Moto3 Sachsenring: Due cadute escludono Bastianini ed Antonelli dai protagonisti del gp tedesco

Gara sfortunata per i due baby del team Gresini

Moto3 Sachsenring: Due cadute escludono Bastianini ed Antonelli dai protagonisti del gp tedescoMoto3 Sachsenring: Due cadute escludono Bastianini ed Antonelli dai protagonisti del gp tedesco

Lo Junior Team GO&FUN di Gresini chiude il gp del Sachsenring con solo un misero punticino, un bottino davvero magro, arrivato al termine di una gara molto sfortunata sia per Enea Bastianini che per Niccolò Antonelli. Il primo è infatti caduto nel primo giro ripartendo 30° e chiudendo poi con un 15° posto, dopo aver recuperato il gap e superato tantissimi piloti. Antonelli invece è stato per quasi tutta la gara nel gruppo al ridosso del podio, ma è scivolato a tre giri dalla fine mentre era 6°. Per i due quindi poteva essere una gran gara, ma le cadute hanno rovinato tutto.

“Purtroppo anche questa volta non ho finito il primo giro… – ha affermato Enea Bastianini – è un vero peccato perché sono convinto che sarei potuto rimanere assieme ai primi. Eravamo all’ultima curva quando Binder è andato largo e mi ha urtato il braccio sinistro, facendomi perdere aderenza all’anteriore. Sono comunque riuscito a tenere accesa la moto e a ripartire: il braccio mi faceva male e non riuscivo a spingere al massimo in frenata, ma ho recuperato diverse posizioni conquistando un punto. Meglio di niente… Adesso guardiamo avanti”.

“Già a metà gara avevo provato a portarmi al comando del gruppetto e ad allungare – ha aggiunto Niccolò Antonelli – ci stavo riuscendo, perché avevo già 7-8 decimi di vantaggio, ma il cambio è entrato in folle e gli altri piloti si sono riavvicinati. Negli ultimi giri ci ho riprovato: sono tornato in testa, ma alla prima curva è entrata nuovamente la folle e non ho potuto evitare di andare dritto. Nella via di fuga sono caduto e non sono riuscito a ripartire. Mi dispiace perché potevamo tranquillamente portare a casa il sesto posto”.

Leggi altri articoli in Moto3

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati