MotoGP Misano: Le pagelle semiserie… i soliti ignoti…

...noti a tutti

MotoGP Misano: Le pagelle semiserie… i soliti ignoti…MotoGP Misano: Le pagelle semiserie… i soliti ignoti…

Mari: chi sono? … dove sono?… perchè sono qui?…
Debs: Mari?
Mari: eh? Ce l’hai con me?…
Debs: sì ok, se non l’avete capito la ragazza è fusa. Viene da due settimane di clausura causa studio e non sa nemmeno più come si chiama. Se questa pagina verrà fuori piena di equazioni è perchè ormai non sappiamo scrivere altro grazie a questa bella sessione d’esami.
Anche per questo scusateci, ma le pagelle SBK saltano. L’ubiquità imposta da Dorna è già impossibile, ma la tribuquità
Mari: si può dire?
Debs: non lo so ma faceva figo dirlo. Dicevo la tribuquità che ci impone di passare la domenica sui libri è al di fuori di ogni possibilità. Perciò non dite che non vi abbiamo avvisato!
Mari: pagelliamo!

Per prima cosa vogliamo dire una cosa a Luca Marini, sì proprio il fratellino di Vale Rossi, la cui gara è purtroppo durata mezza curva.
Luca, non è colpa tua.
Purtroppo Mediaset ti ha preso di mira… e allo squadrone di uccellacci del malaugurio di giornalisti non si può sfuggire: se ti addocchiano, non c’è miracolo che tenga, la gara può finire solo in un modo!
Ora passiamo alla MotoGP.

Pronti, partenza, via! Lorenzo parte appena si spengono i semafori: a tutti gli altri è stato detto di stare fermi nelle loro posizioni; appena Lorenzo finisce il primo giro, tutto il resto del gruppo può partire. Peccato per Espargarò: non ha capito che lo scopo del gioco era dare un giro di vantaggio al maiorchino. Evidentemente Aleix ed i commissari di pista parlano una lingua diversa e, per colpa di questa incomprensione, gli tocca passare dai box. Disperato, decide che una volta finita la gara si iscriverà ad un corso per imparare la lingua dei commissari di pista (si sa che questi strani omini vestiti di arancione provengono da un altro pianeta e parlano una lingua tutta loro)

Non lo sappiamo, e non lo sa nemmeno il buon Pedrosa, che non è più il re delle partenze a fionda, è secondo pure lì ora, e rosica non poco!

lorenzosalto
Scusate…devo andare…l’Enterprise mi chiama!

Quindi alla prima curva già sappiamo chi vincerà, soprattutto perchè Marquez ha voluto fare l’alternativo come Espargarò e fare le partenze intelligenti per evitare il traffico dell’esodo di inizio gara, solo che anziché partire una vita prima come il collega, ha deciso di partire dopo, solo che ha trovato il traffico degli umani ed è imbottigliato nel traffico delle moto clienti.
Pedrosa è già lì secondo, bello felice,rosicante per le partenze di Lorenzo, e contento, povero illuso! Attorno a lui si crea uno strano alone magico che impedisce a tutti di rubargli la seconda piazza e proprio per questo motivo Marquez viene balzato indietro dall’incantesimo e perde una posizione nei confronti di Rossi, che è momentaneamente terzo. Un altro povero illuso che nel dopo gara andrà a cospirare con Pedrosa per abbattere i compagni di squadra.

Nel frattempo Marquez arriva e si piazza secondo, dopo aver preso, sollevato e spostato di peso prima Rossi e poi Dani, che però gli si è attaccato al sedere come la cacca dei piccioni sui vetri dell’auto (Debs: preferivo le metafore da nerd, sappiatelo Mari: uff e io che volevo cambiare).
I due viaggiano in coppia, il tutto con Lorenzo che viaggia a curvatura 100 ed è ormai arrivato in albergo ad Aragon ed ha già disfatto le valigie. E infatti Marquez, che ogni tanto il cervello lo accende, capisce che non si può inseguire l’Enterprise con un Millennium Falcon qualsiasi, e si accontenta di fare a cazzotti con Dani, per la gioia di Suppo che non vedeva l’ora che i propri piloti iniziassero una guerra per autoeliminazione.
Le scaramucce tra i due si susseguono, con i due che non se le mandano certo a dire e si spostano a vicenda per farsi strada.
Il tutto fino a quando Pedrosa non cede di schianto a pochi giri dalla fine.

La gara termina così, con posizioni fotocopia a Silverstone, ma un quarto delle emozioni, tanto che nemmeno il riquadrino ha saputo rimediare alla situazione.
Ah giusto, Rossi e gli altri sono arrivati. Espargarò, invece, dopo essere partito in anticipo, è dovuto ripassare da casa per controllare se nella fretta non si era dimenticato di chiudere il gas, e di conseguenza ha trovato tutto il traffico del mondo, riuscendo quasi ad arrivare anche prima delle Ducati. Ma dietro? Qualcuno dice che c’erano altri piloti in pista e che nell’ultima curva Crutchlow sia stato beffato in una maniera impressionante da Bradl per il quinto posto.

gente
Foto a caso di gente a caso per farvi vedere che in pista erano più di tre…

Jorge “imprendibile” Lorenzo: voto 99. Dopo la gara tutta d’orgoglio di Silverstone, oggi non c’è stata storia. Sarà stato il cambio seamless o la RedBull corretta vodka passatagli da Crutchlow, ma oggi è partito a cannone e ha ribadito, che l’uomo da battere resta lui. Lorenzo ha fatto una partenza illegale. No non ha fatto jump start. Ma partire così è proibito da ogni legge fisica. Come caspita è possibile dare mezzo secondo in tre curve partendo da fermo?

Marc “m&m’s” Marquez. Voto: 9. Il soprannome affibbiatogli da Mediaset non merita commenti, se non il fatto che io quando sento m&m non penso a Marquez ma a del cibo, e ciò non è bello mentre stai cercando di controllare la fame nervosa da studio della meccanica del volo…evocazioni a parte, Marquez oggi ha menato botte a destra e a manca. Tremate o voi che vi trovate sulla strada di Marc, potrebbe spianarvi ancora prima che ve ne accorgiate!

Dani “ridatemi il mio grip!” Pedrosa. Voto 7. Anche questa volta sul finale gli viene a mancare il grip. Iniziamo a sospettare che Marquez per fargli gli scherzoni gli sostituisca la gomma con del chewingum masticato e rimodellato (Debs: continuavo a preferire quando facevi la nerd). Ad ogni modo, gira voce che il catalano sarà ospite di chi l’ha visto alla ricerca del Grip Perduto.

Valentino “46 senza 6” Rossi. Voto: 7. Ancora una volta primo degli umani. Il cambio seamless sembra aver fatto miracoli, ma, per citare un altro Rossi a caso, è dura tenere il passo di quei tre, senza l’aiuto di Potenze Superiori!

Aleix “ci do del gran gas” Espargarò: voto: 8. Si qualifica sesto, dando paga a MotoGP e CRT, fa una cazzata in partenza, passa ai box, riparte e arriva 13°. Gran weekend.

hrc
Prendiamo tanto per il culo le Ducati…ma anche questi qui ormai fan coppia fissa!

Haydenzioso e la Ducati: voto 6. Entrano nella top ten, sempre insieme, sempre uniti, sempre estremamente in ritardo rispetto agli altri. Prendono la sufficienza perchè son riusciti a concludere la gara, mentre in SBK tutti i piloti han deciso di uccidersi pur di non mettere piede in pista. E infatti nessuna Ducati al via in Gara 2. In MotoGP dovrebbero prendere esempio.
Scherziamo ovviamente! Ci dispiace sempre molto quando i piloti si fanno male, e sta succedendo un po’ troppo spesso in questi ultimi tempi. Un abbraccio ai Ducatisti e a tutti i grandi assenti di oggi nella SBK!
Un abbraccio speciale al nostro Carlos che purtroppo vede chiudersi così una stagione iniziata male e finita peggio.

Ah…parlando di SBK…grandissimo Toni Elias. Ok mancava tipo mezzo schieramento, tra cui la metà dei piloti di testa, ma arrivare e stare con i primi dopo pochi chilometri è davvero qualcosa di inaspettato per un pilota sì campione del Mondo, ma che ultimamente sembrava l’ombra dell’ombra di quello che era prima!

Debs: ma quindi abbiamo infilato anche un po’ di SBK?
Mari: eh vabbè dai ci stava alla fine, sono due note che meritavano di essere scritte!
Debs: ma sì tanto ormai i diritti li ha DORNA, possiamo mischiare anche noi!
Mari: come la mentos con la coca cola?
Debs: Dal disgustoso all’esplosivo…mi fai paura…
Mari: salutiamo e diamo appuntamento alla prossima?
Debs: Sì…se nel frattempo non ci fai saltare in aria…
CIAO!

In collaborazione con: Deborah Iacopetta
Foto: Alex Farinelli

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

2 commenti
  1. Avatar

    mugello

    18 settembre 2013 at 17:21

    a rossi almeno un 15 quanti sono i secondi beccati

    10 fuorigi , mancava solo pernat e le sue megagalattiche ………..

    48 a graziano per le sue ( convinte ) perle tipo :

    ” vale quest’anno è una wild card anche se fa tutte le gare , si sta preparando per il 2014 quando potrà puntare con decisione al titolo ”

    da rotolarsi per terra .

    p.s. il voto 48 a graziano è più cabala napoletana che………….

    sempre simpatiche le vs. pagelle

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati