Superbike: Buona prova per Glenn Allerton

L'australiano dimostra di trovarsi a suo agio in sella alla BMW S 1000 RR sulla pista di casa

Superbike: Buona prova per Glenn AllertonSuperbike: Buona prova per Glenn Allerton

Oggi è stata la prima giornata di qualifiche valide per il primo round del neonato Campionato Mondiale Superbike EVO.

Il BMW Motorrad Italia Superbike Team è sceso in pista con l’australiano, due volte campione Superbike del suo Paese, Glenn Allerton, chiamato a sostituire Sylvain Barrier, infortunatosi durante il primo giorno di test di lunedì.

Il primo turno di qualifiche è stato per tutti i team problematico per la pista bagnata e il freddo: il pilota BMW ha ha potuto comunque percorrere alcuni giri utili per prendere confidenza con la sua moto.
Quattro giri in totale durante i quali è riuscito a stampare il terzo miglior crono della mattinata, 1’38”924, anche se su tempi molto alti.
Nella seconda sessione la pista era sì asciutta, ma un po’ sporca, in aggiunta a un forte vento infastidiva i piloti: Allerton ha percorso 18 giri, il migliore dei quali in 1’33”118, quarto tra le EVO e quindicesimo in griglia.
Un crono di tutto rispetto se si considera che era alla sua prima vera uscita con la BMW S 1000 RR in versione Evo.

Di seguito le dichiarazioni del pilota:

“Questa mattina ho percorso solo pochi giri cercando di adattarmi alla mia nuova moto”- queste le parole di Glenn Allerton– “Nel secondo turno di oggi pomeriggio mi sono divertito molto a guidare la S 1000 RR Evo su questo tracciato, assieme ai piloti del mondiale Superbike, cercando di migliorare costantemente il mio limite. La moto è diversa da quella che io uso abitualmente e quindi devo ancora imparare molto. Non vedo l’ora che arrivi domani per poter scendere in pista per il terzo turno di qualifiche. Oggi mi sono limitato a prendere confidenza con la moto, ma domani proverò ad incrementare il mio ritmo e a cercare di migliorare il tempo sul giro”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati