MotoGP: Randy de Puniet soddisfatto dei miglioramenti della Suzuki

Terminati i test Suzuki ad Austin, prossimo stop in Argentina

MotoGP: Randy de Puniet soddisfatto dei miglioramenti della SuzukiMotoGP: Randy de Puniet soddisfatto dei miglioramenti della Suzuki

Il Team Suzuki MotoGP ha terminato i test al Circuito delle Americhe di Austin, Texas. I collaudatori Randy De Puniet e Nobuatsu Aoki hanno portato avanti lo sviluppo della nuova moto, lavorando soprattutto sull’elettronica. Il pilota francese ha completato in totale 62 giri con un miglior tempo di 2’05.85, crono di mezzo secondo più veloce di quello fatto segnare nella prima giornata.

“Sono contento, perchè abbiamo trovato un grande miglioramento per quanto riguarda il controllo del gas e il suo collegamento con il traction control. Abbiamo lavorato per trovare un buon compromesso con l’elettronica, e alla fine l’abbiamo trovato. Abbiamo anche continuato a lavorare sul telaio scelto (quello di Sepang) ed è andato molto bene oggi. Il pacchetto è decisamente migliorato e avrei voluto avere un altro giorno per poter continuare il lavoro. Ieri infatti abbiamo trascorso la maggior parte del tempo per adattare l’elettronica al nuovo circuito. In più non salivo in moto da un paio di settimane e avevo bisogno di recuperare il feeling. Comunque oggi con le gomme da gara abbiamo migliorato molto rispetto a ieri e abbiamo trovato un buon ritmo. Purtroppo non ho potuto provare un “time attack” perchè nell’ultima mezz’ora abbiamo avuto un problema, ma sento che avrei potuto migliorare ulteriormente la nostra performance. Ora andiamo in Argentina, un circuito completamente nuovo, ma sono contento di andare lì, quando farà ancora caldo.”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

3 commenti
  1. Avatar

    bcs

    17 aprile 2014 at 19:52

    Speriamo.
    L’importante è che la moto continui a migliorare uscita dopo uscita, giro dopo giro.

    Le novità portate si sono confermate “buone”, ovvero la moto migliora.

    Bene, forza Suzuki e lavorare!

  2. Avatar

    Stonami77

    18 aprile 2014 at 09:53

    Quali sono stati i tempi delle Open più veloci ad Austin nelle prove?

  3. Avatar

    bcs

    19 aprile 2014 at 17:11

    Stonami certi paragoni non si possono fare.

    I motivi sono molti.

    Pista nuova per Suzuki (quindi dati pari a zero, su tutti i parametri per l assetto della moto).

    Randy era un po’ che non saliva in sella.

    Il miglior tempo fatto da Randy è stato fatto sulla gomma da gara (non so che gomme avessero a disposizine, ma da questa dichiarazione presumo che avessero a disposizione le stesse gomme che danno a Ducati e a tutte le Open, visto che Suzuki entrerà in una configurazione pari a quella che Ducati a quest anno… Ovvero regolamento Open, ma con i vantaggi Facotry e relative limitazioni in base ai risultati).
    Mentre il miglior tempo delle Open (tra cui metto Ducati, visto che è la configurazione con cui correrà Suzuki) è stato fatto con le gomme più morbide (non ricordo di preciso se anche Ducati in qualifica ha fatto il tempo con la gomma più morbida, ma credo di si).

    Suzuki non aveva nessun riferimento di altri piloti in pista (tolti i suoi) ed anche questa cosa è motlo utile ai piloti per migliorarsi.

    Nella notte tra gara e i test che ha fatto Suzuki è venuto a piovere e sono scese le temperature.

    Detto questo non puoi fare un paragone tra tempi più veloci ottenuti nell arco di un week end, e tempi veloci ottenuti dopo due giorni da un pilota che non partecipa alle gare (il miglior allenamente sia per il pilota che per il feeling con la moto).

    Ducati aveva dalla sua tantissimi dati sul circuito, quindi già per questo è tagliata fuori.

    Si può fare un paragone con Espargarò.
    Ha cambiato moto, ed ha una M1 in configurazione Open.

    Prima Giornata
    Nelle FP1 Espargarò ha girato in 2:05:591 (Dovi in :06 279)

    Fp2 Espargarò in 2:04:844 (Dovi iin 04::495)

    Prima giornata di Randy 2:06:41 (in Fp1 equivale alla 7 posizione davanti a Cal ad appena un decimo dal Dovi. Nella Fp2 questo tempo vale il 14 tempo).

    Seconda giornata.
    Giro veloce di Randy in 2:05:85 (in Fp3 equivale al 16 tempo,con un tempo a 6 decimi circa da Espargaro… Doovi in Fp3 ha girato in 03:939…) In Fp4 il tempo è da 14 posizione (Espargaro in 05.211, Dovi in 4.657 e Iannone in 4.017).

    Qualifica ipotizzando che il vantaggio della gomma morbida valga all’incirca 8 decimi (facciamo 8 decimi e mezzo cosi facciamo un tempo pari).

    Abbiamo Randy in 2:05 netti (semplifico per comodità) gli vale la 14 posizione….

    Il problema è però che non si riesce più di tanto a fare dei raffronti con gli altri per il tempo da parte di Suzuki non è stato cercato…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati