliano ITA Ducati SBK 1199 Panigale R 1m 42.896s
6. Eugene Laverty IRL Voltcom Crescent Suzuki GSX-R1000 1m 43.399s
7. Chaz Davies GBR Ducati SBK 1199 Panigale R 1m 42.899s
8. Sylvain Guintoli FRA Aprilia Racing RSV41m 42.995s
9. Toni Elias ESP Red Devils Roma Aprilia RSV4 1m 43.067s
10. Jonathan Rea GBR PATA Honda CBR1000RR 1m 43.079s
11. Alex Lowes GBR Voltcom Crescent Suzuki GSX-R1000 1m 43.204s
12. Alessandro Andreozzi ITA Pedercini Kawasaki ZX-10R 1m 44.031s (E)
13. Sylvain Barrier FRA BMW Italia S1000RR1m 44.343s (E)
14. David Salom ESP Kawasaki Racing ZX-10R 1m 44.363s (E)
15. Niccolo Canepa ITA Althea Ducati 1199 Panigale R 1m 44.389s (E)
16. Sheridan Morais RSA IRON BRAIN Kawasaki ZX-10R 1m 44.468s (E)
17. Claudio Corti ITA MV Agusta RC F4RR1m 44.860s
18. Jeremy Guarnoni FRA MRS Kawasaki ZX-10R 1m 44.919s (E)
19. Bryan Staring AUS IRON BRAIN Kawasaki ZX-10R 1m 45.133s (E)
20. Imre Toth HUN Team Toth BMW S1000RR1m 46.087s
21. Geoff May USA Team Hero EBR 1190RX1m 46.614s
22. Gabor Rizmayer HUN Team Toth BMW S1000RR 1m 46.657s (E)
23. Luca Scassa ITA Pedercini Kawasaki ZX-10R 1m 47.525s (E)
24. Aaron Yates USA Team Hero EBR 1190RX1m 47.617s

Jerez official WSBK lap records
Best lap: Eugene Laverty IRL Aprilia Racing RSV4 1m 40.620s (2013)
Race lap record: Marco Melandri ITA BMW GoldBet S1000RR 1m 41.958s (2013)

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Superbike

Superbike: Loris Baz a sorpresa per la Superpole

Grandissima prova di Davide Giugliano che partirà secondo davanti a Tom Stkes. Quarto e quinto posto per Melandri e Guintoli.
Condividi su WhatsApp Dalla lotta per la prima fila sulla griglia di partenza del round di Jerez de la Frontera,
Superbike

Superbike: Melandri torna davanti nella terza sessione di libere

A Jerez de la Frontera il pilota Aprilia precede Davide Giuglaliano e Toni Elias. Sesto Sylvain Guintoli e ottavo Tom Sykes. Fuori Leon Haslam dalla top ten.
Condividi su WhatsApp Le temperature più basse (aria 23°C, asfalto 33°C) per l’ultima sessione di prove cronometrate, valevoli ai fini