Superbike: Il punto di Pirelli dopo Assen

Il fornitore ufficiale WSBK commenta in maniera molto positiva il debutto dei pneumatici da bagnato e lo sviluppo dei Pirelli Diablo Superbike da qualifica

Superbike: Il punto di Pirelli dopo AssenSuperbike: Il punto di Pirelli dopo Assen

Quello sul circuito di Assen è stato un round fortemente condizionato dalle condizioni metereologiche e che ha visto in azione praticamente tutte le soluzioni messe a disposizione per i piloti da Pirelli, compresi ovviamente i pneumatici da bagnato.

Abbiamo visto infatti correre la Superbike in Gara 1 e la Supersport su asciutto, mentre Gara 2 e le gare di Superstock 600 e Superstock 1000 su bagnato.
In Superbike un weekend era iniziato con la grande prestazione in Superpole di Loris Baz che, grazie anche ai progressi dei nuovi pneumatici Pirelli Diablo Superbike, è riuscito a conquistare la pole migliorando di ben 7 decimi il tempo record dell’anno scorso fatto registrare da Tom Sykes.

Nella giornata di domenica Gara 1 si è svolta in condizioni di asciutto in pista: come già successo ad Aragón, praticamente tutti i piloti delle prime tre file hanno optato per la nuova soluzione anteriore di sviluppo S1699 e per il pneumatico progettato ad hoc per i soli piloti Superbike.
Gara 2, dopo essere stata ridotta a 15 giri per il sopraggiungere della pioggia nel giro di ricognizione, si è corsa per soli 3 giri sotto un violento acquazzone prima di essere nuovamente interrotta.
Dopo circa un’ora la gara è stata ridotta a 10 giri per la terza e decisiva partenza: tutti i piloti hanno utilizzato per la prima volta quest’anno pneumatici intagliati da bagnato Diablo Rain in mescola 100% silice che massimizza il safety feeling sull’anteriore offrendo wet grip in situazioni limite di massima piega, frenate violente e fase di prima accelerazione.

“E’ stato un weekend impegnativo per tutti per via del meteo che ha complicato non poco il normale svolgimento delle gare. Per quanto riguarda il nostro lavoro siamo comunque soddisfatti perchè il tempo incerto ci ha permesso di vedere in azione praticamente tutto il carnet di pneumatici che abbiamo portato ad Assen, compresi gli pneumatici da bagnato”- commenta Giorgio Barbier, Racing Director Pirelli Moto– “Molto interessante il tempo realizzato da Loris Baz nella Superpole di sabato, conferma che il costante lavoro di sviluppo che facciamo sui nostri pneumatici anno dopo anno può portare risultati anche importanti. I miei complimenti ovviamente anche a Sylvain Guintoli per la vittoria in Gara 1 e a Jonathan Rea che ancora una volta si è confermato molto forte sul bagnato, molto bravo anche Kervin Bos che come wild card è arrivato fino all’11° piazzamento in Gara 2. Il nostro obiettivo qui era quello di ottenere conferme circa la bontà delle soluzioni che hanno debuttato ad Aragón, il tempo non ci ha aiutato in tal senso ma comunque da Gara 1 e nella gara di Supersport siamo riusciti ad ottenere delle informazioni molto incoraggianti. Non ci resta che confidare in un clima migliore per il prossimo appuntamento ad Imola, intanto ci godiamo il terzo successo consecutivo ottenuto proprio oggi al Bol d’Or con il team Kawasaki SRC”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati