MotoGP Assen, Warm Up: Marquez, miglior tempo e caduta, Rossi è 5°

Il leader del mondiale è scivolato senza conseguenze, suo il miglior tempo davanti a Lorenzo e ai fratelli Espargarò

MotoGP Assen, Warm Up: Marquez, miglior tempo e caduta, Rossi è 5°MotoGP Assen, Warm Up: Marquez, miglior tempo e caduta, Rossi è 5°

Warm Up movimentato quello di Marc Marquez ad Assen. Il leader del mondiale che ha ottenuto il miglior tempo con il crono di 1:34.121 è infatti scivolato senza conseguenze quando mancavano pochissimi minuti al termine della sessione. Una perdita di aderenza dell’avantreno della sua Honda RC213V, su cui nulla ha potuto il campione in carica.

Lo spagnolo è comunque risalito in sella, riportando la moto ai box. Nella classifica dei tempi lo seguono Jorge Lorenzo e i fratelli Espargarò, con Pol davanti ad Aleix, con quest’ultimo che ieri ha ottenuto la pole position.

Quinto tempo per Valentino Rossi, sesto per Dani Pedrosa e settimo per la Ducati di Andrea Dovizioso. Chiudono la Top Ten Stefan Bradl con la Honda, Andrea Iannone con la GP14 del Team Pramac e Bradley Smith, con la Yamaha del Team Tech 3.

MotoGp Warm Up Assen - GP Olanda - I tempi


Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap
1 12 Maverick Vinales Yamaha Monster Energy Yamaha Motogp 1:33.677
2 4 Andrea Dovizioso Ducati Ducati Team 1:34.022 0.345
3 20 Fabio Quartararo Yamaha Petronas Yamaha Srt 1:34.042 0.365
4 93 Marc Marquez Honda Repsol Honda Team 1:34.227 0.550
5 42 Alex Rins Suzuki Team Suzuki Ecstar 1:34.254 0.577
6 44 Pol Espargaro Ktm Red Bull Ktm Factory Racing 1:34.332 0.655
7 30 Takaaki Nakagami Honda Lcr Honda Idemitsu 1:34.415 0.738
8 9 Danilo Petrucci Ducati Ducati Team 1:34.417 0.740
9 36 Joan Mir Suzuki Team Suzuki Ecstar 1:34.424 0.747
10 21 Franco Morbidelli Yamaha Petronas Yamaha Srt 1:34.450 0.773
11 43 Jack Miller Ducati Pramac Racing 1:34.475 0.798
12 35 Cal Crutchlow Honda Lcr Honda Castrol 1:34.714 1.037
13 46 Valentino Rossi Yamaha Monster Energy Yamaha Motogp 1:34.793 1.116
14 63 Francesco Bagnaia Ducati Pramac Racing 1:34.978 1.301
15 29 Andrea Iannone Aprilia Aprilia Racing Team Gresini 1:35.013 1.336
16 5 Johann Zarco Ktm Red Bull Ktm Factory Racing 1:35.094 1.417
17 88 Miguel Oliveira Ktm Red Bull Ktm Tech 3 1:35.120 1.443
18 41 Aleix Espargaro Aprilia Aprilia Racing Team Gresini 1:35.210 1.533
19 53 Tito Rabat Ducati Reale Avintia Racing 1:35.272 1.595
20 17 Karel Abraham Ducati Reale Avintia Racing 1:35.405 1.728
21 55 Hafizh Syahrin Ktm Red Bull Ktm Tech 3 1:35.926 2.249

Assen - GP Olanda - Risultati Warm Up

Clicca qui per entrare nella sezione Risultati e vedere tutte le statistiche

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

4 commenti
  1. Avatar

    Durim

    28 giugno 2014 at 10:23

    guardando il warm up, è un peccato che lorenzo e Rossi siano così indietro. Lorenzo ancora più di Rossi ha un buon passo..partire da dietro è sempre rischioso..vedremo chi sarà in testa..se ci finisce subito marquez è finita

  2. Avatar

    bcs

    28 giugno 2014 at 10:42

    Ronnie,
    Hai sentito cosa ha dichiarato Cecchinello in merito alla moto a disposizione di Bradl?
    In sostanza ha dato ragione a Suppo, hanno una moto quasi identica a quelle ufficiali.

    Ovviamente ci sono delle piccole differenze (o meglio novità che arrivano dopo una/due gare al massimo), ma la moto è di fatto identica…

  3. Avatar

    TONYKART

    28 giugno 2014 at 13:07

    Mmmmmm…….aspetta però,nella affermazione identica c e di mezzo un mare …fondamentalmente è identica ma gli ufficiali hanno un sacco di pezzi identici da vedere ma con rigidità diverse da usare sulle varie piste a seconda di tipo di asfalto o meteo,prendiamo come esempio il forcellone…cecchinello si presenta con la sua bella Honda uguale ma standard gli ufficiali ne hanno 3/4 da provare ,secondo te chi troverà’ la soluzione migliore ????..e così sulla maggior parte dei componenti ….

  4. Avatar

    bcs

    28 giugno 2014 at 17:27

    Tony
    Non è vero quanto scrivi, o meglio è vero in parte.
    Ovviamente le novità le hanno per primi i piloti ufficiali (e non ho scritto il contrario), ma arrivano anche ai team satelliti.

    Materiale che rimane ai team satellite (e che dovranno poi ri-consegnare a Honda secondo le tempistiche stabilite).

    Cecchinello ha dichiarato che le differenze sono piccolissime, piccoli affinamenti elettronici (e non moto fisica, come ad esempio il forcellone). E perdonami, ma il sign. Cecchinello, sa meglio di me e di te, che materiale ha a disposizione.
    Confermando di fatto quello che vado sostenendo da inizio stagione (infatti non ho mai scritto che le due moto sono identiche al 100%, ma che vi sono solamente le naturali differenze tra full factory e clienti. Differenze veramente piccole, che non giustificano il distacco che Bradl si becca).

    I 4 la’ davanti sono dei fenomi, e se metti Marc su quella moto i risultati sarebbero UGUALI e identici a quelli che fa tuttora.

    Suppo ha dichiarato che le moto (ufficiali e non) sono identiche (tolto come sappiamo Bautista che usa freni e sospensioni diversi.. E di fatto quella guida è la Honda più uffuciale di tutte, visto che dietro a Nissin e Showa c’è proprio mamma Honda).

    Cecchinello invece di smentire ha dichiarato le stesse identiche cose di Suppo.

    Il problema è Bradl, o meglio i 4 che ne hanno di più.

    Stessa situazione che verificò in prima persona Kallio, quando per qualche gara prese il posto di Stoner nel team ufficiale Ducati.
    Ovvero, andò nel pallone perchè trovò solamente delle piccolissime differenze tra quella che guidava lui (Ducati privata) e quella ufficiale (guidata da lui in qualche gara).

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati