SBK: Pirelli a Magny-Cours con soluzioni posteriori in mescola SC0 e SC1

Debutto per gli pneumatici da 17 pollici

SBK: Pirelli a Magny-Cours con soluzioni posteriori in mescola SC0 e SC1SBK: Pirelli a Magny-Cours con soluzioni posteriori in mescola SC0 e SC1

Dopo il trionfo di Tom Sykes su Kawasaki in Gara 1 e Eugene Laverty su Aprilia in Gara 2 a Laguna Seca, il campionato delle derivate di serie torna in Europa e per la precisione in Francia, a Magny-Cours.

Costruito nel 1960 da Jean Bernigaud, il circuito fu poi acquistato dal consiglio dipartimentale della Nièvre e portato ad alti  livelli per ospitare corse nazionali e internazionali, oltre al Bol D’Or. Elemento distintivo la presenza di alcune curve che riproducono l’andamento di quelle presenti in altri tracciati prendendone il nome, come la veloce Estoril o il tornantino Adelaide.

Dal punto di vista degli pneumatici:

Lunga 4411 metri la pista è composta da nove curve a sinistra, undici a destra e un rettilineo d’arrivo che misura 250 metri. La pendenza massima in salita è del 2,38%, mentre in discesa del 2,68% con un raggio di curvatura minimo di 5 metri e massimo di 474,45 metri. Il pilota in pole position parte dal lato destro. Aldilà di questi aspetti tecnici, la superficie dell’asfalto è estremamente liscia e regolare, dunque non particolarmente impegnativa per le gomme. Lo scorso anno, già dai turni del venerdì le condizioni di usura erano ottimali. L’unica criticità è legata alle frenate con dislivello che possono mettere in crisi le anteriori con mescola morbida, mentre per le posteriori a intervenire è la variabile meteo. In condizioni stabili l’SC0 sarebbe la scelta consigliabile, con temperature basse oppure con un asfalto umido è bene ricorrere a soluzioni medie, per ottenere un buon bilancio tra grip e resistenza a lacerazione.

Le soluzioni Pirelli per le classi Superbike e Supersport:

I piloti della classe regina potranno contare su tre soluzioni slick per l’anteriore e altrettante per il posteriore. Due posteriori da qualifica, tre medie per l’anteriore e pari numero per il posteriore; otto per la pioggia.

All’anteriore alla SC1, in mescola morbida ideale per temperature esterne basse e/o circuiti mediamente severi, e alla SC2, ottimale per temperature esterne elevate perché garantisce solidità alla fascia battistrada, entrambe di gamma e portate a tutti round corsi quest’anno, si affiancherà una soluzione di sviluppo, la S283, in mescola SC1 e che ha debuttato al Nürburgring, rispetto alla SC1 di gamma dovrebbe offrire maggiore robustezza.

Al posteriore SC0 e SC1 di gamma, a cui si aggiunge una SC1 di sviluppo, la R1431, portata per la prima volta ad Imola ed usata dai piloti nei round di Mosca e Silverstone e portata a Nürburgring, dovrebbe offrire più resistenza alla lacerazione ma pari grip rispetto alla SC1 di gamma. La SC0 è l’opzione sicuramente preferita dai piloti quando le temperature sono sufficientemente elevate per poterla utilizzare, è infatti ideale per affrontare asfalti lisci e temperature elevate e offre massima improntabilità su asfalti lisci e massimo sviluppo di trazione alle alte temperature oltre alla più elevata stabilità al decadimento termico delle prestazioni.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Superbike

Superbike | Round Aragon: Pirelli porta altre novità

Il fornitore unico ha valutato che le caratteristiche della pista comportano un’ampia selezione di pneumatici tra cui scegliere
Condividi su WhatsAppIl Campionato del Mondo MOTUL FIM Superbike torna in pista per il Round Prosecco DOC di Aragon con
Superbike

Superbike | Round di Spagna: le novità di Pirelli

La classe regina delle derivate di serie torna in azione con importanti aggiornamenti lato pneumatici
Condividi su WhatsAppIn vista della ripresa del Campionato Mondiale MOTUL FIM Superbike questo fine settimana sul Circuito de Jerez –
Primo Piano

Superbike | Round Assen: anteprima Pirelli

Vediamo come il fornitore unico di pneumatici si appresta ad affrontare la sfida al TT Circuit Assen
Condividi su WhatsAppDopo il MotorLand di Aragón , il Campionato Mondiale delle derivate di seri si sposta subito si sposta