MotoGP: Termas de Rio Hondo, Bridgestone pronta alla sfida Argentina

Niente pneumatici asimmetrici nonostante le 9 curve a destra contro le 5 a sinistra

MotoGP: Termas de Rio Hondo, Bridgestone pronta alla sfida ArgentinaMotoGP: Termas de Rio Hondo, Bridgestone pronta alla sfida Argentina

La prossima tappa del motomondiale 2014, in programma domenica prossima in Argentina, è una nuova sfida anche per la Bridgestone. Il nuovo tracciato di Termas de Río Hondo misura 4806 metri ed è caratterizzato da numerose curve veloci a lungo raggio, che sulla carta dovrebbero portare a velocità medie più alte di tutta la stagione. Queste, unite a brusche frenate e ai diversi raggi di curva, fanno si che questo tracciato risulti uno dei più severi per i pneumatici di tutto il calendario.

Il tracciato presenta nove curve a destra e solo cinque a sinistra, tuttavia quelle di sinistra tendono ad essere più dure rispetto a quelle a destra e in particolare alle curve 6 e 11 si generano alte temperature. Quindi alla fine i carichi complessivi immessi nei due lati si equivalgono e non è quindi necessario un pneumatico asimmetrico. In via eccezionale vengono portate tre mescole per l’anteriore, le morbide, le medie e le dure-

Mescole di pneumatici Bridgestone disponibili:
Anteriore: Soft, Medium & Hard;
Posteriore: Soft, Medium & Hard
Bridgestone da bagnate disponibili:
Soft (Main), duro (alternative)

“Sono felice di vedere il ritorno della MotoGP in Sud America dopo quasi un decennio, questo è infatti un paese appassionato di motociclismo – ha detto Hiroshi Yamada, Responsabile Bridgestone Motorsport – Questo è un mercato importante per la Bridgestone e mi fa piacere poter mostrare la nostra avanzata tecnologia ad un nuovo pubblico . Il gran numero di fans presenti nei test dello scorso anno a Termas de Río Hondo è una buona indicazione per capire quello che ci si può aspettare questo fine settimana e spero di vedere tanta gente che dia il bentornato al motomondiale. Dal punto di vista della gare c’è da dire che nessuno dei team ufficiali ha provato qui l’anno scorso, quindi sarà interessante vedere come i piloti saranno in grado di adattarsi alle esigenze di questo circuito molto veloce. Questo fine settimana sarà impegnativo per i nostri ingegneri, che avranno il compito di aiutare le squadre ad ottenere il meglio dalle gomme.”

“L’Autodromo di Termas de Rio Hondo è una pista nuova per la MotoGP e il nostro test effettuato l’anno scorso dimostra che è uno dei circuiti più difficili del calendario per i pneumatici – ha aggiunto Shinji Aoki, Manager Bridgestone Motorsport Tyre Development Division – Questo circuito ha una elevata velocità media con alcuni tratti di curva ad alto camber, ci sono poi curve come la sei ad ampio raggio e curve ad alta velocità che generano carichi molto elevati. Il circuito è interessante in quanto anche se presenta nove curve a destra rispetto alle cinque a sinistra, la spalla sinistra del pneumatico genera temperature superiori rispetto alla destra, questo a causa di curve più esigenti. Visto che abbiamo pochi dati a disposizione abbiamo deciso di avere una dotazione speciale per i pneumatici anteriori questo fine settimana, per garantire la massima sicurezza dei piloti. Sia l’anteriore che il posteriore devono fornire alti livelli di durata, stabilità e resistenza al surriscaldamento, così abbiamo portato pneumatici dalle mescole più dure.”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    maxjalo

    23 aprile 2014 at 08:30

    tanto sulle honda andranno benissimo di sicuro, sarei pronto a scommetterci …….

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati