MotoGP: Marc Marquez “Stagione esaltante, ma ho vissuto anche momenti difficili”

Lo spagnolo ha poi aggiunto "Nella seconda parte della stagione sono stato più intelligente"

MotoGP: Marc Marquez “Stagione esaltante, ma ho vissuto anche momenti difficili”MotoGP: Marc Marquez “Stagione esaltante, ma ho vissuto anche momenti difficili”

Marc Marquez è senza dubbio il pilota del 2013. Il rookie della Honda ha infatti centrato il titolo della classe MotoGP al suo primo tentativo, battendo diversi record, tra cui quelli appartenenti a Freddie Spencer (gli ha tolto il record di più giovane vincitore di un titolo nella Top Class) e Kenny Roberts (gli ha tolto il record di più giovane vincitore all’esordio). Si è inoltre aggiudicato il BMW Award ed è stato “incoronato” ai Fim Gala come il “Campione dei Campioni”. Ecco cosa ha detto al termine di questa esaltante stagione così come riportato da SpeedWeek.com.

“Uno dei momenti peggiori di questa stagione l’ho vissuto al Mugello. Anche a Barcellona ho avuto problemi, anche se alla fine sono salito sul podio. Dopo queste due gare,  ho pensato: <Wow, la classe MotoGP è ancora più difficile di quanto pensassi> Fino ad allora avevo tenuto il passo di Jorge (Lorenzo, ndr) e Dani (Pedrosa, ndr), ma al Mugello e Barcellona, ​​ho avuto davvero tanti problemi. Successivamente le cose sono andate bene.”

Quando hai capito l’importanza di ciò che avevi fatto?

“La vittoria del titolo mondiale è un momento da “assaporare”, perché non sai mai se potrai viverla ancora. Certo, mi auguro vivamente di provare ancora questa sensazione, ma ora voglio godermi prima di tutto questo titolo.”

Quest’anno hai battuto molti record, tra cui quelli appartenenti a Freddie Spencer e Kenny Roberts.

“Ho parlato spesso con loro in questa stagione ed è bello farlo con due leggende viventi. Entrambi hanno detto che sono un ottimo pilota. E’ stata una grande motivazione sentirselo dire da due leggende come Spencer e Roberts.”

Come hai vissuto questa stagione da rookie?

“La stagione è stata molto interessante, perché molte volte sono andato vicino a cadere, o addirittura sono caduto. Ho imparato molto e nella seconda parte della stagione sono stato molto più “intelligente”. Le chiavi del successo sono state la Honda, la mia squadra, il mio manager Emilio (Alzamora, ndr) e la mia famiglia. Mio fratello Alex mi ha aiutato molto, perché è con me nel paddock (corre nella classe Moto3) e ci alleniamo molto insieme. In questo modo, mi sono divertito a lavorare in pista ancora di più.”

Oltre al titolo hai vinto anche il BMW Award come miglior pilota in qualifica

“Siamo molto entusiasti della nostra prima stagione nella classe MotoGP. E’ un sogno che si avvera. La sorpresa più grande di questa stagione è stato naturalmente il titolo, ma aver vinto il BMW Award come miglior pilota in qualifica è stato bello.”

Solo nelle vittorie Lorenzo ti è stato superiore

“Jorge ha vinto due gare più di me, ma non è la cosa più importante, alla fine abbiamo portato a casa il titolo.”

Foto: Alessandro Giberti

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati