MotoGP Le Mans Microfono ai piloti Ducati

I piloti della rossa di Borgo Panigale chiudono ottavo (Dovizioso) e undicesimo (Crutchlow) la tappa francese del motomondiale

MotoGP Le Mans Microfono ai piloti DucatiMotoGP Le Mans Microfono ai piloti Ducati

Non si può certo dire che quella di oggi sia stata una giornata positiva, ma visti i trascorsi nelle quattro gare precedenti, non la si può certo definire negativa.
Andrea Dovizioso era partito bene dalla prima fila, e per alcuni giri è riuscito a tenere la testa della corsa: una prestazione che ha fatto sperare se non in una vittoria, almeno in una posizione nella top three o almeno nella top five. Invece il momento di gloria del pilota di Forlimpopoli non è durato a lungo, e dopo pochi giri è cominciata una parabola discendente che lo ha relegato a un’ottava posizione ottenuta al termine di un duello con Aleix Espargarò.
Discorso inverso si può fare invece per Cal Crutchlow, il cui undicesimo posto è un vero e proprio traguardo, visto che l’inglese è riuscito a finire la gara solo due volte dall’inizio della stagione. La sua gara è stata inoltre condizionata da un contatto con Hernandez nelle prime fasi di corsa e da qualche errore di troppo, tra cui un dritto che lo ha costretto a cedere parecchie posizioni.

“Almeno ci ho provato!” Ha detto Andrea Dovizioso (nella foto) a fine gara “Ho fatto una bellissima partenza e ho cercato di portarmi più avanti possibile, ma dopo qualche giro ho capito che non avrei avuto la possibilità di combattere con i primi. Peccato, ma il nostro gap per il momento purtroppo è ancora troppo grande e, anche stringendo i denti, non c’è modo di fare troppe strategie o di poter spingere più di tanto in certi momenti della gara. Anche dopo il mio terzo tempo nelle qualifiche di ieri sapevo che oggi sarebbe stata una gara difficile. Adesso però pensiamo alla gara di casa al Mugello, dove cercheremo di fare un buon risultato.”

“Finalmente oggi sono riuscito a terminare la gara e per me, visto come era iniziato il mio campionato 2014, è una cosa positiva”
spiega Cal Crutchlow, tutto sommato soddisfatto della sua gara, nonostante il risultato deludente “Ho fatto una buona partenza e il mio feeling con la GP14 non era male, ma c’è stato un incidente al primo giro e sono stato colpito involontariamente da Hernandez, che mi ha fatto perdere qualche posizione. Ho anche commesso qualche errore nel corso della gara, ma è chiaro che per il momento è difficile per noi potere puntare alle zone alte della classifica. Ringrazio il mio team, che ce la sta mettendo tutta, anche se il risultato non è sicuramente quello che ci aspettavamo.”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

4 commenti
  1. Avatar

    supermariacion

    18 maggio 2014 at 22:41

    Ascoltando l’intervista post gara su sky, mi viene da dire EVVIVA LA SICNERITA’! lo ha detto chiaramente, il potenziale è quello. Mi sta sulle pelotas che per due anni una manica di c0gli0nazzi han sputato m3rd4 su rossi per gli stessi risultati che vediamo oggi su quel motocoltivatore!! Poi a dirla tutta, dovizioso è un gran pilota…ma se pensiamo al passato, su HRC…il suo numero di gara corrisponde al miglior piazzamento che può sperare.

  2. Avatar

    bibo

    19 maggio 2014 at 13:41

    ma siete proprio ottusi!!!!!!!!!!!!!!!!!!1
    quando rossi ha preso in mano la ducati ,era COMPETITIVA!!!!!!
    poi è stata completamente snaturata dal duo rossi e jeremi…
    leggetevi quà e rinfrescatevi la memoria che vi fa comodo non avere
    http://www.gazzetta.it/Motori/Motomondiale/MotoGP/10-11-2010/rossi–711766406426.shtml
    CASEY STONER L UNICO PILOTA IN GRADO DI DOMARE UN CAVALLO DI RAZZA COME ERA LA DUCATI DI FILIPPO PREZIOSI
    grazie filippo hai fatto vincere il made in italy !!!

  3. Avatar

    TONYKART

    20 maggio 2014 at 11:13

    Diciamo che rossi è stato la causa del declino,moto sfornate in tempi troppo brevi,licenziamento di preziosi,buttato via tutto il lavoro di anni.
    L unica scusante che do a Valentino è che doveva vincere per forza lui,quindi tutta la ducati è entrata in un circolo vizioso senza senso…,
    Io la vedo così …mi sembra che con le Honda e le Yamaha ufficiali ci possono vincere tutti ,con le moto minori solo uno ci è riuscito…per me quello è il migliore .

    • Avatar

      enea

      21 maggio 2014 at 00:58

      E perché non ha vinto una minkia nelle categorie minori?

      Perche nel 2012 con un po di chattering é andato in crisi esistenziale e le ha prese anche da pedro?

      La ducati aveva bisogno di uno stile unico(dirt track), che chi proveniva dalla 250 e/o motoGP jappo non aveva.

      Stoner aveva questo stile unico(lo stesso stile che non gli ha fatto vincere una minkia nelle categorie minori), che assieme al fatto che era un gran manico, aveva vent’anni, era la sua prima moto ufficiale in moto GP, la ducati 2007 era una gran moto ecc ecc lo ha fatto trionfare.

      Nel 2006 capirex ci ha quasi vinto il mondiale…

      Siete fanatici tanto quanto quelli che identificavano vale con il messia.

      Sveglia.

      EneA

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati