Superbike: Il Team Kawasaki sempre più leader

Sykes, Baz e Salom nonostante le difficoltà in Gara 2, a Portimao rafforzano le loro posizioni in classifica, in attesa del round a Laguna Seca.

Superbike: Il Team Kawasaki sempre più leaderSuperbike: Il Team Kawasaki sempre più leader

Nonostante le condizioni metereologiche abbiano creato non pochi problemi al box Kawasaki, la casa giapponese si appresta a partire per gli Stati Uniti forte di una leadership consolidata a Portimao.

Tom Sykes, che ha dominato e vinto Gara 1 del round Portoghese, nonostante l’ottavo posto sul bagnato nella successiva, è infatti riuscito comunque ad aumentare il proprio vantaggio in classifica a 43 punti su Sylvain Guintoli, raggiungendo anche Max Biaggi per numero di gare WSBK vinte in carriera (21).

Sempre nella prima gara è salito con lui sul podio anche il compagno di squadra Loris Baz, giunto terzo al traguardo, mentre in Gara 2 lo ha preceduto al sesto posto, punti preziosi che gli valgono il mantenimento della terza posizione nella corsa al titolo, a sole cinque lunghezze dal secondo.

C’è da dire che questi risultati, parlando sopratutto di Gara 2, sono positivi anche in virtù del “pasticcio” combinato da Sylvain Guintoli e Marco Melandri, arrivati ad un evitabile contatto mentre lottavano per la vittoria.

Per quanto riguarda la categoria EVO, David Salom è riuscito a comquistare il primo posto in Gara 1, mentre nella seconda si è dovuto accontentare della 17esima posizione.

“In Gara 1sono partito male, ma le gare qui sono lunghe e quindi c’è il tempo di recuperare. Sono felice del buon vantaggio accumulato nella prima parte, poi però la pioggia ha iniziato a scendere”- ha detto Tom Sykes– “Non volevo fare errori stupidi, anche perché il grip cambiava molto da settore a settore ed era difficile prevederlo. Fortunatamente ha smesso poco dopo e mancavano diversi giri, quindi sono riuscito ad allungare di nuovo. In Gara 2 abbiamo avuto dei problemi, ma non sono deluso perché abbiamo mostrato un buon potenziale. Avevo troppo da perdere per sbagliare, ma l’errore è arrivato da altri piloti e per questo sono riuscito ad allungare in classifica rispetto ad inizio round”.

“In Gara 1, quando è arrivata la pioggia, non ero ben certo dell’intensità e per questo non mi sono preso rischi. Sono molto contento perché sabato faticavo molto a stare tra i primi 8, ma nel warm up abbiamo trovato qualcosa da cambiare, quindi il grazie va alla squadra”- ha dichiarato Loris Baz– “In Gara 2 abbiamo faticato a trovare il miglior set-up sul bagnato, ma abbiamo comunque fatto progressi di recenti. Mi mancava un po’ di feeling ad inizio della corsa e c’era qualche problema di visibilità. Abbiamo comunque trovato un buon passo, siamo migliorati sul bagnato e non ho perso praticamente niente in classifica”.

“Gara 1 mi è piaciuta e la battaglia con Sylvain Barrier è stata bella. Ho aspettato dietro di lui per capire dove poterlo passare all’ultimo giro. A sette giri dalla fine la mano ha cominciato a farmi male, quindi non riuscivo a guidare come avrei voluto”- ha detto David Salom, pilota maiorchino Kawasaki EVO- “Sono uscito di pista quattro o cinque volte, ma ho dato il massimo all’ultimo giro ed ho vinto. In gara 2, sul bagnato, è stata davvero dura. Non avevo la fiducia necessaria nonostante la moto sia ottima in queste condizioni. Il problema ero io, che non volevo rischiare di cadere, e ad ogni modo il nostro vantaggio nella classifica EVO è ancora ampio.”

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati