MotoGP Barcellona, Prove Libere 2: Smith a sorpresa su Bradl e Marquez

Sesto tempo, settimo e nono tempo per Rossi, Dovizioso e Iannone

MotoGP Barcellona, Prove Libere 2: Smith a sorpresa su Bradl e MarquezMotoGP Barcellona, Prove Libere 2: Smith a sorpresa su Bradl e Marquez

La seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Catalunya classe MotoGP, settima tappa del motomondiale 2014, si è disputata con un clima rovente; ben 34 i gradi nell’aria e oltre 56 quelli sull’asfalto.

Tempi più alti rispetto a questa mattina, quando la temperatura era decisamente più mite. Ad ottenere la miglior prestazione è stato il britannico Bradley Smith (1:42.123 il suo crono), in sella alla Yamaha del Team Tech 3.

Alle sue spalle il tedesco della Honda LCR Stefan Bradl e il leader del mondiale Marc Marquez, che recupera posizioni rispetto a questa mattina, quando era settimo.

Quarto tempo per Jorge Lorenzo, quinto per Pol Espargarò e sesto per Valentino Rossi, tutti su Yamaha, il primo e il terzo su moto Factory, il secondo su quella Open del Forward Racing.

Bene anche le Ducati, che piazzano Andrea Dovizioso, Yonny Hernandez e Andrea Iannone in settima, ottava e nona posizione. Chiude la Top Ten Dani Pedrosa, ancora dolorante al braccio operato prima della gara di Le Mans.

Undicesimo tempo per Alvaro Bautista (Honda Grsini), mentre la prima Honda Open è quella di Scott Redding, tredicesimo e dietro ad Aleix Espargarò. Diciottesimo tempo per Nicky Hayden, ancora alle prese con il polso destro operato dopo il Mugello.

MotoGp Prove Libere 2 Barcellona - GP Catalunya - I tempi


Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap
1 20 Fabio Quartararo Yamaha Petronas Yamaha Srt 1:40.079
2 4 Andrea Dovizioso Ducati Ducati Team 1:40.360 0.281
3 30 Takaaki Nakagami Honda Lcr Honda Idemitsu 1:40.381 0.302
4 44 Pol Espargaro Ktm Red Bull Ktm Factory Racing 1:40.393 0.314
5 63 Francesco Bagnaia Ducati Pramac Racing 1:40.471 0.392
6 21 Franco Morbidelli Yamaha Petronas Yamaha Srt 1:40.517 0.438
7 46 Valentino Rossi Yamaha Monster Energy Yamaha Motogp 1:40.520 0.441
8 9 Danilo Petrucci Ducati Ducati Team 1:40.599 0.520
9 35 Cal Crutchlow Honda Lcr Honda Castrol 1:40.702 0.623
10 42 Alex Rins Suzuki Team Suzuki Ecstar 1:40.727 0.648
11 17 Karel Abraham Ducati Reale Avintia Racing 1:40.727
12 5 Johann Zarco Ktm Red Bull Ktm Factory Racing 1:40.771 0.692
13 99 Jorge Lorenzo Honda Repsol Honda Team 1:40.816 0.737
14 12 Maverick Vinales Yamaha Monster Energy Yamaha Motogp 1:40.847 0.768
15 41 Aleix Espargaro Aprilia Aprilia Racing Team Gresini 1:40.878 0.799
16 43 Jack Miller Ducati Pramac Racing 1:40.948 0.869
17 93 Marc Marquez Honda Repsol Honda Team 1:40.963 0.884
18 53 Tito Rabat Ducati Reale Avintia Racing 1:41.007 0.928
19 36 Joan Mir Suzuki Team Suzuki Ecstar 1:41.070 0.991
20 88 Miguel Oliveira Ktm Red Bull Ktm Tech 3 1:41.331 1.252
21 29 Andrea Iannone Aprilia Aprilia Racing Team Gresini 1:41.524 1.445
22 55 Hafizh Syahrin Ktm Red Bull Ktm Tech 3 1:41.527 1.448
23 50 Sylvain Guintoli Suzuki Team Suzuki Ecstar 1:41.987 1.908
24 38 Bradley Smith Aprilia Aprilia Racing Team 1:42.156 2.077

Barcellona - GP Catalunya - Risultati Prove Libere 2

Clicca qui per entrare nella sezione Risultati e vedere tutte le statistiche

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    Ronnie

    13 giugno 2014 at 15:10

    Hanno fatto un sacco di prove difficili da decifrare, c’è chi ha cercato il tempo ad inizio sessione che era più logico visto che sarà circa l’orario della Q2 delle qualifiche di domani.

    Ma più o meno tutti hanno continuato a fare prove tra Media e Dura al posteriore e forse anche all’anteriore. Non si è capito con chi con penuamtico nuovo e chi con vecchio.

    Sia Rossi che Lorenzo mi sembrano essere andati più forte con la Dura, Rossi ad inizio sessione e Lorenzo a fine sessione. La cosa più difficile da capire è se quello era il passo gara o il giro veloce specie per Lorenzo così come per Marquez. Difficile capire se le alte temperature abbiano dato un vantaggio alla Honda, sia con quella di Marquez che con quella di Bradl o se stavano facendo i temponi con pneumatico nuovo. Quello che è sicuro è che Smith e Bradl sono forse gli unici due che hanno cercato il tempone a fine turno.

    Secondo me era forse più lenta la pista per le eccessive temperature di ambiente e soprattutto asfalto, ma le Yamaha forse arrancano di più sulla lunga distanza con le temperature così alte rispetto a questa mattina.

    Mi è davvero difficile capire cosa faranno in gara se le MotoGP factory useranno la media o la dura al posteriore sembrano andare forte entrambe ma non si capisce per quanto, la media forse non regge bene le alte temperature mentre la dura sembra più incostante, bisogna apsettare le dichiarazioni dei piloti sperando che siano molto precise e dicano se hanno provato pneuamtici più usati nei turni e se e quale invece hanno montato di nuovo e quando l’hanno fatto, e se hanno girato con il pieno di benzina o con la moto scarica, perchè Marquez è stato davvero impressionante a inizio turno così come Bradl se quello era il passo le Yamaha sono spacciate se erano giri con gomma nuova e poca benzina invece sono più vicine.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati