Superbike: Acuto di Giugliano nel Test Day 1

L'italiano porta la Ducati al secondo posto dietro Laverty, più indietro Melandri.

Superbike: Acuto di Giugliano nel Test Day 1Superbike: Acuto di Giugliano nel Test Day 1

Se si guarda ai rilievi cronometrici, non si può fare a meno di notare come il primo giorno di test a Phillip Island abbia indubbiamente regalato molte sorprese: Suzuki e Ducati che fino a pochi mesi fa sembravano ancora alle prese con i soliti vecchi problemi, ora svettano davanti a tutti.

Dietro alla sorpresa Laverty, anche se visti gli ultimi test a Portimao tanto sorpresa non è, troviamo Davide Giugliano a poco più di due decimi : il pilota Ducati, una volta sceso dalla sua Panigale, ha confermato che, nonostante il vero e proprio lavoro sul ritmo non sia ancora cominciato, l’inizio è ben oltre le aspettative di tutti: “Ero convinto che la Ducati avesse un ottimo potenziale ma non immaginavo di poter essere subito così veloce. Abbiamo lavorato bene, io e la squadra, e stiamo mettendo le basi per un ottimo week end. Avanti così!”.
Più staccato il compagno di squadra Chaz Davies, che chiude la top ten di oggi a quasi un secondo dal leader.

Suzuki e Ducati ribaltano quindi i pronostici della vigilia e costringono i favoriti a rincorrere.
La Kawasaki, con Tom Sykes al terzo e Baz al quarto posto, a più di due decimi da Laverty, possono dirsi tutto sommato soddisfatti del primo giorno di test, in attesa della giornata di domani e in attesa soprattutto del venerdì di gara.

Il cronometro invece oggi non ha sorriso molto a Marco Melandri: solo un sesto posto per il ravennate dell’Aprilia che ha comunque ribadito la tranquillità della squadra in vista del test Day 2.
Il tempo fatto registrare oggi è a suo dire dovuto ai “3-4 decimi persi nella curva sei (la curva Siberia). La RSV4 si muove ancora un po’ troppo, la messa a punto è da affinare ma abbiamo tutto il tempo”.
Nei pronostici Melandri dovrebbe essere il principale rivale di Sykes nella difesa del titolo mondiale, staremo a vedere se i due piloti sapranno ribaltare, già nel Day 2, il crono di oggi.

Le sessioni di oggi sono state interrotte due volte per le cadute di Michel Fabrizio e Sylvain Barrier, purtroppo non prive di conseguenze per i due piloti.
Il primo è volato alla curva Siberia ed è stato ricoverato a Dandenong per controlli radiografici al bacino e contusione al collo, mentre per Barrier, anche lui ricoverato, si sospetta frattura all’anca destra.
Facciamo loro un grosso in bocca al lupo nella speranza di rivederli in pista venerdì!

Per gli appassionati l’appuntamento invece è tra poche ore con la seconda e ultima sessione di prove ufficiali.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati