MotoGP Le Mans, Warm Up: Marquez davanti a Iannone e Rossi, risale Pedrosa

Ottima la prestazione del pilota abruzzese del Team Pramac Ducati

MotoGP Le Mans, Warm Up: Marquez davanti a Iannone e Rossi, risale PedrosaMotoGP Le Mans, Warm Up: Marquez davanti a Iannone e Rossi, risale Pedrosa

Marc Marquez è stato il più veloce nel warm up della classe MotoGP a Le Mans, quinta tappa del motomondiale 2014. Il poleman, nonché leader del mondiale, l’ha ottenuta con il crono di 1:33.369.

Alle sue spalle staccato di soli 0.161s troviamo l’ottimo Andrea Iannone (nella foto), in sella alla Ducati. Il pilota del Team Pramac ribadisce così il suo momento di forma, anche se ieri un problema ai freni in qualifica non gli ha permesso di qualificarsi in una buona posizione (partirà dalla quarta fila).

Terzo tempo per Valentino Rossi, che precede il team-mate Jorge Lorenzo. I due riders Yamaha sono staccati rispettivamente da Marquez di 0.328s e 0.352s. Seguono Aleix Espargarò con la Yamaha Open e Dani Pedrosa, che rispetto a ieri risale tre posizioni.

Settimo e ottavo tempo per le Honda di Alvaro Bautista e Stefan Bradl, seguite dalle due Ducati del Team interno di Cal Crutchlow e Andrea Dovizioso, che in gara partirà dalla prima fila. La migliore Honda RCV1000R Open è quella di Nicky Hayden, 13° e davanti alla Ducati del colombiano Yonny Hernandez.

MotoGp Warm Up Jerez - GP Andalusia - I tempi


Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap

Risultati non ancora disponibili.


Jerez - GP Andalusia - Risultati Warm Up

Clicca qui per entrare nella sezione Risultati e vedere tutte le statistiche

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

3 commenti
  1. Avatar

    Ronnie

    18 Maggio 2014 at 10:43

    Vedo bene solo Lorenzo e Rossi, gli altri a parte l’incognita Iannone li vedo male, ma visto cosa ha fatto in prova ieri Andrea, dubito che possa fare tutti i giri alla Stoner senza sbagliare e centrare qualcuno, stendersi o andare lungo, oggi ha fatto il tempo in scia a Rossi che però bisogna dire ha fatto un giro 2 o 3 decimi piu’ lento in quell’occasione, secondo me penumatico posteriore permettendo Iannone può tenere Lorenzo e Rossi più di quando non riuscirà a fare Pedrosa, che mi è sembrato più in difficoltà e forse lo sarà come al solito soprattutto nei primi giri.

    Capitolo Marquez a parte i soliti 3 decimi sul passo quello che si erà già visto negli altri GP e in tutti i turni di prove senza suoi grossi erorri senza contatti, vince ancora lui.

  2. Avatar

    Fastest

    18 Maggio 2014 at 11:05

    Il problema di tutti gli altri è che Marquez ha margine, ed è un grosso problema! Gli altri hanno raggiunto il limite, lui non sa ancora qual è il suo limite. Oggi ha girato in scioltezza, col suo solito passo di 2-3 decimi migliore di Lorenzo, ma sono 2-3 decimi fasulli secondo me. In gara ha ancora qualcosa nel polso, a meno che non viene centrato da qualcuno. Ha alzato l’asticella a un livello incredibile, ma era prevedibile, solo che non era prevedibile a questo livello qua. Rossi è migliorato rispetto all’annos corso, Pedrosa è migliorato pure (parole sue), e secondo me pure Lorenzo guida come sempre, solo che non può nulla, ne è consapevole, e in confronto a Marc sembra che stia facendo peggio dell’anno scorso, ma non è cosi. Il treno lo doveva prendere l’anno scorso quando Marc era un debuttante che non sapeva leggere e scrivere in MotoGP, doveva sfruttare l’occasione e vincere il titolo…e invece…

    • Avatar

      Ronnie

      18 Maggio 2014 at 12:22

      Si anche secondo me Marq ha margine ma non è sul passo diciamo che può fare dei giri tiratissimi ma non credo per tutta la gara. Comunque hai ragione non ha dato tutto questa mattina, fatto il tempo più veloce dando 3 decimi ai piloti Yamaha ha smesso, ha soprattuto fatto il giro per battere Iannone.

      Comunque credo che se Rossi o Lorenzo dessero tutto seguendo per qualche giro Marquez potrebbero restare nei 3-4 decimi da Marquez il probelma è che Marquez può tenere quel passo più a lungo e non è impiccato come i 2 della Yamaha che farebbero giri alla morte.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati