MotoGP: Valentino Rossi “Peccato non aver potuto lottare per il podio qui a Misano”

Ancora un quarto posto per il pesarese della Yamaha, che dopo le qualifiche di ieri puntava al podio

MotoGP: Valentino Rossi “Peccato non aver potuto lottare per il podio qui a Misano”MotoGP: Valentino Rossi “Peccato non aver potuto lottare per il podio qui a Misano”

E’ un Valentino Rossi dispiaciuto quello che parla al termine del Gran Premio di San Marino e Riviera di Rimini, sua gara di casa. Il pesarese che partiva dalla prima fila puntava al podio, ma si è dovuto arrendere ai tre spagnoli, Lorenzo, Marquez e Pedrosa. Nei primi giri è riuscito a tenere il ritmo delle Honda, mentre successivamente il suo ritmo è calato. Lorenzo invece è stato sempre imprendibile, scappato sin dalla prima curva.

“Sono dispiaciuto, perchè non sono riuscito a lottare per il podio in quella che è la mia gara di casa, qui a Misano, davanti al mio pubblico. Nelle prove ero andato bene, partivo dalla prima fila e quindi pensavo al podio, ma in gara è stato difficile, i primi tre (Lorenzo, Marquez e Pedrosa) sono andati molto forte. Pedrosa in prova aveva avuto qualche problema, ma poi in gara è andato molto forte. Ho provato a resistere, ma mi si è chiusa un paio di volte davanti.

Ho fatto una buona partenza, ma sono stato sorpreso da quella anticipata di Espargarò. Poi sono comunque riuscito a superarlo e nei primi giri di gara sono andato molto forte. Marc all’inzio ha commesso qualche errore, ma poi si è ripreso e non sono riuscito a tenere il suo ritmo. Il suo è stato un sorpasso duro, ma corretto, bello, soprattutto per lui!

Questo è un quarto posto diverso dagli ultimi, perchè in prova sono andato forte e puntavo al podio. Purtroppo soffro con il serbatoio pieno, sono più alto e più pesante e quindi è uno svantaggio, ma devo comunque migliorare. In gara ho tenuto un buon passo nei primi giri, poi non ce l’ho più fatta, ma il mio giro veloce e quello di Lorenzo sono molto simili.”

Quanto ha influito il cambio seamless sulla vittoria di Lorenzo e quanto ti aiutato?

“Il cambio seamless mi è subito piaciuto, ma oggi Jorge è stato fantastico dal primo all’ultimo giro. Ha fatto un primo giro fantastico, ha fatto subito la differenza e al secondo giro ha fatto il giro migliore della gara. Guida molto bene, in campionato ha 34 punti di svantaggio, ma non è finito. Io invece oggi ho avuto più problemi davanti che non in accelerazione e lì il seamless non ti aiuta.”

Tuo papà Graziano ha detto che quest’anno per te ogni gara è come una wild card, sei d’accordo?

“Sicuramente anche se è strano a dirsi devo riabituarmi a stare davanti. Negli ultimi due anni ho lottato per la settima, ottava posizione e arrivavo a 40 secondi, adesso è un altro modo di fare le corse. Sono d’accordo sul discorso margini di miglioramento, ancora non guido la moto come Lorenzo, dobbiamo migliorare e potrebbero aiutarci già i test di domani, dove proveremo del nuovo materiale.”

La chiave per vincere le gare quest’anno sta nel partire a “razzo” nei primissimi giri?

“E’ un discorso che può valere per Marquez e Lorenzo, oggi ad esempio Jorge ha guidato subito al limite soprattutto nelle prime cinque curve, dove si fida ed è bravo, non sbaglia mai una partenza, sta facendo un lavoro eccellente.”

Tuo fratello oggi debuttava come wild card nel motomondiale, ma la sua gara è finita subiti, che ne pensi?

“Purtroppo è partito male, ha perso delle posizioni e nel tentativo di recuperare è caduto. Peccato, perchè la gara è un’altra storia rispetto alle prove e gli sarebbe servita per fare una grande esperienza.”

MotoGP: Valentino Rossi “Peccato non aver potuto lottare per il podio qui a Misano”
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

25 commenti
  1. V.D.S

    15 settembre 2013 at 19:30

    Quoto in pieno,altra durissima bastonata presa dagli spagnoli,e soprattutto da Lorenzo!
    E’ il quarto dei quattro,inutile cercare scuse.

  2. bibo

    15 settembre 2013 at 20:32

    ha lottato per il podio???
    :-)

  3. testoner

    15 settembre 2013 at 21:29

    replica a @lyonn per un articolo di qualche giorno fa…… ahahahahahahahahahahahahahahaahahahahahahahahaahahahahahahahahahahahaahahahahahahahaahahahahahahahaha…. cogli@ne cosa hai da dire oggi??? che e’ vecchio??? almeno lentino tira fuori la scusa che deve ancora abituarsi…… vai vai…. vai nelle spiagge nudiste a fartelo spigne!!!!!! VALE HOMM E M@RD!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • fatman

      16 settembre 2013 at 18:46

      …ahahahahah…nudista e fascista insieme al suo amicone w il sic…e vai di fegato alla pesarese…valem@rd@!!!

  4. testoner

    15 settembre 2013 at 21:30

    CHI SA SE MI BANNERANNO ANCHE PER QUESTO…… mi sa che lyonn ha attirato l’attenzione di qualcuno nella direzione…..

    • zukki

      16 settembre 2013 at 13:52

      io non ti bannerei mai sei bello così ci fai sentire tutti migliori!

  5. Bryan

    16 settembre 2013 at 07:44

    Rossi può guardare il lato positivo, Bautista aveva problemi ai freni, altrimenti avrebbero fatto un’altra gara in coppia…

  6. TONYKART

    16 settembre 2013 at 09:29

    Questo e ‘ il tuo potenziale,se nn ci sei riuscito qui o al Mugello figuriamoci su altre piste.comunque….quello che ricorderò questa domenica è l intervento di suo padre Graziano nel dopo gara ,traspariva dal suo tono di voce e dalle sue parole un invidia e una rabbia verso i piloti che gli stanno davanti e chiunque insinuasse a dire che Valentino non è più competitivo.e stato bruttissimo questo cosa ha vinto Valentino lo Sanno anche i sassi ma perché sputare addosso a tutto e tutti se le sue prestazioni non sono all altezza dei migliori???cosa vuol dire che per 2 anni ha guidato qualcosa di terribile e ora deve azzerare il suo cervello?????!!!!!!!!!!ma stiamo scherzando?????ormai Valentino non ha più niente da imparare o abitudine da cambiare non è veloce e nn guida sopra ai problemi tecnici.

    • testoner

      16 settembre 2013 at 09:43

      parole sante.

    • Ronnie

      16 settembre 2013 at 10:58

      Secondo me vi sbagliate, il potenziale ce l’ha la moto, la squadra il pilota.

      Se con Lorenzo la moto va così forte, anche con Rossi ci può andare.

      Alla fine dalle interviste pre e post gara di Lorenzo, si è capito, che Jorge vuoi per tattica vuoi per fortuna vuoi per bravura, ha trovato il setting vincente solo nel Warm Up. Cogliendo tutti gli altri di sorpresa. Rossi nel Warm Up invece è andato nella direzione opposta ed è dovuto tornare al setting del giorno precedente.

      Questo vuol dire che si Lorenzo fa la differenza nei primi giri, ma sulla distanza di gara la soluzione che ha trovato, ha pagato più di quella degli avversari.

      E di certo non ha cambiato la durezza della forcella, o di sicuro non solo quello ma qualcosa di più radicale che ha influenzato e migliorato il comportamento della moto nell’insieme.

      Rossi e il suo team, non mi aspetto che capiscano la M1 quanto il team di Lorenzo che per 2 anni, l’ha portata al limite imparando a piloti come Stoner.

      Non dimentichiamo che il 2011 è sicuramente l’anno in cui Lorenzo ha dovuto fare quello che in un certo senso sta facendo ora Rossi, ovvero perdere prendendo una bella paga da Stoner che dominò il mondiale.

      Ora vediamo che Lorenzo è molto più forte del 2011. Per Rossi è più difficile visto l’età sua e di parte del suo team fare questo cambiamento. Secondo me non sta dando il 110% come qui a Misano in tutte le gare. Però bisogna dire che Rossi e Team le stanno provando tutte per avvicinarsi ai primi, e non è detto che con il tempo ci riescano. La vedo motlo dura per Rossi di vincere ancora un mondiale, ma forse con il tempo riuscirà di nuovo a lottare per il podio fino a fine gara, e a vincerne magari qualcuna. Se Lorenzo è così preoccupato dal fatto di non rivelare i segreti per far correre velcoe la Yamaha al suo compagno e agli avversari, vuol dire che quella soluzione la potrebbero trovare anche loro, come l’ha trovata Stoner e l’ha trovata lui nelle scorse stagioni.

      • fatman

        16 settembre 2013 at 11:17

        …dispiace, rossi e’ indifendibile…fatevene una ragione!

      • ligera

        16 settembre 2013 at 12:51

        Era coi primi (ancora) e si è fatto staccare.
        Vale non ha quei tempi, c’è poco da dire, si, ci fa 1-2 giri, ma poi….
        La moto c’è, il compagno pure, se non fa tempi simili (Vale) da cosa potrà mai dipendere?

        Ho pensato ai fan quando Marc ha sbagliato e Vale lo ha sorpassato, ho pure sentito l’urlo, poi, quando Marc lo ha ripassato con un sorpasso da applausi, ho ancora pensato al popolo giallo…..

        I miei complimenti Marquez, grandissimo. Questo è il futuro della motoGP, c’è poco da fare e da dire al riguardo.

        Lorenzo ha sistemato meglio la moto già nelle Fp4 e c’è da dire che aveva perso un’intera sessione di prove o quasi per lavorare sulla parte meccanica del freno motore (la Yamaha ha qualcosa del genere che tecnicamente non so bene di cosa si tratti)

        Il 2011 di Lorenzo non è paragonabile al 2013 di Vale.

        L’età non conta, fisicamente è integro, è preparato e questa età non è così influente da determinare queste prestazioni.

        Era la sua pista, praticamente l’ultima occasione, prove ottime, griglia ottima, tutto un “mondo” (in giallo) in attesa di poter riprendere fiato e Lui non da 110%?
        Scusa, ma non lo credo neppure se fosse vero (è un modo di dire).

        Altri erano molto più preoccupati di non divulgare i loro “segreti”.
        In Yamaha, sopratutto nel factory team, non è tutto a disposizione di tutti?

        Vale ha già detto di non riuscire a guidare la Yamaha con le regolazioni di Lorenzo (come è stato già scritto in queste pagine), non vi sembrano le stesse parole di 2 anni fa quando non riusciva a guidare la Ducati come Stoner?

        Mi associo a fatman, indifendibile!

      • Ronnie

        16 settembre 2013 at 19:21

        va be’ voi restate delle vostre idee, pensate che si condividano i segreti della messa a punto, ma voi vivete nel vostro mondo.

        Nessuno condivide i segreti del successo, mi spiace ma non capite molto delle competizioni, se pensate che tutto sia a disposizione di tutti.

        Qui non è una questione di regolazioni di base, quello che ha trovato Jorge per mantenere quel passo per tutta la gara, è un bel segreto che di certo non divulgano nè a Rossi nè a Crutchlow, nè tanto meno agli Hondisti.

        Questa volta vuoi perchè è Misano Rossi ha fatto i tempi di Lorenzo fino al Sabato, e anche Rossi ha buttato via parte delle prove perchè Bridgestone gli ha chiesto di provare la Dura al posteriore.

        E anche in gara questa volta mi spiace diverlo cari detrattori, Rossi ha fatto il gero veloce di Lorenzo di Pedrosa e molto vicino a Marquez, quindi perlomeno a Misano è arrivato al loro livello.

        Poi gli manca ancora un bel po’ sul setting da migliorare per tenere quel passo per tutta la gara e forse anche fisicamente, perchè se guardate Rossi quando arriva alla fine, non è stanco perchè si prende sempre tanti secondi, mentre Lorenzo è sempre sfinito perchè tenere quel ritmo per tutta la gara è sfiancante e lui è più giovane di Rossi.

        Lorenzo il passo avanti l’ha fatto nel Warm Up come faceva Rossi una volta. E forse è stata tutta una tattica quella di prendere di sorpresa Marquez il giorno della gara, perchè nel week-end era sempre rimasto dietro, ora se questo era un trucchetto tattico è probabile che non funzionerà di nuovo e Marquez come ha fatto oggi in prova spingerà sempre al limite e non si accontenterà di staccare di poco Lorenzo.

      • fatman

        17 settembre 2013 at 10:30

        …viviamo nel nostro mondo ahahahahah…ma se segui il mondiale da poco e parli…quanti piloti forti hai visto? Sheene, l’hai visto? E Spencer…ripeto: rossi e’ veramente indifendibile!!!

      • ligera

        17 settembre 2013 at 16:31

        Ronnie, ti rispondo in fondo, con uno spazio così stretto, il post si allungherebbe troppo.

  7. zukki

    16 settembre 2013 at 13:56

    guarda quanti gufi!
    escono dalle tane anche di giorno!
    a me la gara di Vale è piaciuta, non pretendo che vinca per continuare a tifarlo..
    E’ come quando vedo Federer giocare a tennis, mi aspetto sempre che faccia qualcosa!
    Seguirò Vale sino al ritiro, chiaramente tifando anche altri piloti, preferibilmente italiani!
    Vi lascio al campionato dei lanciamer.da!
    ciao ragaz!

  8. thorns

    16 settembre 2013 at 14:32

    Con rammarico bisogna prendere atto che Rossi non è più quello dei tempi d’oro. Tra qui e l’anno prossimo gli capiterà ancora qualche podio e magari un’altro “scoppio” come quello di Assen ma ormai ci si deve rassegnare al calo. È normale.
    Lo è stato anche per Schumi in F1. Lo sarà per Lorenzo, Stoner, Marquez tra x anni.

    Ieri gliel’ha data su. Poche storie.

    Mi fa pena suo padre che soffre tanto nel vedere suo figlio così e usa addirittura la scusa paterna della wild card. Povero.

    Con tutto questo continuo ad essere tifoso del 46 onore a lui di averci riprovato (avrebbe potuto scegliere ducati e continuare nelle scuse assai più facili invece di rimettersi in gioco)

    Spero che possa tornare, magari l’anno prox. ma dopo ieri le probabilità sono al 10%. Gli servirebbe un gran jolly.

    Il resto sono solo commenti offensivi tanto per “darsele” tra utenti.

    Saluti a tutti

    • fatman

      16 settembre 2013 at 18:44

      …bravo tohms…bisogna riconoscerti la sincera sportivita’ che esprimi nei tuoi post…grossissima stima!!!

  9. mugello

    16 settembre 2013 at 18:33

    Rossi “Peccato non aver potuto ……..

    peccato per i tifosi che ti ritrovi…..
    peccato per i tuoi lacchè tipo banda medaset….
    peccato per i tuoi parenti a fuorigiri……..
    peccato che nakamoto ha svela il tuo trucco e la tua fortuna ………….
    peccato perché con una honda saresti stato più competitivo …….
    peccato che non ci sono più i gibernau , ukawa , edwards ………
    peccato perché non hai Mai e dico mai avuto rispetto per i tuoi avversari…..
    peccato perché lo Zio ti ha messo su una Yamaha…….
    peccato che non puoi dare la colpa alla moto ………..
    peccato che non hai mai e dico mai avuto un briciolo di umiltà…..
    peccato hai fatto credere a chiacchiere di essere un gran sviluppatore e ……
    peccato perché i tuoi tifosi ci hanno creduto………
    peccato , il peccato nasce dal MALE , il Male ha un nome e cognome valentino ezepeleta ….
    peccato che questo meraviglioso sport che era è diventato un circo e i pagliacci l’hanno fatta da padrone ……
    peccato che il grande pubblico applaude più i clown e non i trapezisti …….
    peccato perché la tua carriera già finita lo zio l’ha tirata fino a le mans 2010 ……
    peccato che lorenzo sedendosi sulla sedia gialla ( le mans 2010 ) ha interrotto……….

    continua………..

    • testoner

      16 settembre 2013 at 21:49

      @mugello. ho le lacrime agli occhi… sei sempre il solito.

      • fatman

        17 settembre 2013 at 10:31

        …un grandissimo…un po’ coe il tuo amicissimo lyonn “er nudista impavido”…ahahahahahahahah!!!

    • ligera

      17 settembre 2013 at 16:41

      Scusa mugello, ma se permetti ne colorisco alcuni.

      peccato che non ci sono più i gibernau , ukawa , edwards ………
      (Edwards c’è ancora e lo batte regolarmente)

      peccato perché lo Zio ti ha messo su una Yamaha…….
      (Non so dove, ma qualcuno ha insinuato che lo stipendio attuale di Vale sia pagato dalla Dorna e con questo escamotage si è portato via il posto che sarebbe toccato a Dovizioso o Crutchlow)

      peccato che non puoi dare la colpa alla moto ………
      (Dal mio punto di vista, a volte continua a riversare sulla moto parte delle colpe)

      peccato , il peccato nasce dal MALE , il Male ha un nome e cognome valentino ezepeleta …
      (questa è stupenda, volevo solo sottolinearlo)

      Per tutto il resto, mi trovi completamente daccordo.

  10. saverio tomaselli

    17 settembre 2013 at 10:57

    Sì, un gran peccato! Ma quanti peccatori! Valentino è un fuoriclasse, il più grande di tutti i tempi. Lo ha detto Lorenzo: “Il più grande tra Agostini e Hailwood?
    Credo che il più grande di tutti i tempi sia stato Valentino. Io ci ho corso contro e so quello che dico”.
    Comprendi amico mio? Ci sono le eccellenze, i bravi … e i mediocri. Questi ultimi se sono anche presuntuosi sono dissacranti e anche patetici.
    Non vergognarti del fatto che tu non sia un eccellenza, può darsi che tu non sia un mediocre.
    Se, poi, lo sei ed anche presuntuoso, allora io ho perso tempo.
    Un saluto,
    Saverio Tomaselli

  11. ligera

    17 settembre 2013 at 16:32

    X Ronnie

    Non penso che le chiacchierate si debbano fare cambiare idea alle persone, ma solo esporre il proprio punto di vista, se poi c’è qualcuno che, leggendo trova un diverso punto di vista che gli faccia cambiare l’idea di partenza, tanto meglio, non penso comunque che fare mutare l’opinione altrui debbe essere una priorità.

    Dovremmo chiarire cosa si intende per “segreti del successo”, riferito alle competizioni ovviamente.
    Dominio di tutti, sono le regolazioni, i setting e quant’altro sia legato alla regolazione della moto.
    Da quel che so, in un team, tutti possono accedere ai dati di tutti.
    Io la penso così, ma se sono in errore, dimmi pure a quali aree di intervento stai parlando.

    Oltre alla sua particolare guida pulita, al modo di fare scorrere la moto in curva (proprio di ogni pilota), non vedo come non siano da considerare le regolazioni come parte fondamentale delle prestazioni di Lorenzo.
    Comunque, sempre aperto a nuove notizie.

    Vale avrebbe “sprecato” una parte delle prove per provare la gomma dura?
    Provare delle novità non è mai tempo sprecato.
    Credo che se Valentino ne avesse sentito la necessità, avrebbe proseguito col suo lavoro in previsione gara, se lo ha fatto è perchè riteneva di poterlo fare.
    Proprio adesso si sta parlando dei test post-gara, quale momento migliore per provare le nuove gomme, così come hanno fatto in Ducati ad esempio.

    Torno a dire che 1-2 giri “alla morte” non possono essere presi come metro di paragone.
    Domenica, i giri in 1.34.basso (1.34.0 – 1.34.2) sono stati:

    Lorenzo: 9 giri + 11 in 1.34.3 (20 su 28)
    Marquez: 13 con un giro in 1.33.9 + 6 in 1.34.3 (19 su 28)
    Pedrosa: 7 giri + 7 in 1.34.3 (14 su 28)
    Valentino: 5 giri + 0 in 1.34.3 (5 su 28)

    Dicevi a proposito del livello raggiunto da Valentino? Quei giri li ha fatti tutti entro il primo terzo (1/3) della gara (dal 5° all’9° giro), segno che ci ha davvero provato a guidare forte fin dall’inizio (si diceva che quello era il suo punto debole), ma visto com’è finita la gara, forse problemi sono anche altri.
    Chissà non dipenda dal pilota.

    Una gara è sempre sfiancante. Vale è fisicamente integro (nessun dolore) ed è assolutamente preparato fisicamente (allenato).
    Inoltre, se si stanca prima (come sostieni), dovrebbe arrivare al traguardo sfatto, invece tu hai notato che Lorenzo era più stanco di Lui.
    Questo non ti suggerisce che Lorenzo ha tirato e ha dato tutto, mentre Vale, quando ha visto che non reggeva il ritmo, ha gettato la spugna?
    A me l’impressione è quella.

    Lorenzo, già nella nella Fp3, girava in 1.34.2 e nella Fp4, girava in 1.34.1.
    Lorenzo ha migliorato alla fine delle prove perchè ha perso quasi un’intera sessione, se non avesse avuto quell’intoppo, avrebbe fatto come al solito.
    Vale invece, riusciva a migliorare nel Warm-Up (una volta) e ci sono tante teorie al riguardo.
    I 2 fatti, dal mio punto di vista, non sono attinenti l’uno all’altro.

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

MotoGP

MotoGP: Bridgestone festeggia i 200 GP

Per l'occasione c'è anche stata la seconda edizione del concorso fotografico
Condividi su WhatsApp Venerdì scorso a Misano la Bridgestone ha celebrato i suoi 200 GP in MotoGP. La casa giapponese