MotoGP: Marc Marquez insieme ad altri sportivi spagnoli promuove lo sport per disabili

Il campione del mondo 2013 protagonista insieme a Isidre Esteve, Alex Crivillé, Toni Bou, Takahisa Fujinami e Carlos Checa

MotoGP: Marc Marquez insieme ad altri sportivi spagnoli promuove lo sport per disabiliMotoGP: Marc Marquez insieme ad altri sportivi spagnoli promuove lo sport per disabili

Marc Marquez è stato protagonista di un evento per la promozione dello sport per disabili. Insieme al campione del mondo 2013 della MotoGP c’erano altri rider come Isidre Esteve (pilota spagnolo rimasto paralizzato in seguito ad un grave incidente occorsogli nel 2007), Alex Criville, Toni Bou, Takahisa Fujinami e Carlos Checa.

Gli atleti hanno completato un particolare tipo di allenamento Centro di High Performance (CAR) di Sant Cugat del Vallès (Barcellona). Marquez e i suoi colleghi hanno condiviso esercizi insieme ai “beneficiari” del progetto “Centro Puente 2014“, promosso dalla fondazione Isidre Esteve, dove le persone con disabilità sono aiutate per adattare la formazione alle loro limitazioni fisica e facilitare la loro piena integrazione nello sport. Il messaggio inviato è stato molto chiaro, lo sport non va abbandonato.

“Sono molto felice di essere qui. Questa è la mia seconda esperienza con la Fondazione Isidre Esteve ed è stato molto positivo e divertente potersi allenare con loro – ha detto Marc Marquez , Campione del Mondo MotoGP 2013 – Amo poter aiutare con questo tipo di iniziativa , è sempre importante dare motivazione in più per queste persone.”

“Questo progetto è nato dalla mia esperienza personale: Quando ho avuto il mio incidente nel 2007, ho visto che quando la riabilitazione era finita, molti dei miei colleghi aveva timori circa l’attività da svolgere giornalmente in una vita normale – ha sincerato Isidre Esteve , Presidente della Isidre Esteve Foundation – Dobbiamo fornire gli strumenti per le persone con disabilità al fine di garantire che l’attività fisica li motivi e dargli modo di vedere che c’è un futuro che seppur diverso dovrebbe essere affrontato con ottimismo.”

“Nella Repsol e nella fondazione crediamo nella piena integrazione delle persone con mobilità ridotta – ha infine aggiunto Javier Inclan , Sociale e Istituzionale Direttore di Repsol Foundation – Attraverso progetti come questo aiutiamo i disabili nella creazione di posti di lavoro per i disabili e lo sport è uno strumento sociale di integrazione.”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati