MotoGP: La “nuova” patente a punti un freno per Marc Marquez?

Il Campione del mondo della Honda è quello che ha rischiato di più nel 2013

MotoGP: La “nuova” patente a punti un freno per Marc Marquez?MotoGP: La “nuova” patente a punti un freno per Marc Marquez?

E’ di ieri la notizia in cui si precisa che le nuove penalità per la cosi detta “patente a punti” non si estingueranno a fine campionato, ma dureranno 365 giorni effettivi.

Rimangono invece invariati i punti di penalizzazione. Con quattro punti di penalità il pilota sarebbe costretto a partire dal fondo dello schieramento, con dieci punti dalla pitlane, mentre raggiunti i dieci punti salterebbe una gara.

Quest’anno a rischiare di più è stato Marc Marquez, che è stato graziato dopo i fatti di Aragon (un solo punto di penalità), mentre in precedenza era stato penalizzato di due punti per la caduta di Silverstone, quando nel Warm Up mise a repentaglio la vita dei commissari ignorando le bandiere gialle. Che questa nuova regola sia un freno per il pilota della Honda? Noi crediamo di no, ma solo il suo comportamento in pista potrà svelarlo.

Foto: Alex Farinelli

MotoGP: La “nuova” patente a punti un freno per Marc Marquez?
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

5 commenti
  1. H954RR

    17 dicembre 2013 at 17:02

    “La “nuova” patente a punti un freno per Marc Marquez ?”
    Più che un freno per Marc è una gran c@g@t@ per tutti !

  2. nandop6

    17 dicembre 2013 at 17:35

    Speriamo che non demotivino Marquez, l’unico che rende le gare interessanti e spettacolari.

    • fatman

      17 dicembre 2013 at 19:13

      …ma non e’ vero, l’anno prox il geriatra non sara’ piu’ una wild card e le vincera’ tutte per distacco!

      • testoner

        18 dicembre 2013 at 10:59

        diciamo che dovrebbero fare un regolamento chiaro e che va rispettato da tutti…. nn che penalizziamo solo chi fa comodo

  3. Pat

    19 dicembre 2013 at 21:10

    Smettiamola con queste minchiate!
    Volete fermare Marc…ahahahah!
    allora dateci gassssssss!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati