Hafizh Syahrin e Zulfahmi Khairrudin raccontano la splendida domenica di Sepang

I due malesi sono stati grandi protagonisti ieri a Sepang nelle classi Moto2 e Moto3

Hafizh Syahrin e Zulfahmi Khairrudin raccontano la splendida domenica di SepangHafizh Syahrin e Zulfahmi Khairrudin raccontano la splendida domenica di Sepang

Ieri in Malesia i piloti locali Zulfahmi Khairrudin (AirAsia-Sic-Ajo – Moto3) e Hafizh Syahrin (Petronas Raceline Malaysia – Moto2, nella foto con il #86) hanno scritto una pagina storica nel motomondiale. Non era infatti mai successo che dei piloti malesi lottassero per la vittoria in un Gran Premio. Khairrudin dopo aver conquistato la pole position il sabato (giorno del suo 21esimo compleanno), in gara ha lottato come un leone chiudendo secondo alle spalle del vincitore del mondiale Sandro Cortese.

Dal canto suo Hafizh Syahrin è stato autore di una gara grintosissima nella Moto2, dove è stato anche in testa alla gara chiudendo ai piedi del podio. Ecco quanto hanno dichiarato i due protagonisti di una domenica che in Malesia dimenticheranno difficilmente.

“Ho spinto molto forte riuscendo ad arrivare al gruppo di testa – ha detto Hafizh Syahrin – All’inizio della gara, metà della pista era asciutta e questo mi ha permesso di fare alcuni giri molto veloci. Purtroppo, quando la pioggia è aumentata d’intensità non avevo abbastanza “gomma” per poter stare con i piloti “titolari”.

“Sono molto contento! – ha invece esclamato Zulfahmi Khairuddin – Sapevo che il mio passo era abbastanza buono per lottare per la vittoria. Alla fine ho fatto una bella battaglia con Sandro (Cortese, ndr). Ma ho deciso di accontentarmi del secondo posto perchè c’è sempre il rischio di cadere in situazioni come questa. Ora è il momento di godermi questa seconda posizione. Ringrazio la mia squadra e tutti coloro che mi hanno sostenuto per un lungo corso e anche ai miei tifosi.”

Hafizh Syahrin e Zulfahmi Khairrudin raccontano la splendida domenica di Sepang
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Moto2

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati