MotoGP Laguna Seca, Gara: Il punto di vista della Bridgestone

Sul tracciato californiano tutto ok per i giapponesi che annunciano che dal gp di Brnò arriverà una nuova gomma

MotoGP Laguna Seca, Gara: Il punto di vista della BridgestoneMotoGP Laguna Seca, Gara: Il punto di vista della Bridgestone

Marc Marquez con la sua Honda ufficiale si è aggiudicato il gran premio di Laguna Seca, terza vittoria dell’anno, battendo Stefan Bradl con la Honda di Cecchinello e Valentino Rossi con la Yamaha.
Le condizioni atmosferiche che c’erano domenica in pista a Laguna Seca erano quelle tipiche della California, con nebbia e fresco la mattina e caldo il pomeriggio. Domenica quando è partita la gara la temperatura del tracciato aveva raggiunto i 50° e splendeva il sole. Queste condizioni atmosferiche non hanno certo sorpreso la Bridgestone, infatti da quando la MotoGP è tornata sul circuito californiano nell’ormai lontano 2005, si è sempre corso con sole e gran caldo.

“La mattina faceva molto freddo ma poi la temperatura è aumentata di molto nel pomeriggio – ha affermato Masao Azuma, capo ingegnere del reparto sviluppo di Bridgestone Motorsport – e questo è tipico della zona del circuito di Laguna Seca. Comunque anche se le temperature durante la giornata aumentavano di circa 40 gradi rispetto al mattino, venerdì e sabato c’era un vento fresco che rendeva più difficile il riscaldamento delle gomme. Per questo i piloti hanno scelto la gomma anteriore morbida fino a quando non hanno trovato il giusto feeling con il tracciato. Domenica invece il vento non era più molto forte perciò nessun pilota ha optato per l’anteriore morbida. Invece alla posteriore, nonostante le alte temperature che c’erano domenica, nessun pilota ha scelto la gomma dura. Soltanto tre piloti della CRT hanno scelto la posteriore morbida per la gara. Tra i piloti di vertice solo Stefan Bradl ha provato la morbida dietro nelle libere del venerdì ma poi ha optato per la dura perchè offriva più grip e una migliore durata. Lo scorso anno invece il vincitore usò la dura al posteriore, mentre quest’anno nessuno ha fatto questa scelta, anche se siamo ugualmente soddisfatti perchè alla fine non ci sono stati problemi di usura in gara.
Quest’anno comunque quasi sempre i piloti optano per la gomma morbida o media al posteriore al posto della dura. Questo è dovuto all’evoluzione delle moto e dell’elettronica che è stata fatta in questa stagione e che ha reso più impopolare la dura. Per questo motivo stiamo lavorando su un nuovo tipo di mescola dura, però prima di portarla in pista dobbiamo provarla a dovere. Comunque credo che per il gran premio di Brno di fine agosto saremo in grado di portare questa nuova gomma in pista”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

5 commenti
  1. Avatar

    mugello

    27 Luglio 2013 at 10:43

    chissà chi si avvantaggerà ? l’anno scorso la bridg fece la stessa manovra a metà campionato costringendo la honda a fare 5 telai diversi per adattare la nuova gomma ant alla loro ciclistica e ne beneficiò la yamaha come premio per aver accettato a malincuore di riprendersi zimbellino con stipendio dorna, questa nuova gomma sarà la gommina tanto ostacolata da nakamoto ???
    finché c’è codardino saranno solo gare FALSE .

  2. Avatar

    bibo

    27 Luglio 2013 at 16:01

    sembra che il nome della nuova gomma sarà gommina..
    :-)

  3. Avatar

    bibo

    27 Luglio 2013 at 16:02

    poi arriverà la centralina..

  4. Avatar

    bibo

    27 Luglio 2013 at 16:03

    infine la suzukina…

  5. Avatar

    bibo

    27 Luglio 2013 at 16:05

    chissà perche ,quando si parla di gomme i tavullebani non si fanno vedere….
    :-)

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati