MotoGP Mugello, Prove Libere 3: Jorge Lorenzo si conferma al comando davanti a Pedrosa

Il maiorchino della Yamaha guida le Free Practice 3 davanti a Pedrosa e Stoner

MotoGP Mugello, Prove Libere 3: Jorge Lorenzo si conferma al comando davanti a PedrosaMotoGP Mugello, Prove Libere 3: Jorge Lorenzo si conferma al comando davanti a Pedrosa

Tempi subito interessanti nella terza ed ultima sessione di prove libere della classe MotoGP al Mugello, teatro del Gran Premio d’Italia Tim e giro di boa del motomondiale 2012 (nona di diciotto gare). Jorge Lorenzo e Casey Stoner complice anche una temperatura ottimale (24° nell’aria e circa 30° sull’asfalto) hanno subito girato sotto al minuto e 48, esattamente 1:47.584 e 1:47.873 nei primissimi minuti, crono già al di sotto del record della pista che apparteneva proprio all’australiano che lo scorso anno aveva girato in 1’48.034.

Nessuno è riuscito a battere il crono fatto segnare dal pilota maiorchino della Yamaha che chiude quindi al comando le Free Practice 3 con il crono di 1:47.584. Chi si è migliorato è invece Dani Pedrosa che chiude a 95 millesimi dal connazionale e che a sua volta ha preceduto il team-mate Casey Stoner (Repsol Honda Team) di 194 millesimi.

Quarto tempo per Ben Spies. Il pilota della Yamaha che ha anche fatto un “dritto” senza conseguenze chiude a 302 millesimi dal compagno di squadra Lorenzo, alle sue spalle le due Yamaha SAT del Team Tech 3 del nostro Andrea Dovizioso e del britannico Cal Crutchlow.

La prima Ducati è ancora una volta quella di Nicky Hayden. Lo statunitense che non sa ancora se il prossimo anno vestirà sempre di Rosso paga 605 millesimi da Lorenzo, dietro a lui il compagno di marca Hector Barberà (Ducati SAT del Team Pramac), Stefan Bradl con la Honda RC213V del Team LCR e Valentino Rossi, che chiude decimo a 1.156. Ci si aspettava di più dal nove volte campione del mondo, almeno in una pista dove la Ducati è di casa. C’è da dire che il pesarese (che ha sfoggiato un nuovo casco con la foto di Gianni Morandi e la scritta “restiamo uniti”) ha continuato così come ieri ad utilizzare lo stesso treno di gomme dure alternandole da una moto all’altra. I suoi tifosi però vorrebbero anche un acuto, un qualcosa che riaccenda la passione.

Dietro a Rossi troviamo invece la prima CRT, quello dello spagnolo Aleix Espargarò che si è preso il lusso di mettersi dietro la Honda prototipo di Alvaro Bautista (caduto per la terza volta in tre sessioni). Seguono Randy de Puniet, Ivan Silva e i nostri Michele Pirro e Danilo Petrucci, ottimo con la Ioda, la moto più lenta del lotto. Mattia Pasini chiude invece in diciottesima posizione.

MotoGp FP3 Sachsenring - Gp Germania - I tempi


Pos Num Pilota Moto Team Tempo Gap

Risultati non ancora disponibili.


Sachsenring - Gp Germania - Risultati FP3

Clicca qui per entrare nella sezione Risultati e vedere tutte le statistiche

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

4 commenti
  1. Avatar

    * Marco

    14 Luglio 2012 at 10:19

    lorenzo velocissimo e sopratutto fa dei gran giri veloci senza apparente difficoltà , la gomma dura è stata utilizzata da tutti , solo Spies nel finale ha messo la morbida . quindi le chiacchiere di ieri sono azzerate . vomitevole il casco del 46 con un arruffianamento senza precedenti e anche questo ci fa capire quanto i giornalai hanno rotto con le loro mega palle che davano il 46 in hrc,yamaha,team privato con coca-cola ecc. ecc.ecco guardare la realtà e fare affidamento sui FATTI proprio NO.

  2. Avatar

    blohm

    14 Luglio 2012 at 11:31

    E meno male che ci sei tu a “guardare la realtà” e “a fare affidamento sui fatti”.

  3. Avatar

    andrea z.

    14 Luglio 2012 at 11:33

    MARCO VALENTINO HA USATE IN 3 SEZIONI DI PROVE SOLO 2 TRENI DI GOMME SECONDO ME è PREOCCUPATO X LA DURATA IN GARA E ALLORA VUOLE VEDERE LA TENUTA A LUNGA DURATA …. VEDREMO NWELLE QUALIFICHE !!!!! LI SI KE SARANNO AZZERATE !!!

  4. Avatar

    andrea z.

    14 Luglio 2012 at 11:34

    PIU KE DIRE KE HYA USATE LE DURE HA USATO LE USURATE !!!!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati