Moto3 Jerez: Fenati c’è! Suo il Gran Premio di Spagna

Gara perfetta del pilota del Team Sky VR46, che centra la sua seconda vittoria dell'anno

Moto3 Jerez: Fenati c’è! Suo il Gran Premio di SpagnaMoto3 Jerez: Fenati c’è! Suo il Gran Premio di Spagna

Un perfetto Romano Fenati ha vinto il Gran Premio di Spagna classe Moto3, bissando così il successo ottenuto la settimana scorsa in Argentina. La sua gara è stata tatticamente perfetta; pur partendo dalla quarta fila non si è perso d’animo e recuperando giro dopo giro si è portato in testa, resistendo all’attacco degli spagnoli. Una corsa da incorniciare e che lo proietta a soli cinque punti dal leader del mondiale Jack Miller, oggi quarto.

Sul podio con lui Efren Vazquez e Alex Rins, entrambi su Honda. Per la KTM si tratta della cinquantesima vittoria nel mondiale. Buona anche la gara di Francesco Bagnaia ed Enea Bastianini, che hanno chiuso in ottava e nona posizione, mentre delude ancora una volta Niccolò Antonelli, caduto nelle prime fasi di gara.

Cronaca di gara

Quarto appuntamento della stagione 2014 per la classe Moto3, categoria dove gli italiani sono tornati protagonisti, soprattutto dopo la vittoria di Romano Fenati in Argentina. Si corre sul tracciato andaluso di Jerez de la Frontera, prima europea del motomondiale. In pole troviamo il leader del mondiale Jack Miller (KTM), alla sue terza partenza al palo della stagione. In prima fila con lui il nostro Niccolò Antonelli, rider dello Junior Team GO&FUN, tornato finalmente nelle posizioni di vertice dopo un difficile avvio di stagione e la Honda dello spagnolo Alex Rins.

Anche la seconda fila ha colori italiani, troviamo infatti Francesco Bagnaia, sesto con la KTM del Team Sky VR46. Più indietro invece Romano Fenati (suo team-mate) che partirà dalla quarta con il decimo tempo. Quinta fila invece per Enea Bastianini, secondo rider dello Junior Team GO&FUN, mentre Alessandro Tonucci e Matteo Ferrari hanno ottenuto rispettivamente il 22° e il 31° tempo. Tutto pronto, 23 i giri da percorrere per 101.729 km, 25° nell’aria 35° sull’asfalto. Si spengono i semafori, al via il più veloce è Jack Miller, che però viene passato da Antonelli. L’australiano riprova subito a riprendersi la posizione, ma il pilota del Team Gresini resiste. Li seguono Isaac Vinales, Efren Vazquez, Francesco Bagnaia, Nicklas Ajo, Alex Ri s e Romano Fenati.

Cambiano le posizioni, il primo giro si chiude con Miller, Vazquez, Antonelli, Vinales, Ajo, Bagnaia, Rins, Fenati, Marquez e Kornfeil. Le due donne in pista, Maria Herrera (qui wild card) e Ana Carrasco sono rispettivamente in diciassettesima e trentunesima posizione. Finisce la gara di Eric Granado, caduto nelle primissime fasi di gara.

Sono undici i piloti a giocarsi la vittoria, con il nostro Romano Fenati che fa segnare il giro veloce. Vazquez intanto porta la Honda del Team SaxoPrint-RTG al comando, mentre purtroppo c’è la scivolata di Niccolò Antonelli! Il pilota del Team Gresini sembra essersi toccato con Bagnaia. Fortunatamente si rialza e riprende la gara, ma poi rientra mestamente ai box.

Attacca Fenati, che si porta in testa, ma va forte anche il suo team-mate Francesco “Pecco” bagnaia, ora terzo. Giunti a metà gara il vincitore del Gran Premio d’Argentina comanda davanti ad Alex Rins, Efren Vazquez, Francesco Bagnaia, Jack Miller, Alex Marquez e Isaac Vinales. Buona la gara di Enea Bastianini, dodicesimo e anche quella di Maria Herrera, che lo tallona da vicino.

Al momento si sono otto piloti a giocarsi la vittoria; nell’ordine di classifica Rins, Fenati, Vazquez, Bagnaia, Miller, Kornfeil, Marquez e Vinales.Una battaglia che molto probabilmente avrà il suo epilogo solo all’ultima curva.

Parlando di ritiri ricapitolando abbiamo: Antonelli, Granado, Sissis, Rodrigo, Deroue, Binder e Livio Loi, quarto nello scorso GP d’Argentina. Il gruppetto si sta sgranando, Fenati è li a giocarsi la vittoria, mentre Bagnaia sembra più in difficoltà. E’ proprio l’ascolano del Team Sky VR46 a cercare di mettere un piccolo gap con gli avversari, andando a cercare la terza vittoria nella categoria, la seconda consecutiva.

Ultimi KM di gara, Miller sembra quello più in difficoltà, mentre Fenati continua a comandare. Inizia l’ultimo giro, Fenati controlla e va a vincere la sua seconda gara del 2014, avvicinandosi molto in classifica a Jack Miller. Sul podio con lui gli spagnoli Vazquez e Rins.

Moto3 Gara Jerez - GP Spagna - I tempi


Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap
1 75 Albert Arenas Ktm Gaviota Aspar Team Moto3 39:26.256
2 79 Ai Ogura Honda Honda Team Asia +0.340
3 14 Tony Arbolino Honda Rivacold Snipers Team +0.369
4 16 Andrea Migno Ktm Sky Racing Team Vr46 +0.546
5 13 Celestino Vietti Ktm Sky Racing Team Vr46 +0.634
6 25 Raul Fernandez Ktm Red Bull Ktm Ajo +0.682
7 2 Gabriel Rodrigo Honda Kommerling Gresini Moto3 +0.753
8 24 Tatsuki Suzuki Honda Sic58 Squadra Corse +0.881
9 23 Niccolo Antonelli Honda Sic58 Squadra Corse +0.986
10 5 Jaume Masia Honda Leopard Racing +3.646
11 71 Ayumu Sasaki Ktm Red Bull Ktm Tech 3 +3.751
12 82 Stefano Nepa Ktm Gaviota Aspar Team Moto3 +3.936
13 55 Romano Fenati Husqvarna Sterilgarda Max Racing Team +4.157
14 21 Alonso Lopez Husqvarna Sterilgarda Max Racing Team +6.086
15 52 Jeremy Alcoba Honda Kommerling Gresini Moto3 +5.608

Jerez - GP Spagna - Risultati Gara

Clicca qui per entrare nella sezione Risultati e vedere tutte le statistiche

Leggi altri articoli in Moto3

Lascia un commento

3 commenti
  1. Avatar

    atta387

    4 Maggio 2014 at 12:18

    Adesso a Romano gli torglieranno ancora un punto perche a sorpassato l’avversario allultima curva!!!!

  2. Avatar

    Durim

    4 Maggio 2014 at 12:37

    Purtroppo mi sono perso la gara ma complimenti!! Non è facile partire dietro e vincere! Speriamo questo sia il suo anno che vinca la moto 3 e passi alla moto 2 :)

  3. Avatar

    Bryan

    5 Maggio 2014 at 11:31

    Purtroppo nella cronaca di gara c’è un errorino, la prima volta che Fenati passa in testa, è Vazquez a lasciarlo passare, scansandosi, per risparmiare le gomme… Bella gara di Fenati e Vazquez, un pochino meno quella di Rins che sembrava sempre al limite, con sorpassi che portavano lungo lui e i suoi avversari, con un po più di strategia sarebbe andato meglio.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati