MotoGP Sachsenring, Gara: Il punto di vista della Bridgestone

Nessun problema per il fornitore unico di pneumatici durante il GP di Germania

MotoGP Sachsenring, Gara: Il punto di vista della BridgestoneMotoGP Sachsenring, Gara: Il punto di vista della Bridgestone

Il Gran Premio di Germania classe MotoGP è stato vinto da Marc Marquez, che è anche il nuovo leader del mondiale. Il rookie della Honda ha vinto una gara corsa ad alti ritmi e con una temperatura dell’asfalto che ha raggiunto un picco di 39° alla partenza della gara, prima di scendere leggermente verso la fine dei trenta giri. Il circuito tedesco è uno dei più duri per gli pneumatici, ma a differenza delle prove ci sono state solo due cadute, senza conseguenze fisiche per Yonny Hernandez e Bryan Staring.

“Nella gara di oggi c’è stato un ritmo molto veloce e Marc (Marquez, ndr) ha fatto un lavoro fantastico andando a cogliere la sua seconda vittoria dell’anno. All’inizio della gara più piloti si sono alternati al comando – ha detto Hiroshi Yamada, Responsabile Bridgestone Motorsport – per la gioia dei tifosi e il ritmo è stato così veloce che è stato battuto il record della gara. E’ un peccato che Jorge (Lorenzo, ndr), Dani (Pedrosa, ndr) e Andrea (Iannone, ndr) non hanno potuto prendere parte alla gara a causa dei loro infortuni, auguro a tutti loro una pronta guarigione e spero di poterli vedere già la settimana prossima a Laguna Seca.”

“Oggi è stata una buona gara e il ritmo è stato veloce. La prestazione degli pneumatici sulla distanza di gara è stata eccellente, con tempi costanti e una diminuzione del livello di grip era abbastanza prevedibile – ha aggiunto Shinji Aoki, Responsabile Bridgestone Motorsport Tyre Development Department – Il Sachsenring è uno dei circuiti più tecnici del calendario e sono felice che dopo un inizio difficile di weekend i piloti, i team e i tecnici Bridgestone siano stati in grado di lavorare insieme per trovare una soluzione per correre in modo veloce e sicuro.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati