Moto2 Phillip Island, Prove Libere 1: Continua il dominio di Rabat, De Angelis quinto

Lo spagnolo ha chiuso le FP1 di Phillip Island davanti a Redding ed Espargarò

Moto2 Phillip Island, Prove Libere 1: Continua il dominio di Rabat, De Angelis quintoMoto2 Phillip Island, Prove Libere 1: Continua il dominio di Rabat, De Angelis quinto

Esteve Rabat ha iniziato nel migliore dei modi il Tissot Australian Grand Prix a Phillip Island, terz’ultima tappa del motomondiale 2013. Il pilota del Team Pons (dominatore del week-end di Sepang) ha ottenuto infatti il miglior tempo con il crono di 1:33.157, crono che gli ha permesso di battere di 171 millesimi il leader del mondiale Scott Redding, in sella alla Kalex del Marc VDS Racing Team.

Terzo tempo per “Polyccio” Espargarò, che ha avuto qualche problemino sul finale della sessione. Prima ha incontrato traffico, poi ha forse finita la benzina nel giro finale. E’ seguito dal connazionale del Team Aspar Jordi Torres e dal sammarinese Alex de Angelis, in sella alla Speed Up del Team NGM Mobile.

Ottimo sesto tempo per Sandro Cortese. L’iridato 2012 della Moto3 si “affaccia” finalmente nelle posizioni di vertice della classe Moto2 in una stagione che lo ha visto faticare più del previsto. L’italo-tedesco è davanti allo svizzero Thomas Luthi, al finlandese Mika Kallio, allo spagnolo Nico Terol e al nostro Mattia Pasini, che chiude la Top Ten con la seconda Speed Up del Team NGM Mobile.

Più indietro Simone Corsi, solamente quindicesimo e preceduto anche dal francese del Came Iodaracing Team Johann Zarco, dal tedesco Marcel Schrotter, dal giapponese Takaaki Nakagami e dal pilota di cas Anthony West. Doppia caduta per i piloti del Team Maptag SAG, parliamo di Xavier Simeon e Marcel Schrotter.

moto2 Prove Libere 1 Motegi - GP Giappone - I tempi


Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap

Risultati non ancora disponibili.


Motegi - GP Giappone - Risultati Prove Libere 1

Clicca qui per entrare nella sezione Risultati e vedere tutte le statistiche

Leggi altri articoli in Moto2

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati