Superbike: Monza ritorna già nel 2015?

La società proprietaria dell'Autodromo sta lavorando al progetto insieme a FIM e Dorna

Superbike: Monza ritorna già nel 2015?Superbike: Monza ritorna già nel 2015?

Settimana scorsa si è tenuto un incontro tra la SIAS (Società Incremento Automobilismo e Sport), attuale proprietaria dell’Autodromo Nazionale Monza, e alcuni rappresentanti di FIM e Dorna.

Il colloquio ha fatto seguito alla volontà espressa dalla Federmoto di riavere Monza in calendario già a partire dal 2015, dopo che quest’anno si è deciso di escluderla dal campionato SBK a favore di Misano.

Igor Eskinja e Frank Vayssié, i FIM WSBK Safety Officiers&Inspectors, insieme a Gregorio Lavilla, Sporting Director Dorna WSBK, hanno effettuato un lungo e approfondito sopralluogo della pista per valutare gli interventi necessari a garantire la sicurezza dei piloti e dei commissari durante le gare.
In particolare si sarebbero già evidenziati alcuni punti in cui le vie di fuga dovrebbero necessariamente essere allargate: le derivate di serie sono sempre più veloci e questo comporta valutazioni diverse rispetto al passato.

Ricordiamo infatti le polemiche scoppiate a seguito della gara dello scorso anno, e della successiva cancellazione dell’appuntamento nel 2014, riguardanti la scarsa sicurezza della pista.

Da parte sua la SIAS, consapevole dell’importanza in termini di immagine sorattutto, di riavere il Mondiale SBK, ha dato la sua disponibilità a valutare concretamente tutti i necessari interventi.
La Società, però, si trova nella scomoda posizione di dover ascoltare anche il parere della FIA in merito, per venire incontro alle esigenze dell’appuntamento con la F1, in calendario dal lontano 1922, il cui contratto con l’Autodromo scadrà nel 2016.

Si attendono quindi ulteriori news.

Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    testoner

    28 Gennaio 2014 at 13:42

    siamo la nazione che facciamo pagare di piu’ i biglietti…. e facciamo figure del ka-zzo perche’ le nostre piste nn sono sicure. e pensare che l’80% della sicurezza a bordo pista e’ composta da gente che fa volontariato e nn percepisce un euro. vergogna!!!!!!!!!!!!!!!! ma dove finiscono tutti i ricavi?????????????????

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati