SBK Assen Le Pagelle Semiserie…E se vedrai, sventolar bandiera rossa…

...capirai che è la Superbike!

SBK Assen Le Pagelle Semiserie…E se vedrai, sventolar bandiera rossa…SBK Assen Le Pagelle Semiserie…E se vedrai, sventolar bandiera rossa…

Debs: buondì!!! Benritrovati!!! Come state? Tutto bene? Siete carichi? Siete pronti? Siete già in piedi sul divano? Siete…
Mari: ooooooh, ma che ti è preso?
Debs: niente, perchè?
Mari: eh, non lo so, sei partita a razzo! Io non so nemmeno dove sono! Aiuto!!!!
Debs: bisogna essere svegli e spigliati di prima mattina! Se tu il Sabato sera vai dormire, la Domenica ti ritrovi rincoglionita! Se invece fai una tirata unica, come ho fatto io, la Domenica ti ritrovi… Zzzzzz
Mari: ecco, la notte leoni e la mattina… Cià va, smotoreggiamo!

Gara1

Tutto come al solito, Saiz davanti e dietro tutti gli altri…
Mari: Debs, che cavolo stai dicendo?
Debs: la gara, non si capisce?
Mari: ehm, sì ma no, cioè, Saiz non c’entra niente, é partito ammerda ed in testa c’è Guintoli, seguito da Cionni e poi Tommasino.
Debs: come sei attaccata alle posizioni, tanto si sa come va a finire.
Mari: mah, in SBK non si sa mai, può spuntare qualche bandiera rossa…
Dopo questo piccolo appunto e qualche curva, abbiamo la prima caduta della gara: cade chi mai ti aspetteresti di vedere a terra, il pilota che proprio non ti aspetti e che è quasi leader del Mondiale: Giugliano… che se non fa il Giugliano di turno non è Giugliano.
Nel frattempo Tom “il barbuto” (Debs: dicono che gli abbiano fatto un casco apposta per farci stare la sua testa con tutta la barba) sorpassa Gionni iniziando così la sua rimonta, cercando di recuperare un Guintoli a settendici secondi di distacco. Melandri, in quinta posizione, fa da tappo ad una cinquantina di persone: dietro di lui sembra la coda del casello autostradale. Tommasino si rende ancora protagonista andando largo come se non ci fosse un domani e viene sorpassato sia da Gionni che dal suo compagno di squadra. Dopo pochi giri Saiz si riprende ciò che era suo con tanto di sfiammate, tant’è che Rea rischia di rimanere stempiato a causa delle fiamme. (Debs: da qui si può dire che se volete accendere un barbeque potete usare una Ninja. Mari: esatto, al posto della carbonella o del phone per riscaldare la legna). Arriviamo così al 17esimo giro con Guintoli davanti e dietro Saiz, Cionni e Baz. L’inquadratura è sulla battaglia tra Conni e Baz, ma ad un certo punto succede l’Apocalisse:un pilota di cui di solito si ignora l’esistenza decide di farsi vedere celebrando la canonizzazione dei due papi con una bella fumata bianca, che sparge roba in pista, così per non farsi mancare niente. I piloti impazziscono, ognuno prende una strada diversa… bandiera rossa! Finisce quindi con Guintoli in prima posizione, seguito da Tom e Cionni.

pioggia-assen
La prima regata dell’America’s Cup

Gara2
Partenza rinviata perchè sta per arrivare il Diluvio Universale. Nell’attesa vengono intervistati un po’ di piloti a caso che ormai non sanno più cosa dire: parlano di quello che hanno mangiato ieri, di cosa faranno appena ritornano a casa, delle bollette da pagare… Poi c’è Melandri, che non ha voglia di correre e che continua a voler fare una petizione per bagnare la pista quando le condizioni sono ammerda come quelle di oggi. Per fortuna nessuno gli da retta ed aspettano la pioggia per partire. La partenza sembra sul mare, tant’è che il campionato viene rinominato America’s Cup. I primi tre, ed unici giri, si possono riassumere con: gente che sbaglia strada, Elias che è l’unico visibile sotto tutta quella pioggia, Guintoli che alza il braccio e bandiera rossa. (Debs: ma secondo te è stato Tommasino a provocare questo acquazzone? Mari: perchè? Debs: perchè da Gara1 a Gara2 si è tagliato la barba; sembrava anche un’altra persona… non si sa mai che diventa un nuovo rito scaramantico). Lo spettacolo puro è dato nelle ore che precedono l’eventuale ripresa della gara: Beltramo che viene ancora preso in giro da Meda per il cappellino che ha indosso e per le sue uscite sotto l’acqua per verificare se effettivamente piove acqua o cioccolato; Beltramo che prende in giro gli omini della pista che asciugano l’asfalto con le spugne mentre ancora piove, chiedendosi perchè siano spugne che non assorbano (della serie: il bue che da del cornuto all’asino); l’assicurazione di Paolone come meteorologo al posto di Giuliacci nel momento in cui lascerà la carriera di inviato dai box.
Finalmente, dopo una vita e mezza, la commissione da il via alla ripartenza di una gara di soli 10 giri: è il delirio. Tutti pronti, tutti carichi e tutti caldi, soprattutto il tizio della Kawasaki che, dopo la prima curva, tira sotto uno e la moto gli prende fuoco… altro che grigliata di Pasqua! I giri dopo sono pure cadute stilose, se ve le siete perse, peggio per voi!! Tra uno scivolone e l’altro arriva l’ultimo giro che ci ricorda che Ria, Rei, Rea… va beh, Gionni, è in testa a 20 leghe davanti a tutti, dietro di lui c’è Lowes ed in terza posizione, non sa nemmeno lui come ha fatto, Giugliano.

Tom “la barba” Saiz, voto: 7 in Gara1 aveva una barba da fare invidia ad un nano della saga de Lo Hobbit, tant’è che aveva un casco fatto apposta a contenere tutto quel pelo poi, in Gara2, cambia look e si rade via tutto. Da quello che ne sappiamo noi può essere dotato di doppia personalità oppure avere un fratello gemello: Tom con la barba e Sam senza barba. Che sia lui o suo fratello, ieri è andato un po’ più piano del solito, per rendere forse le cose più interessanti, ma la scelta non paga.

Sylvain “Se devo correre così datemi una barca” Guintoli, voto: 100 : in Gara1 c’era, ma non c’era: ha preso, è partito, si è fatto i cazzi suoi e ha fatto bene. In Gara2, ormai leader del gruppo, prende ed alza la manina per segnalare che così non si può correre. Si fosse fatto gli affarelli suoi, probabilmente sarebbe riuscito a vincere anche Gara2, o si sarebbe autoeliminato tamponando Luna Rossa. Alla fine non fa doppietta, ma si sa…la vita è una sola e sotto il diluvio meglio avere una barca…e la pista era Dangerosa…

Gionni “mai una volta che azzeccassero il mio nome” Rei, voto: 8 : si porta a casa due podi, con tanto di primo posto. Il bacio finale dopo Gara2 al figlio è tenererrimo! Conclude senza fare danni e finalmente torna alla vittoria, sperando che non sia un fuoco di paglia.

Davide “guarda come non cado quando tutti gli altri volano” Giugliano, voto: 5 : ancora sulla moto, mentre taglia il traguardo, bestemmia in turco contro la sua persona perchè credeva di avere ancora un giro utile per cadere. Per sua sfortuna la cosa non funziona e gli tocca salire sul podio. “Mannaggia a me e a quando non sono caduto dove avevo scelto di cadere!” Il voto è una media tra le due gare, e considerando che gara 1 non è classificabile… non basta il podio di gara 2 per la sufficienza

spugne-assen
I migliori della giornata

Gli omini con la scopa e quelli con spugna e catino…e il genio che si è messo a fotografarli: Voto 1000: Siete stati voi i veri protagonisti di oggi. Se vi è stato ordinato di farlo, ci chiediamo quale atroce crimine abbiate mai commesso, se è stata una vostra libera iniziativa…vabbè ci consoliamo di non essere le uniche al mondo senza un briciolo di cervello…

Paolo “Col. Giuliacci” Beltramo: Voto 10. Sul cappello ormai storico di Beltramo non diremo più niente…è il suo stile, e a Paolone vogliamo bene soprattutto per queste cose. Il servizio meteo è stato epico… d’ora in poi anche Giuliacci definirà le perturbazioni: “il carotone”, ne siamo certe!

Debs: finiteeeeee!!
Mari: finalmente possiamo riposarci un po’ in attesa della tappa italiana ad Imola.
Debs: grazie a Dio avremmo anche degli orari più terrestri! Che qui tra motoGP e Superbike, tra le altre cose, la nostra già poca vita sociale è andata a puttane
Mari: eh già, sono state due settimane di inferno! Come se il Poli non bastasse…
Debs: va beh va, vi diamo appuntamento alla prossima. Bye!!
Mari: Si alla prossima pagella…tra poco, nella sezione MotoGP
Debs: Oh già…a proposito…il silenzio della Ceci di oggi mi inquieta…

In collaborazione con: Deborah Iacopetta

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Pagelle

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati