MotoGP: Alvaro Bautista e Scott Redding in Argentina per dimenticare Austin

I due alfieri del Team Gresini pronti ad affrontare la terza gara della stagione

MotoGP: Alvaro Bautista e Scott Redding in Argentina per dimenticare AustinMotoGP: Alvaro Bautista e Scott Redding in Argentina per dimenticare Austin

Alvaro Bautista e Scott Redding arrivano in Argentina con lo stesso obiettivo, riscattare l’opaco weekend di Austin. Il due piloti del Team Gresini vogliono sfruttare il fattore “novità” del circuito di Termas de Rio Hondo, dove si correrà la terza tappa del motomondiale 2014. Bautista è uno dei piloti che nel 2013 hanno girato sul nuovo tracciato argentino, mentre Redding non l’ha mai visto.

“Durante i test effettuati lo scorso anno sul circuito di Termas de Rio Hondo, ho potuto subito apprezzare alcune parti del tracciato molto tecniche – ha detto Alvaro Bautista – la pista mi piace molto, presenta molte curve veloci che si adattano bene al mio stile di guida. Va comunque detto che lo scorso anno abbiamo potuto sfruttare soltanto un giorno di prove, perché nel secondo ha piovuto: non abbiamo perciò potuto lavorare molto sul set-up della moto. Ricordo anche una pista molto sporca, perché appena ultimata: credo comunque che sarà in buone condizioni per la gara di domenica. Per quanto ci riguarda, in questo Gran Premio la nostra priorità è portare a conclusione la gara, senza cercare il risultato a tutti i costi: dopo le prime due gare siamo infatti ancora a quota zero punti, questa volta invece vogliamo iniziare a raccoglierne.”

Ha poi parlato Scott Redding, alla sua terza gara in sella alla Honda RCV1000R Open.

“Il fatto che la pista di Termas de Rio Hondo sia sconosciuta a tutti – a parte i pochi piloti che hanno effettuato i test lo scorso anno credo che mi renderà le cose un po’ più facili, perché partiremo tutti dallo stesso livello. In più, mi piace andare alla scoperta di un nuovo circuito: è una sfida interessante, in grado di darmi ancora più motivazioni. Non vedo l’ora di iniziare le prime prove libere, per vedere come si comporta la moto su questo tracciato.”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati