MotoGP Phillip Island: Bridgestone parla dopo la decisione del Flag To Flag

Il fornitore unico di pneumatici non si aspettava temperature così elevate

MotoGP Phillip Island: Bridgestone parla dopo la decisione del Flag To FlagMotoGP Phillip Island: Bridgestone parla dopo la decisione del Flag To Flag

Shinji Aoki, Responsabile Bridgestone Motorsport Tyre Development Department, ha parlato dopo la seconda giornata di prove della MotoGP a Phillip Island, che ha visto gli pneumatici del fornitore unico andare in crisi. Alla fine per una questione di sicurezza la direzione gara ha deciso che ci sarà una gara flag-to-flag. In pratica i piloti dovranno fermarsi a metà gara per cambiare moto, per far si che il pneumatico posteriore non si riscaldi troppo. A lui la parola.

“Il nuovo asfalto di Phillip Island ha fatto si che venisse battuto il record della pista, ma non pensavamo si potesse abbassare con tanto margine; è stato un risultato molto gradevole. Abbiamo visto dopo FP3 che le temperature degli pneumatici erano estremamente elevate, quindi abbiamo offerto una specifica extra- dura al posteriore da valutare nelle FP4. Tuttavia, questa opzione non ha funzionato bene, quindi in gara daremo ai piloti la gomma hard. Entrambi i nostri pneumatici slick anteriori extra soffici e morbidi sono stati utilizzati e il feedback dei piloti è stato che entrambi lavorano bene. Sapevamo che le temperature quest’anno sarebbero state più alte a Phillip Island, ma non a livelli estremi. Dopo aver analizzato i pneumatici usati dopo le sessioni di oggi abbiamo deciso che la distanza massima di sicurezza che i nostri pneumatici slick posteriori possono fare sia di quattordici giri. Dopo un briefing tra Bridgestone, Dorna e FIM su come gestire al meglio la sicurezza dei piloti, la direzione gara ha deciso che ci sarà una gara flag-to-flag.”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

4 commenti
  1. Avatar

    Bubu

    19 ottobre 2013 at 13:28

    I costruttori di moto spendono bancate di soldi per far andare sempre di più le loro creazioni e questi “impediti” della Bridgestone non riescono a fare un pneumatico che duri un centinaio di Km. Bravi, proprio bravi……..

  2. Avatar

    bcs

    19 ottobre 2013 at 16:33

    Quello che penso è in linea con la fato di Colin!

  3. Avatar

    Ronnie

    19 ottobre 2013 at 16:44

    bhe non è detto, se entrano a metà gara va bene un po’ per tutti, hanno comunque giri extra a diposizione, il casino sarà il traffico ai Box di piloti che entrano ed escono, specie quando si tratta di compagni di squadra che sono vicinissimi e devono avere spazio per 2 + 2 moto.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

MotoGP

MotoGP: FP2 di Silverstone con il “lecca lecca”

Al termine delle Free Practice 2 verrà fatto un test che sarà poi valutato in Safety Commission
Condividi su WhatsApp MotoGP Silverstone – L’attuale procedura del flag-to-flag non convince tutti i piloti della MotoGP e nella sua