Moto2 Phillip Island: Stravince Espargarò, Marquez è Campione del Mondo

Non basta la vittoria di Pol Espargarò, Marquez è il nuovo Campione della Moto2

Moto2 Phillip Island: Stravince Espargarò, Marquez è Campione del MondoMoto2 Phillip Island: Stravince Espargarò, Marquez è Campione del Mondo

Pol Espargarò ha stravinto il Gran Premio d’Australia classe Moto2, ma il mondiale nel giorno della quarta vittoria del pilota del Team Pons va a Marc Marquez, pilota del Team CatalunyaCaixa Repsol. Il prossimo pilota Honda Repsol MotoGP ha corso una gara accorta, andando nel finale ad attaccare Scott Redding per prendersi il terzo gradino del podio. Un mondiale questo di Marquez più che meritato e che rende giustizia a quello dello scorso anno, perso per un problema di vista causato da una caduta non a lui imputabile. Marquez bissa quindi il titolo conquistato nel 2010 nella classe 125cc. Per lui parlano i numeri: 25 vittorie (10 in 125cc 15 in Moto2), 5 secondi posti in Moto2, 8 terzi posti (4 nella ottavo di litro e 4 nella Moto2), 38 podi (14 nella 125cc e 24 nella Moto2), 28 pole position (di cui la metà in Moto2) e 15 giri veloci, 9 nella 125cc e 6 nella Moto2.

Cronaca di gara

I piloti della classe Moto2 sono pronti per disputare l’AirAsia Australian Grand Prix, sedicesimo appuntamento del motomondiale 2012 della classe intermedia che si disputa sul circuito di Phillip Island. Pole position (la settima dell’anno) per “Polyccio” Espargarò, pilota del Team Tuenti Movil HP 40. In prima fila con lui il britannico Scott Redding su Kalex del Marc VDS Racing Team e il connazionale nonché leader del mondiale Marc Marquez, in sella alla Suter del Team CatalunyaCaixa Repsol. Primo dei piloti italiani è Andrea Iannone, ottavo con la Speed Up del Team Speed Master, mentre il romano dello Ioda Racing (corre con una FTR) Simone Corsi è undicesimo. Alessandro Andreozzi con la seconda Speed Up del Team Speed Master è invece in ventisettesima posizione. Non prenderà invece il via Alex de Angelis, pilota del Team NGM Mobile Forward Racing. Il rider sammarinese, vincitore domenica scorsa a Sepang, in una caduta avvenuta al termine delle qualifiche ha riportato la lacerazione del tendine anulare della mano sinistra ed è stato operato. Tutto pronto, venticinque i giri da percorrere, spunta un pallido sole ad illuminare circuito australiano. Si spengono i semafori, al via il più veloce è Marc Marquez, che però viene superato al termine del rettilineo dal giapponese del Team Italtrans Takaaki Nakagami. Seguono Pol Espargarò, Luthi. Redding, Zarco, Rabat, Iannone, Aegerter e Kallio.

Si chiude il primo giro, Nakagami guida la gara davanti a Marquez, Pol Espargarò, Zarco, Redding. Luthi, Rabat, Aegerter, Iannone e West. Simone Corsi con la FTR dello Ioda racing è 13°. Intanto va forte Marquez, che si porta in testa alla gara. Rimonta Polyccio Espargarò, che dopo aver superato Nakagami è ora alla caccia del leader del mondiale Marc Marquez. Il pilota del Team Pons lo passa sul rettilineo e poi fa segnare due giri veloci consecutivi 1’34″028 e 1’33″861.

Inizia la fuga del pilota del Team Tuenti Movil HP 40, il suo vantaggio aumenta curva dopo curva. Purtroppo intanto c’è un problema alla Speed Up di Andrea Iannone, moto fumante e gara finita per l’abruzzese del Team Speed Master. Va forte anche Scott Redding, che supera Marc Marquez in sella alla Kalex del Marc VDS Racing Team, portandosi in seconda posizione.

Detto dei primi tre, in quarta posizione troviamo il pilota di casa Anthony West, che con la sua Speed Up del QMMF Racing Team precede lo svizzero Dominique Aegerter, lo spagnolo Esteve Rabat, il francese Johann Zarco e il romano dello Ioda Racing Simone Corsi. Chiudono la momentanea Top Ten Takaaki Nakagami e Mika Kallio.

A metà gara il vantaggio di Polyccio Espargarò sugli inseguitori è imbarazzante, superiore ai nove secondi. C’è però da dire che Marquez starà sicuramente pensando al mondiale, è lui al momento il campione “virtuale” di questa Moto2. Il pilota del Team CatalunyaCaixa Repsol è sempre dietro a Scott Redding, secondo con la Kalex. Cade intanto Thomas Luthi, che risale in sella e continua la sua gara.

Intanto dietro Anthony West gira molto forte ed è ora ad un solo secondo da Marquez. L’australiano, autore di una bella gara sotto l’acqua di Sepang, proverà a regalarsi il podio nella sua gara di casa. Ultimi giri, al momento Marquez è virtualmente il nuovo campione del mondo della classe Moto2, non bastano infatti a Pol Espargarò i 25 punti della vittoria. Buona intanto la gara di Simone Corsi, ora quinto. Il romano dello Ioda Racing non potrà però migliorare ancora, il quarto è infatti lontano.

West attacca Marquez portandosi in terza posizione. Lo spagnolo (prossimo pilota Honda Repsol MotoGP) non vuole prendere rischi inutili quando ormai manca poco più di un giro al termine della gara. Inizia l’ultimo giro, West attacca anche Scott Redding portandosi in seconda posizione, mentre Pol Espargarò va a vincere la sua quarta gara dell’anno, sul podio con lui West e Marquez, che sale sul podio dopo aver sorpassato Redding, regalandosi il mondiale 2012 della Moto2. Una stagione da incorniciare quella dello spagnolo, che nel 2012 ha vinto 8 gare.

moto2 Gara Phillip Island - GP Australia - I tempi


Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap
1 41 Brad Binder Ktm Red Bull Ktm Ajo 38:53.277
2 88 Jorge Martin Ktm Red Bull Ktm Ajo +1.968
3 12 Thomas Luthi Kalex Dynavolt Intact Gp +6.021
4 9 Jorge Navarro Speed Up Beta Tools Speed Up +8.151
5 7 Lorenzo Baldassarri Kalex Flexbox Hp 40 +8.806
6 87 Remy Gardner Kalex Onexox Tkkr Sag Team +8.955
7 27 Iker Lecuona Ktm Monday.com American Racing +9.455
8 73 Alex Marquez Kalex Eg 0,0 Marc Vds +10.055
9 62 Stefano Manzi Mv Agusta Mv Agusta Temporary Forward +10.699
10 45 Tetsuta Nagashima Kalex Onexox Tkkr Sag Team +11.132
11 23 Marcel Schrotter Kalex Dynavolt Intact Gp +14.353
12 11 Nicolo Bulega Kalex Sky Racing Team Vr46 +14.641
13 2 Jesko Raffin Nts Nts Rw Racing Gp +18.541
14 21 Fabio Di Giannantonio Speed Up Beta Tools Speed Up +20.255
15 64 Bo Bendsneyder Nts Nts Rw Racing Gp +29.238
16 16 Joe Roberts Ktm Monday.com American Racing +30.870
17 33 Enea Bastianini Kalex Italtrans Racing Team +31.031
18 5 Andrea Locatelli Kalex Italtrans Racing Team +31.764
19 40 Augusto Fernandez Kalex Flexbox Hp 40 +33.324
20 22 Sam Lowes Kalex Federal Oil Gresini Moto2 +37.341
21 96 Jake Dixon Ktm Gaviota Angel Nieto Team +37.392
22 65 Philipp Oettl Ktm Red Bull Ktm Tech 3 +1:09.178
23 47 Adam Norrodin Kalex Petronas Sprinta Racing +1:10.717
24 3 Lukas Tulovic Ktm Kiefer Racing +1:11.606
25 18 Xavi Cardelus Ktm Gaviota Angel Nieto Team +1:12.066
26 20 Dimas Ekky Pratama Kalex Idemitsu Honda Team Asia +1:21.622
27 77 Dominique Aegerter Mv Agusta Mv Agusta Temporary Forward 1 Lap

Phillip Island - GP Australia - Risultati Gara

Clicca qui per entrare nella sezione Risultati e vedere tutte le statistiche

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Moto2

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Superbike

Superbike: Loris Baz a sorpresa per la Superpole

Grandissima prova di Davide Giugliano che partirà secondo davanti a Tom Stkes. Quarto e quinto posto per Melandri e Guintoli.
Condividi su WhatsApp Dalla lotta per la prima fila sulla griglia di partenza del round di Jerez de la Frontera,
Superbike

Superbike: Melandri torna davanti nella terza sessione di libere

A Jerez de la Frontera il pilota Aprilia precede Davide Giuglaliano e Toni Elias. Sesto Sylvain Guintoli e ottavo Tom Sykes. Fuori Leon Haslam dalla top ten.
Condividi su WhatsApp Le temperature più basse (aria 23°C, asfalto 33°C) per l’ultima sessione di prove cronometrate, valevoli ai fini
Superbike

Superbike: Baz soprende tutti nelle seconde libere a Jerez

Sul circuito andaluso il giovane francese della Kawasaki precede Marco Melandri e Tom Sykes, inamovibili dalla top three. Bene Giugliano quinto. Tra le EVO il migliore è Alessandro Andreozzi.
Condividi su WhatsApp Il meteo non cambia nella seconda sessione di libere, valevoli per l’accesso alla Superpole di domani, sul