Moto2 Catalunya: Dominio di Esteve Rabat, sul podio Vinales e Zarco

Mattia Pasini sesto è il migliore dei nostri, grande rischio per Salom che ha rischiato di essere investito Folger

Moto2 Catalunya: Dominio di Esteve Rabat, sul podio Vinales e ZarcoMoto2 Catalunya: Dominio di Esteve Rabat, sul podio Vinales e Zarco

La Spagna dopo la vittoria di Alex Marquez in Moto3 fa sua anche la classe Moto2, dominata dal leader del mondiale Esteve Rabat. Il pilota del Marc VDS Racing Team ha infatti tagliato il traguardo della sua gara di casa con oltre 4 secondi di vantaggio sul connazionale Maverick Vinales, che a sua volta ha preceduto Johann Zarco, che regala alla Caterham Suter il primo podio in Moto2.

La gara è stata caratterizzata da tante cadute, tra cui quelle di Simone Corsi e Alex de Angelis. La più pericolosa però è stata però quella di Luis Salom, che dopo il crash è rimasto in mezzo alla pista e che ha rischiato di essere investito da Jonas Folger. Fortunatamente nessuno dei caduti ha riportato conseguenze fisiche, anche se Salom sembra aver riportato una frattura esposta al mignolo destro.

Adesso in classifica Rabat comanda con 149 punti contro i 115 di Kallio e gli 89 di Maverick Vinales.

Cronaca di gara

Sta per iniziare sul tracciato di Montmelò il Gran Premio di Catalunya, settimo round del motomondiale 2014. Pole position per il leader del mondiale Esteve Rabat (Kalex Marc VDS Racing Team), che avrà accanto a se in prima fila il team-mate Mika Kallio e il connazionale del Team Pons Maverick Vinales.

Seconda fila per i tedeschi Sandro Cortese e Jonas Folger e per il nostro Mattia Pasini, tutti su Kalex (così come tutta la prima fila). La prima Suter è quella dello svizzero Thomas Luthi, autore del settimo tempo. Aprirà quindi la terza fila, di cui fanno parte anche il francese della Caterham Suter Johann Zarco e il britannico Sam Lowes.

Dodicesima posizione e quarta fila per Franco Morbidelli. Il pilota del Team Italtrans (che fa parte della VR46 Academy) è davanti al sammarinese Alex de Angelis, mentre il romano Simone Corsi è quindicesimo. Lorenzo Baldassarri è invece 24°. Tutto pronto, 23 i giri da percorrere per 108.721 km. Si spengono i semafori, al via il più veloce è il pole man Rabat, scattato davanti al compagno di squadra Mika Kallio. Seguono Maverick Vinales, Dominique Aegerter e Mattia Pasini. Tripla caduta! Subito fuori Franco Morbidelli, Simone Corsi e Randy Krummenacher. Rientrano in pista Morbidelli e il pilota dello Iodaracing, mentre si ritira Simone Corsi.

Davanti è battaglia e Kallio si porta in testa andando a chiudere il primo giro davanti a Maverick Vinales, Esteve Rabat, Dominique Aegerter, Mattia Pasini, Luis Salom e Jonas Folger. Alex de Angelis e Lorenzo Baldassarri sono rispettivamente in 11° e 16° posizione.

Cadono anche Sam Lowes e Sandro Cortese, che si ritirano e chiudono qui il GP di Catalunya. Vinales si porta al comando, davanti a Rabat, con Pasini quinto. Grande rischio per Luis Salom! Il pilota del Team Pons è caduto rischiando di essere investito da Jonas Folger, che fortunatamente è riuscito ad evitarlo. Gara finita per tutti e due, ma possiamo tirare un grande sospiro di sollievo, per poco il tedesco non centrava il casco dello spagnolo.

Davanti intanto Rabat è passato in testa davanti al connazionale Vinales e al team-mate Mika Kallio, mentre Mattia Pasini sesto è il migliore italiano. Buon recupero per Alex de Angelis, ora decimo.

Rabat con una serie di giri consecutivi allunga sulla concorrenza, avvicinandosi alla quarta vittoria della stagione. Ora il suo vantaggio su Vinales è di oltre tre secondi, mentre dietro è grande lotta tra gli svizzeri Thomas Luthi e Dominique Aegerter, entrambi su Suter.

Ancora una brutta caduta! questa volta tocca a Jordi Torres, che stava battagliando con il secondo gruppetto dopo una bella rimonta. Nel crash la sua moto ha urtato quella di Aegerter, che è finito fuori pista. Gara finita per lo spagnolo del Team Aspar, mentre lo svizzero seppur attardato e con una moto non a posto ha ripreso la gara.

Ultimi giri, cadono prima Xavier Simeon e successivamente Alex de Angelis, che aveva recuperato fino all’ottava piazza. Peccato per il sammarinese, che poteva portare a casa punti per il suo campionato. Inizia l’ultimo giro, Esteve Rabat taglia il traguardo centrando la quarta vittoria della stagione. Sul podio Vinales e Zarco, mentre il migliore degli italiani è Mattia Pasini sesto. A punti anche Lorenzo Baldassarri, che ha portato la Suter del Team Gresini in undicesima posizione.

moto2 Gara Barcellona - GP Catalunya - I tempi


Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap
1 73 Alex Marquez Kalex Eg 0,0 Marc Vds 38:25.678
2 12 Thomas Luthi Kalex Dynavolt Intact Gp +1.989
3 9 Jorge Navarro Speed Up Hdr Heidrun Speed Up +2.532
4 40 Augusto Fernandez Kalex Flexbox Hp 40 +3.802
5 33 Enea Bastianini Kalex Italtrans Racing Team +7.472
6 10 Luca Marini Kalex Sky Racing Team Vr46 +13.996
7 23 Marcel Schrotter Kalex Dynavolt Intact Gp +14.565
8 97 Xavi Vierge Kalex Eg 0,0 Marc Vds +14.953
9 22 Sam Lowes Kalex Federal Oil Gresini Moto2 +15.898
10 45 Tetsuta Nagashima Kalex Onexox Tkkr Sag Team +17.947
11 41 Brad Binder Ktm Red Bull Ktm Ajo +20.891
12 5 Andrea Locatelli Kalex Italtrans Racing Team +20.930
13 11 Nicolo Bulega Kalex Sky Racing Team Vr46 +22.352
14 24 Simone Corsi Kalex Tasca Racing Scuderia Moto2 +25.192
15 88 Jorge Martin Ktm Red Bull Ktm Ajo +27.132
16 77 Dominique Aegerter Mv Agusta Mv Agusta Idealavoro Forward +30.395
17 35 Somkiat Chantra Kalex Idemitsu Honda Team Asia +32.230
18 64 Bo Bendsneyder Nts Nts Rw Racing Gp +33.315
19 94 Jonas Folger Kalex Petronas Sprinta Racing +39.441
20 16 Joe Roberts Ktm American Racing Ktm +42.600
21 20 Dimas Ekky Pratama Kalex Idemitsu Honda Team Asia +44.461
22 4 Steven Odendaal Nts Nts Rw Racing Gp +47.623
23 72 Marco Bezzecchi Ktm Red Bull Ktm Tech 3 +54.911
24 3 Lukas Tulovic Ktm Kiefer Racing +59.776
25 18 Xavi Cardelus Ktm Sama Qatar Angel Nieto Team +1:22.064

Barcellona - GP Catalunya - Risultati Gara

Clicca qui per entrare nella sezione Risultati e vedere tutte le statistiche

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Moto2

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    n75

    15 giugno 2014 at 22:39

    Felice per Zarco, peccato per Torres e Luthi e… finalmente Pasini! Condivido in pieno anche le sue parole dell’intervista post-gara, ma per migliorarsi c’è ancora mezza stagione, l’importante è stare con i piedi per terra e non strafare.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati