Superbike: Soddisfazione a metà in casa Suzuki

Laverty coglie una storica vittoria ma rompe in Gara 2 ed è costretto al ritiro, male Lowes.

Superbike: Soddisfazione a metà in casa SuzukiSuperbike: Soddisfazione a metà in casa Suzuki

Bicchiere mezzo pieno in casa Suzuki dopo il primo round del campionato Mondiale sul Circuito di Phillip Island: da un lato c’è stata grande euforia per una vittoria che al costruttore giapponese mancava dal 2010,ma dall’altro c’è rammarico per il podio sfumato, è proprio il caso di dirlo, in Gara 2.
Eugene Laverty è stato autore autore di una prova maiuscola in entrambe le gare, cogliendo in Gara 1 una storica vittoria per il team e togliendosi anche qualche sassolino dalla scarpa.
In Gara 2 è incappato in una rottura che lo ha costretto a ritirarsi quando era al secondo posto, impedendogli così di lasciare l’Australia al primo posto nella classifica piloti.

Diverso il discorso per Alex Lowes: al debutto ufficiale in gara nel Campionato Mondiale Superbike ha pagato l’inesperienza e l’infortunio alla caviglia patito ieri, che gli ha fatto perdere un po’ di sicurezza.
Dopo l’highside in Gara 1 è infatti andato lungo alla curva 4 mentre stava inseguendo i primi, finendo così tredicesimo dietro a ben tre EVO.
Lowes in questa settimana, includendo anche la due giorni di test, ha impressionato sia per il passo che per la velocità in pista, ma anche per una buona dose di irruenza, se consideriamo che è scivolato in quasi tutte le sessioni.
Siamo comunque solo all’inizio della stagione e il tempo per migliorare c’è tutto.

Il Team Voltcom Crescent Suzuki userà la pausa di un mese per analizzare i dati raccolti questo fine settimana prima di preparare per la prima tappa europea del Campionato con un test privato a Jerez il 31 marzo.

Di seguito le dichiarazioni dei piloti:

“Una giornata di alti e bassi! La prima gara è stata incredibile, essere partito così indietro al primo giro e riuscire a vincere!”- ha detto Eugene Laverty, che con la vittoria in Gara 1 si piazza al quinto posto della classifica piloti- “E’stata la gara perfetta per noi e un bel modo di ripagare tutta la squadra per la fiducia che hanno dimostrato in me. Paul Denning ha lavorato duro e mi ha consegnato tutto quello di cui avevo bisogno. Ha portato nella mia Crew Chief Phil Marron, Davide Gentile per lavorare sull’elettronica e Stan, con cui ho lavorato prima. Tutto il resto dei ragazzi mi hanno accolto bene, quindi è stato bello essere in grado di ricompensarli subito con una vittoria, ed è una vittoria che significa per me più di qualsiasi altra nella mia carriera Superbike. La seconda gara è stata una delusione per tutti. Queste sono le corse e, purtroppo, è così che va qualche volta “.

“Sono frustrato oggi”-ha dichiarato Alex Lowes-“Nella prima gara l’incidente, poi la rimonta della seconda e il crollo: in Gara 2 non ne avevo più, perché stavo cambiando marcia con il piede infortunato. Ho dovuto fare una infiltrazione alla caviglia e ho perso un po’ di sensibilità e non riuscivo a cambiare marcia con facilità, è stata dura! Stavo guidando cercando di superare il dolore,ma ottenere solo tre punti mi ha deluso, perché il ritmo era buono. Non ho mai corso qui prima e stavamo lavorando per correre per il podio quindi sono molto deluso, ma ho intenzione di tornare in forma e più forte e dovremmo essere ok per Aragon”.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Primo Piano

Superbike: Le prime libere di Sepang dicono Marco Melandri

Dietro di lui ottima prova di Toni Elias, che fa segnare il secondo miglior tempo davanti all'altra Aprilia di Sylvain Guintoli. Chiudono la top five dei primi tempi cronometrati Tom Sykes e Davide Giugliano.
Condividi su WhatsAppSi sono concluse da poco le prime prove libere sul circuito di Sepang, valide per l’accesso alla Superpole